• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Forse ti avrà detto che si può frazionare per avere l'abitabilità della parte dove non ci sono problemi: agibilità parziale.
Grazie. Eh no, neanche sapevo esistesse l'abitabilità parziale! mi spieghi meglio? cioè io posso chiedere abitabilità parziale solo di una unità immobiliare? il problema è che mi hanno detto che per chiedere il superbonus devo chiederlo per l'edificio intero, non si puo' chiedere per una sola unità immobiliare. Quindi siccome il mio obiettivo è avere l'abitabilità per ottenere il superbonus, anche chiedendo una abitabilità parziale, non otterrei comunque il Superbonus. Sbaglio?
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
secondo me vuoi fare tutto da sola. Il tecnico che dovresti consultare dovrebbe fare delle simulazioni e vedere se coibentando il tetto e installando il cappotto su tre lati il fabbricato guadagna rispetto allo stato attuale le famose due classi energetiche, necessarie per ottenere il bonus . Ovviamente i 3 lati devono corrispondere alla parte di abitazione che ha l'abitabilità. Comunque siccome la materia è complessa fatti una bella chiacchierata con un tecnico e per pararti dall'esito negativo di una eventuale verifica fatti una assicurazione ad hoc.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
secondo me vuoi fare tutto da sola. Il tecnico che dovresti consultare dovrebbe fare delle simulazioni e vedere se coibentando il tetto e installando il cappotto su tre lati il fabbricato guadagna rispetto allo stato attuale le famose due classi energetiche, necessarie per ottenere il bonus . Ovviamente i 3 lati devono corrispondere alla parte di abitazione che ha l'abitabilità. Comunque siccome la materia è complessa fatti una bella chiacchierata con un tecnico e per pararti dall'esito negativo di una eventuale verifica fatti una assicurazione ad hoc.
Grazie, cosa intendi per assicurazione ad hoc? come posso tutelarmi? Io già ho contattato un tecnico e mi ha detto che non posso chiedere il Superbonus per una sola unità immobiliare, ma per l'intero edificio! quindi anche facendo quello che tu dici e riuscire a ottenere le 2 classi energetiche solo sull'unità immobiliare che ha l'abitabilità, non posso ottenerlo ugualmente. Cioè il geometra mi ha detto è sufficiente gli do la concessione edilizia, però se un domani fanno un controllo, l'Enea o l'agenzia delle entrate, visto il Superbonus lo devo chiedere per l'intero edificio , vedono che mezza casa non ha l'abitabilità e questo mi chiedo se comporterebbe una bella multa o il ritorno delle somme spese. Comunque, lo so che non si possono risolvere questioni cosi complesse sul forum, proverò a chiedere altri pareri a professionisti. Tornando al discorso di prima dell'assicurazione, c'è un modo per tutelarmi quando mi mettono per iscritto determinate cose? cosa dovrei fare esattamente per non incorrere in sanzioni? Ti ringrazio
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Cioè il geometra mi ha detto è sufficiente gli do la concessione edilizia, però se un domani fanno un controllo, l'Enea o l'agenzia delle entrate,
lui avrà dei problemi; perché è lui che certifica la conformità urbanistica dell'edificio.
cosa intendi per assicurazione ad hoc?
intendo una assicurazione che interviene nel caso in cui ti venga revocato il superbonus e tu debba restituire l'importo finanziato.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
lui avrà dei problemi; perché è lui che certifica la conformità urbanistica dell'edificio.

intendo una assicurazione che interviene nel caso in cui ti venga revocato il superbonus e tu debba restituire l'importo finanziato.
Ah ho capito, non sapevo di questa opzione, ti ringrazio per le informazioni, seguirò il tuo saggio consiglio :)
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
se i professionisti tecnici fossero tutti competenti, .......già ho contattato piu di un professionista e mi dicono robe diverse. Pensa che l'ingegnere che ho chiamato mi ha detto che la casa si puo frazionare e chiedere cosi il superbonus solo per una delle 2 unità immobiliare ( la parte dove non c'è il problema delle altezze), e invece consultando internet e avendo altri pareri da un altro geometra risulta il contrario.
Sulla tua esclamazione "professionisti ....fossero tutti competenti"
ti rispondo con una metafora
immagina una sala operatoria, un cardiochirurgo che avrà fatto già 1000 e più interventi andati bene, un paziente sul tavolo operatori.......il paziente ci resta sotto ai ferri.
è incompetenza del chirurgo ? No, forse era il caso, l'intervento che era complesso al punto tale che non vie è stato nulla da fare.

