• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gattosofia

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Tenendo conto del testo del decreto “vale per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che hanno ingresso indipendente o più accessi autonomi dall’esterno“, secondo voi ha diritto ad usufruire del superbonus 110% un appartamento situato al piano terra di un condominio con l’ingresso principale dal portone comune ma che ha anche un ingresso dal soggiorno passando attraverso il giardino condominiale?
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Nel DL Rilancio la frase che riporti non è presente.
Probabilmente è stata usata da qualche esperto per dare un'interpretazione sull'applicazione del superbonus agli edifici diversi da quelli unifamiliari e che non sono neppure condomini nel senso comune (e da Codice Civile) del termine (es. villette a schiera con uno o più muri in comune).
Nel tuo caso mi pare di capire che la situazione sia la classica dell'appartamento in condominio, per il quale il superbonus è (teoricamente) accessibile sui lavori eseguiti sull'intero edificio (palazzo) e molto molto difficilmente fruibile per la singola unità immobiliare (a causa dei requisiti tecnici richiesti).
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Aggiornamento a risposta precedente: ho scoperto ora che la frase che hai riportato corrisponde ad uno degli emendamenti al DL Rilancio che pare sia stato approvato dalla Ragioneria di Stato e, quindi, dovrebbe essere presente nella bozza del testo di conversione in legge del DL che è in fase di discussione parlamentare.
Ciò premesso, il ragionamento fatto sopra non cambia.
Infatti tale emendamento va a modificare l'art. 119 (comma 1 - lett.c e comma 4) estendendo la possibilità di accesso anche agli edifici assimilabili ai "condomini minimi" (ville bi-trifamiliari, ecc.), di cui ho scritto sopra.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Aggiornamento a risposta precedente: ho scoperto ora che la frase che hai riportato corrisponde ad uno degli emendamenti al DL Rilancio che pare sia stato approvato dalla Ragioneria di Stato e, quindi, dovrebbe essere presente nella bozza del testo di conversione in legge del DL che è in fase di discussione parlamentare.
Ciò premesso, il ragionamento fatto sopra non cambia.
Infatti tale emendamento va a modificare l'art. 119 (comma 1 - lett.c e comma 4) estendendo la possibilità di accesso anche agli edifici assimilabili ai "condomini minimi" (ville bi-trifamiliari, ecc.), di cui ho scritto sopra.
Sai per caso quando verrà definitivamente presentato, almeno a tuo sentore? Perché è un continuo emendare ma non si sa quando si finisce!
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Sai per caso quando verrà definitivamente presentato, almeno a tuo sentore? Perché è un continuo emendare ma non si sa quando si finisce!
In teoria la conversione in legge dovrebbe avvenire entro il 18 luglio e, di conseguenza, i decreti attuativi tecnici del MISE e i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate essere emanati entro il 18 agosto
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Che poi il caso in questione si dovrebbe paragonare a un super condominio, secondo me.
Pertanto sempre condominio.
 

gattosofia

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Nel DL Rilancio la frase che riporti non è presente.
Probabilmente è stata usata da qualche esperto per dare un'interpretazione sull'applicazione del superbonus agli edifici diversi da quelli unifamiliari e che non sono neppure condomini nel senso comune (e da Codice Civile) del termine (es. villette a schiera con uno o più muri in comune).
Nel tuo caso mi pare di capire che la situazione sia la classica dell'appartamento in condominio, per il quale il superbonus è (teoricamente) accessibile sui lavori eseguiti sull'intero edificio (palazzo) e molto molto difficilmente fruibile per la singola unità immobiliare (a causa dei requisiti tecnici richiesti).
Grazie per la risposta, si tratta di un appartamento in un’unica palazzina con 8 abitazioni, due con accesso totalmente indipendente mentre le altre 6, inclusa la mia, hanno un ingresso comune. L’appartamento verrà completamente ristrutturato, quindi infissi, impianto di riscaldamento (caldaia a gas), e anche rifacimento del cappotto interno (la casa era già nata così). Purtroppo a quanto ho capito, potrei avere accesso al superbonus solo in caso di lavori nell’intero condominio, quindi non lo faranno mai entro i tempi.
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Secondo voi che possibilità ho con il bonus 110? Sto facendo la ristrutturazione della porzione di bifamiliare che abbiamo comprato qualche mese fa. La ristrutturazione è iniziata una decina di giorni fa e durerà fino a ottobre/novembre. Ho firmato i contratti con l'impresa, il serramentista, l'idraulico ecc. dove sono riportate le somme e le scadenze di pagamenti. Ho già pagato le prime rate e ne rimangono ancora altre da pagare nei prossimi mesi. Sono nel regime forfettario, pertanto non posso scaricare niente e, da quello che mi ha spiegato il mio commercialista, neanche avere detrazioni per ristrutturazione. Mi si è accesa la speranza di riuscire ad avere qualche agevolazione con questo nuovo bonus. L'impresa che sta facendo la ristrutturazione si rende conto che vorrei usufruire del bonus ed è persino d'accordo di aspettare qualche giorno o settimana il prossimo pagamento per vedere se si riesco ad usufruire nel bonus. La ristrutturazione comprende anche il cappotto e l'aumento della classe energetica di alcuni punti, e tante altre cose. Non vorrei/potrei fermare i lavori per aspettare i chiarimenti sul bonus... Perciò mi chiedo che chance ho? Grazie....
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Secondo voi che possibilità ho con il bonus 110? Sto facendo la ristrutturazione della porzione di bifamiliare che abbiamo comprato qualche mese fa. La ristrutturazione è iniziata una decina di giorni fa e durerà fino a ottobre/novembre. Ho firmato i contratti con l'impresa, il serramentista, l'idraulico ecc. dove sono riportate le somme e le scadenze di pagamenti. Ho già pagato le prime rate e ne rimangono ancora altre da pagare nei prossimi mesi. Sono nel regime forfettario, pertanto non posso scaricare niente e, da quello che mi ha spiegato il mio commercialista, neanche avere detrazioni per ristrutturazione. Mi si è accesa la speranza di riuscire ad avere qualche agevolazione con questo nuovo bonus. L'impresa che sta facendo la ristrutturazione si rende conto che vorrei usufruire del bonus ed è persino d'accordo di aspettare qualche giorno o settimana il prossimo pagamento per vedere se si riesco ad usufruire nel bonus. La ristrutturazione comprende anche il cappotto e l'aumento della classe energetica di alcuni punti, e tante altre cose. Non vorrei/potrei fermare i lavori per aspettare i chiarimenti sul bonus... Perciò mi chiedo che chance ho? Grazie....
Essendo in regime forfettario, come ti ha confermato già il tuo commercialista, non puoi sfruttare alcuna detrazione IRPEF relativa ai Bonus Casa, in quanto sui redditi che consegui viene applicata un’imposta sostitutiva fissa.
Tuttavia l’Agenzia delle Entrate, nella risposta n. 309/19, ha espressamente riconosciuto ai forfettari la possibilità di trasformare la (potenziale) detrazione per interventi di risparmio energetico in credito e di poterla cedere al fornitore a terzi (nel caso oggetto della risposta, al fornitore).
A mio parere, il Fisco non porrà ostacoli nell'applicazione della suddetta interpretazione anche alle nuove agevolazioni contenute nel DL Rilancio.
Inoltre, all'art. 121, la norma prevede addirittura l'estensione della cessione e dello sconto in fattura a tutti gli interventi agevolabili con i vari Bonus Casa:
- ai nuovi eco e sismabonus al 110% per le spese sostenute tra il 1/7/20 e il 31/12/21
- a tutti i bonus già in vigore (Ecobonus Sismabonus, Bonus Facciate, Bonus Ristrutturazioni) per le spese negli anni 2020 e 2021

Perciò, l’unica possibilità di sfruttare i benefici fiscali per i lavori che stai eseguendo è rappresentata dalla richiesta dello sconto in fattura o dalla cessione del credito, quest'ultima anche alle banche (altra novità introdotta dal decreto).

A monte delle questioni fiscali, però, per fruire di eco e/o sismabonus maggiorati, devi verificare di rispettare gli stringenti requisiti tecnici e capire se la progettazione degli interventi è già stata fatta in quest'ottica.
Avendo ormai avviato il cantiere, a meno di una bella lungimiranza di progettisti e fornitori, la vedo dura.
Tra l'altro dovresti essere già in possesso dell'APE pre-lavori (documento obbligatorio).
Tieni presente che la fase progettuale è vitale per l'accesso a questi nuovi bonus e non basta sommare qualche intervento di risparmio energetico a caso per aumentare di due classi la prestazione energetica dell'edificio.

Insomma, per capire se puoi accedere ai bonus 110%, è necessaria un'analisi della documentazione progettuale esistente e, se necessario, apportarvi modifiche in corso d'opera per allinearsi ai requisiti già conosciuti.
Poi, quando usciranno i decreti attuativi, dare eventualmente un'altra regolata (non dovrebbero, infatti, esserci stravolgimenti macroscopici).