Se torniamo al superbonus, immagina una norma articolata che intreccia questioni tecniche edilizie con il fisco e le finanze, che cambia ogni 6 mesi ed anche meno .......l'agenzia delle entrate che un giorno si ed un gg no emana chiarimenti ed interpretazioni.
Di tutto questo scenario ne vien fuori un qualcosa che nessuno (i tecnici) è certo di nulla e nessuno può avere una sicurezza assoluta, poi metti che si presenta un caso singolare e complesso (come il tuo) che non fa altro che "far peggiorare le condizioni e lo stato del paziente" ritornando all'esempio della sala operatoria.

Quindi il problema non è la competenza del tecnico MA la complessità del sistema che è stato creato,......poi va considerato che sono agevolazioni "a tempo" nel senso che hanno un termine, possono finire quanto prima, il che toglie al professionista anche la voglia di approfondire per eliminare le sue lacune (normative) per delle tematiche che a poco non possono più essere vigenti o non più applicabili.
Ad oggi, si sta parlando di prolungare il 110 al 2023,ma sono solo chiacchiere al momento che se restano tali....il gioco è bello che finito
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
l'ingegnere che ho chiamato mi ha detto che la casa si puo frazionare
se è oggettivamente possibile escludere quelle parti "difettose" per conferirgli una identità catastale distinta ......l'ipotesi non mi sembra tanto sbagliata.
Ovvio poi si deve conoscere la conformazione dell'immobile e ove quelle stanze siano posizionate affinchè si possa capirne la reale fattibilità della "separazione".
 

griz

Membro Storico
Professionista
è tutto regolare
abbiamo chiarito che tutto regolare non è altrimenti non sarebbe argomento di discussione, dovresti in pratica eliminare questi due locali chiudendo l'accesso e aggiornando quanto meno il catasto e sarebbe opportuno anche presentare una pratica edilizia. Un altro particolare: a che piano si trovano? non sarebbe possibile invece che alzare il solaio, abbassare il pavimento?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Ogni caso è a se, per darti una risposta si dovrebbero avere alla mano tutti i precedenti edilizi con eventuali condoni, sapere almeno l'anno di costruzione di questi due ripostigli con altezza utile interna pari a 2,20 ml e se siano o meno collegati agli altri ambienti dell'abitazione o abbiano un accesso separato dall'esterno.
Dato che hai una concessione edilizia, verifica quale altezza riporta per tutti gli ambienti e se questa torna con lo stato di fatto: non vorrei mai che abbiano alzato la pavimentazione di tutto il piano per rifare gli impianti e impermeabilizzazione.
Di deroghe oggi ne esistono parecchie, ma si deve sapere almeno se il fabbricato si trova in un comune montano o meno e come è stato legittimato nei precedenti edilizi.

Su internet trovi di tutto di più, spesso scritto da figure che non conoscono e non praticano la materia e che non specificano mai che il governo del territorio è di competenza regionale e che ogni comune può applicare deroghe nei limiti della normativa sovraordinata.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
abbiamo chiarito che tutto regolare non è altrimenti non sarebbe argomento di discussione, dovresti in pratica eliminare questi due locali chiudendo l'accesso e aggiornando quanto meno il catasto e sarebbe opportuno anche presentare una pratica edilizia. Un altro particolare: a che piano si trovano? non sarebbe possibile invece che alzare il solaio, abbassare il pavimento?
Purtroppo già il lavoro sul pavimento è stato fatto, e non posso piu' farlo. ( si trovano al secondo piano) L'unica opzione fattibile è abbattere i tetti dei 2 depositi e collegarli al tetto di sopra che sarebbe la mansarda) cosi guadagnano in altezza. Chiederò se è possibile fare ciò.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Ogni caso è a se, per darti una risposta si dovrebbero avere alla mano tutti i precedenti edilizi con eventuali condoni, sapere almeno l'anno di costruzione di questi due ripostigli con altezza utile interna pari a 2,20 ml e se siano o meno collegati agli altri ambienti dell'abitazione o abbiano un accesso separato dall'esterno.
Dato che hai una concessione edilizia, verifica quale altezza riporta per tutti gli ambienti e se questa torna con lo stato di fatto: non vorrei mai che abbiano alzato la pavimentazione di tutto il piano per rifare gli impianti e impermeabilizzazione.
Di deroghe oggi ne esistono parecchie, ma si deve sapere almeno se il fabbricato si trova in un comune montano o meno e come è stato legittimato nei precedenti edilizi.