Mal che vada puoi usare i bonus "standard".
In entrambi i casi, comunque, devi prima trovare chi può applicarti lo sconto in fattura o prendere in carico il tuo credito fiscale che, al momento, sono altre due imprese non da poco...
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Mal che vada puoi usare i bonus "standard".
Grazie. Ma essendo forfettario mi sa che non posso usare neanche i bonus standard?
Per il 110 la vedo difficile perché il progetto è già stato fatto e presentato in comune più di un mese fa... e siamo ancora in alto mare con il decreto attuativo e le linee guida di come si può fare... e poi l'impresa che sta facendo la ristrutturazione è un'impresa piccola e debito che mi concederanno il credito in fattura... insomma dovrei gettare la spugna mi sa...
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Grazie. Ma essendo forfettario mi sa che non posso usare neanche i bonus standard?
Per il 110 la vedo difficile perché il progetto è già stato fatto e presentato in comune più di un mese fa... e siamo ancora in alto mare con il decreto attuativo e le linee guida di come si può fare... e poi l'impresa che sta facendo la ristrutturazione è un'impresa piccola e debito che mi concederanno il credito in fattura... insomma dovrei gettare la spugna mi sa...
Come ho scritto prima, come forfettario potresti usare i bonus standard attraverso cessione del credito o sconto in fattura.
Il fatto che progetto sia stato presentato in Comune è relativo, dato che è sempre possibile presentare delle varianti in corso d'opera.
Ovvio che dal 18 agosto (data in cui dovrebbero essere pubblicati decreti tecnici attuativi e provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate), la situazione sarà decisamente più chiara.
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Come ho scritto prima, come forfettario potresti usare i bonus standard attraverso cessione del credito o sconto in fattura.
Il fatto che progetto sia stato presentato in Comune è relativo, dato che è sempre possibile presentare delle varianti in corso d'opera.
Ovvio che dal 18 agosto (data in cui dovrebbero essere pubblicati decreti tecnici attuativi e provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate), la situazione sarà decisamente più chiara.
Grazie. Sei stato molto chiaro.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Comunque se c’è tanta disinformazione sul 110% e molti pensano che sia “ristrutturare la casa aggratisse” non hanno colpa se il Premier fa queste uscite. È ovvio che chi non è del settore si aspetti una cosa che non può essere così, leggetevi queste dichiarazioni sul 110% di Conte; c’è scritto al 3 paragrafo!BEF4B6BF-799B-4D7A-A00B-4F4EB472D7F4.png
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Comunque se c’è tanta disinformazione sul 110% e molti pensano che sia “ristrutturare la casa aggratisse” non hanno colpa se il Premier fa queste uscite. È ovvio che chi non è del settore si aspetti una cosa che non può essere così, leggetevi queste dichiarazioni sul 110% di Conte; c’è scritto al 3 paragrafo!Vedi l'allegato 6235
Chi fa le leggi non è un tecnico e si capisce dalla comunicazione sensazionalista e da campagna elettorale.
Tutto a scapito dei poveri cittadini, che poi si trovano di fronte ad una realtà totalmente diversa, che deve fare i conti con l'estrema burocratizzazione delle procedure e con mille tecnicismi, difficili da gestire anche per chi è del mestiere.
MI permetto di dare un suggerimento: quello che leggete su giornali e siti (a meno che non siano specialistici di settore e di grande autorevolezza) prendetelo molto con le pinze e, prima di sperare di rifare la casa a spese dello Stato, consultate tecnici e fiscalisti. Vi risparmieranno un sacco di grane che verrebbero fuori solo dopo qualche anno a seguito di controlli (che di certo saranno intensi e implacabili, viste le cifre in ballo) e vi faranno dormire sonni tranquilli.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Chi fa le leggi non è un tecnico e si capisce dalla comunicazione sensazionalista e da campagna elettorale.
Tutto a scapito dei poveri cittadini, che poi si trovano di fronte ad una realtà totalmente diversa, che deve fare i conti con l'estrema burocratizzazione delle procedure e con mille tecnicismi, difficili da gestire anche per chi è del mestiere.
MI permetto di dare un suggerimento: quello che leggete su giornali e siti (a meno che non siano specialistici di settore e di grande autorevolezza) prendetelo molto con le pinze e, prima di sperare di rifare la casa a spese dello Stato, consultate tecnici e fiscalisti. Vi risparmieranno un sacco di grane che verrebbero fuori solo dopo qualche anno a seguito di controlli (che di certo saranno intensi e implacabili, viste le cifre in ballo) e vi faranno dormire sonni tranquilli.
Lo so però qui non è un giornale a fare il titolone sono dichiarazioni ufficiali del PdC italiano, che hanno tutto un altro peso!
È ovvio che se la testa del Paese dice questo i giornalisti vadano dietro.
Come dici tu, occorre poi scontrarsi con la pratica della burocrazia ed aggiungo anche con la situazione esistente del patrimonio edilizio (leggi abusi) in quanto ci andrai dietro con la cosa!

P.S la “polemica” nasce da una constatazione di fatto, da dichiarazioni che possono veramente portare fuori strada i cittadini ed anche, ahimè, ad indebolire la credibilità di un istituzione come la Presidenza del Consiglio! (poi con queste dichiarazioni, dopo i cittadini non ci credono più e diventa un problema anche per noi)!
 
Ultima modifica:

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Lo so però qui non è un giornale a fare il titolone sono dichiarazioni ufficiali del PdC italiano, che hanno tutto un altro peso!
È ovvio che se la testa del Paese dice questo i giornalisti vadano dietro.
Come dici tu, occorre poi scontrarsi con la pratica della burocrazia ed aggiungo anche con la situazione esistente del patrimonio edilizio (leggi abusi) in quanto ci andrai dietro con la cosa!
Concordo pienamente...
Per fortuna gran parte degli italiani pare "vaccinata" alle dichiarazioni dei politici, dopo anni di false promesse.
Posso dire che tanti di quelli che ci chiamano danno più peso alla stampa generalista che ai politici, che è comunque sempre un azzardo.
E, in effetti, la situazione di partenza degli immobili italiani è piuttosto tragica.
La metà di chi ha contattato il mio studio in questo mese e mezzo ha situazioni di abusi più o meno gravi da sanare, di cui una buona parte dei proprietari neppure sapeva l'esistenza.
Ovviamente, se non sistemate in partenza, queste situazioni compromettono la detraibilità di tutti gli interventi connessi.
Ecco perchè la fase preliminare (studio di fattibilità economica e progettazione) sono imprescindibili e vanno affidate ad esperti.
Ma questo i politici non lo dicono...
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Dirò anche una cavolata ma che centra la tua ditta che è in regime forfettario con il tuo reddito proprietà ecc.?
Mica se la tua ditta aveva una contabilità ordinaria ti aggiustavi la casa e recuperavi quanto speso su le tasse della ditta.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Ultima modifica:

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Concordo pienamente...
Per fortuna gran parte degli italiani pare "vaccinata" alle dichiarazioni dei politici, dopo anni di false promesse.
Posso dire che tanti di quelli che ci chiamano danno più peso alla stampa generalista che ai politici, che è comunque sempre un azzardo.
E, in effetti, la situazione di partenza degli immobili italiani è piuttosto tragica.
La metà di chi ha contattato il mio studio in questo mese e mezzo ha situazioni di abusi più o meno gravi da sanare, di cui una buona parte dei proprietari neppure sapeva l'esistenza.
Ovviamente, se non sistemate in partenza, queste situazioni compromettono la detraibilità di tutti gli interventi connessi.
Ecco perchè la fase preliminare (studio di fattibilità economica e progettazione) sono imprescindibili e vanno affidate ad esperti.
Ma questo i politici non lo dicono...
Il problema è che che quando salta fuori l’abuso più o meno grave (si spera che richieda solo accertamenti di conformità senza condoni) sembra che vuoi farti ricco con il Cliente, invece semplicemente devi sistemare per quanto possibile uno stato dell’immobile esistente molto spesso penoso (non solo per manutenzione ma proprio per lavori non dichiarati) è una catastrofe!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

TomBolzo ha scritto sul profilo di maidealista.
Buonasera,
dovrei eliminare l'allegato che ho erroneamente allegato sul post Anticipo rogito rispetto compromesso
riuscite a risolvere? sulla pagina dell'assistenza quando seleziono i vari link mi dice che non ha trovato la pagina.
Scusa se non è la sezione giusta.
Buona serata!
@Il Custode segnalo che in questi ultimi giorni sono stato estromesso e non mi è stato possibile comunicare con Voi.
Lo stesso problema lo sta vivendo @Luigi Criscuolo, che ha dovuti riscriversi con un altro nome. Vedete se potete risolvere anche il suo problema, visto che era fra i più assidui e stimati iscritti.
Alto