Su internet trovi di tutto di più, spesso scritto da figure che non conoscono e non praticano la materia e che non specificano mai che il governo del territorio è di competenza regionale e che ogni comune può applicare deroghe nei limiti della normativa sovraordinata.
Grazie, mi sto affidando a un tecnico specializzato e lascio fare a lui, perchè è davvero troppo complessa la situazione. Ho scritto nel forum pensando fosse una cosa piu' semplice invece mi avete fatto capire non è cosi, valuterò tutto con molta attenzione, grazie a tutti :)
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Sulla tua esclamazione "professionisti ....fossero tutti competenti"
ti rispondo con una metafora
immagina una sala operatoria, un cardiochirurgo che avrà fatto già 1000 e più interventi andati bene, un paziente sul tavolo operatori.......il paziente ci resta sotto ai ferri.
è incompetenza del chirurgo ? No, forse era il caso, l'intervento che era complesso al punto tale che non vie è stato nulla da fare.

Se torniamo al superbonus, immagina una norma articolata che intreccia questioni tecniche edilizie con il fisco e le finanze, che cambia ogni 6 mesi ed anche meno .......l'agenzia delle entrate che un giorno si ed un gg no emana chiarimenti ed interpretazioni.
Di tutto questo scenario ne vien fuori un qualcosa che nessuno (i tecnici) è certo di nulla e nessuno può avere una sicurezza assoluta, poi metti che si presenta un caso singolare e complesso (come il tuo) che non fa altro che "far peggiorare le condizioni e lo stato del paziente" ritornando all'esempio della sala operatoria.

Quindi il problema non è la competenza del tecnico MA la complessità del sistema che è stato creato,......poi va considerato che sono agevolazioni "a tempo" nel senso che hanno un termine, possono finire quanto prima, il che toglie al professionista anche la voglia di approfondire per eliminare le sue lacune (normative) per delle tematiche che a poco non possono più essere vigenti o non più applicabili.
Ad oggi, si sta parlando di prolungare il 110 al 2023,ma sono solo chiacchiere al momento che se restano tali....il gioco è bello che finito
Si hai ragione, è esattamente cosi', purtroppo non pensavo fosse cosi' complessa la situazione per questo ho fatto quel discorso di competenza, perchè è vero comunque che per situazioni anche semplici puoi beccare gente incompetente ( purtroppo mi è successo), ma per questa situazione evidentemente non è cosi come dici tu. Il punto è che quella che poi ci rimette i soldi se mi danno informazioni sbagliate o fanno lavori sbagliati sono io, e non so davvero cosa fare. Di qualcuno dovrò fidarmi, e potrò fare la scelta sbagliata, e quando lo saprò sarà tardi. Comunque grazie a tutti per i consigli che mi avete dato, e non intendevo sparare a 0 sul lavoro degli altri , pensavo fosse una cosa piu' semplice da risolvere. Valuterò con attenzione il da farsi, grazie :)
 

griz

Membro Storico
Professionista
purtroppo non pensavo fosse cosi' complessa la situazione
insomma: locali al primo piano costruiti ad altezza sbagliata è un errore gravissimo e difficile da rimediare, demolire il solaio all'estradosso risolverebbe, si tratta di capire la mansarda come è messa, ci potrebbero anche essere problemi strutturali
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
......', purtroppo non pensavo fosse cosi' complessa la situazione ....
Ti resterebbe un gialli da giocare.
Potresti interpellare agenzia delle entrate per un interrogativo/parere/interpretazione.
Sul sito dedicato al superbonus vi è una sezione specifica per lo scopo (non ho usato ma so che di sicuro sta la) la apri, leggi le modalità da seguire scrivi il problema in modo chiaro ma sintetico e poi mandi.
Imposta il tutto sulla eventualità di distinguere catastalmente quelle due stanze.
La tempistica della risposta non si conosce, eventualmente fai fare al tuo tecnico.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Ti resterebbe un gialli da giocare.
Potresti interpellare agenzia delle entrate per un interrogativo/parere/interpretazione.
Sul sito dedicato al superbonus vi è una sezione specifica per lo scopo (non ho usato ma so che di sicuro sta la) la apri, leggi le modalità da seguire scrivi il problema in modo chiaro ma sintetico e poi mandi.
Imposta il tutto sulla eventualità di distinguere catastalmente quelle due stanze.
La tempistica della risposta non si conosce, eventualmente fai fare al tuo tecnico.
Si ho considerato questa opzione, di scrivere direttamente all'agenzia delle entrate, ma non sono convinta che riescano a darmi una risposta valida, però fare un tentativo non costa nulla, farò quest'ultima prova. Grazie
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Non capisco perchè le risposte non mi arrivano x email quando sul mi account tutte le notifiche risultano attive..forse sbaglio qualcosa...ma allora ci vorrebbe un esperto che mi spieghi cosa controllare!
Buongiornop a tutti in merito al plafon cada legge 104 oggi mi è successo che la Banca intesa san paolo ha detto che non sa nulla in merito e altre due banche stessa cosa come si fa? ho provato amandare una mail alla cassa depositi e prestiti per segnalare il problema . grazie a tutti
Alto