1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ancuta

    ancuta Membro Junior

    Salve a tutti!
    Sono intenzionata ad acquisire il diritto di un'ipoteca,
    dato che il creditore non è più interessato
    a recuperare il valore della sua ipoteca
    che era applicata su un terreno di piccolo valore adiacente a casa mia.
    Si può fare?
    Con surroga o procura speciale?
    Poi vorrei proporre alla persona proprietaria (pignorata) o al nuovo proprietario,
    se mi cede il terreno senza fare causa civile.
    Se il proprietario si oppone, certo potrei promuovere la procedura d'asta,
    ma potrei divenire proprietario io che promuovo tale procedura?
    grazie per l'aiuto!!!
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I diritti reali di garanzia non sono alienabili.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non conosco il problema. Intervengo solo per poter seguire l'evoluzione della discussione.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    anch'io sono curioso ma la risposta di nemesis mi pare già abbastanza precisa, vediamo
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Il creditore può rinunciare all'ipoteca, ma deve farlo con atto scritto a pena di nullità. La rinuncia non ha effetto di fronte ai terzi che hanno acquistato il diritto all'ipoteca medesima ed eseguita l'annotazione prima della cancellazione.
    In ogni caso, se un creditore ha l'ipoteca su vari immobili, non può rinunciare alla sua ipoteca se ciò favorisce un creditore o un terzo, a danno di un altro creditore iscritto o di un acquirente che abbia un'ipoteca iscritta o un titolo trascritto anteriore; se il creditore intende, in ogni caso, rinunciare, il medesimo è responsabile dei danni che con la sua rinuncia abbia eventualmente causato, a meno che non vi siano giusti motivi.
    Le cause d'estinzione (art. 2878 c.c.) riguardano i casi in cui:
    - il debito a cui l'ipoteca è collegata viene estinto
    - il creditore dichiara di rinunciare al credito garantito dall'ipoteca
    - il creditore dichiara di rinunciare all'ipoteca
    - viene raggiunto l'eventuale termine a cui l'ipoteca è stata limitata
    - si verifica l'eventuale condizione risolutiva che prevedeva l'annullamento dell'ipoteca
    - decorrono venti anni dall'iscrizione dell'ipoteca senza che ne sia stato richiesto il rinnovo
    - il bene ipotecato perisce
    - il tribunale pronuncia un provvedimento di esproprio e ordina la cancellazione delle ipoteche
    Potrebbe talvolta rendersi necessario inoltrare al creditore una richiesta scritta (tramite raccomandata con ricevuta di ritorno), sollecitando il rispetto dell'obbligo all'invio della comunicazione al competente Ufficio della Pubblicità Immobiliare.
    Negli altri casi (per esempio se il creditore è una società diversa da una banca o una persona fisica), occorre ricorrere al notaio che raccolga in un suo atto il consenso del creditore alla cancellazione. Problemi particolari possono nascere quando il creditore (sia persona fisica che giuridica) non è più in vita.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Jerry48, non ho capito se è cedibile il diritto che ha generato l'ipoteca che mi pare fosse il quesito. La nostra amica può fare quallo ch eintende oppure no? A me sembra difficile
     
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Mi accodo alla risposta di @Nemesis
    E' il creditore che può rinunciare all'ipoteca e deve farlo in con atto scritto, salvi i diritti di altri creditori secondari, in subordine.
    Pertanto se il creditore rinuncia, l'ipoteca si estingue ed il proprietario del bene su cui gravava l'ipoteca, non risulta più debitore, e può disporre come meglio crede nuovamente del suo bene. L'OP può chiedere la cessione del bene al proprietario a tutti gli effetti.
    Questa la mia interpretazione.
     
  8. ancuta

    ancuta Membro Junior

    Innanzi tutto Vi ringrazio per l'aiuto e per avermi fatto capire che la materia in discussione non è così facile......dato che non è nel mio comune ambito di lavoro....
    Dunque ho capito che chi è favorito da ipoteca, può rinunciare ad utilizzarla.
    Ma non ho capito se il titolare (creditore) dell' ipoteca può cederla a terzi (ad amici o chi voglia lui) mediante un atto come la surroga o come la procura speciale
    ovvero come solitamente avviene nelle cessioni del credito tra banche.

    Di conseguenza, in caso si possa delegare o cedere l'ipoteca in qualche modo (ma non alla persona colpita da ipoteca), non ho capito se chi sostituisce il creditore, potrà procedere in egual modo ponendo il bene ipotecato all'asta o riservarsi tale procedura e mediare per il rientro del capitale.
    Forse ho dato ad intendere altro, ma per semplificare preciso che:
    il terreno su cui grava l'ipoteca è di TIZIO,
    mentre CAIO che ha iscritto ipoteca (e si è pure impoverito...) ,
    adesso la vorrebbe cedere a SEMPRONIO e quest'ultimo vorrebbe poi procedere...
    In conclusione... Riusciamo ad aiutare CAIO e SEMPRONIO a trasferire definitivamente questo "titolo di credito" tra loro?
    E poi far recuperare a SEMPRONIO i soldi o procedere per acquisire il terreno del -furbissimo- TIZIO ?
    Grazie, specialmente a chi mi darà presto un aiuto -certo-,
    perché l'ipoteca è iscritta dal 2004 ma il tempo vola, visto che solo adesso CAIO si è deciso...!
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    secondo me e da quanto ho dedotto dalle risposte fino ad ora, non è possibile che un soggetto privato che ha un diritto d'ipoteca su beni di un altro osa cedere il suo diritto ad altri soggetti privati. Le cessioni del credito si fanno verso soggetti giuridicamente abilitati a riceverlo.
    Il titolare dell'ipoteca iscritta può rinunciarvi e basta
     
  10. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non vedo il motivo per cui, se io, Giorgio, ho iscritto un'ipoteca sul bene di Mario, non posso cedere il mio credito a Luigi. Dopo l'operazione Luigi potrà vantare il credito su Mario. Mi sembra così logico!
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Un diritto di credito è una cosa. Un diritto reale di garanzia è altra cosa. Come altra cosa ancora è la cessione del grado ipotecario. La compravendita dell'ipoteca (e cioè del diritto di garanzia), come del pegno, non è ammissibile.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  12. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La cessione crediti è un contratto che regola la cessione a titolo oneroso di crediti frutto di attività economica certamente verificabile, tra il cedente, cioè l'impresa titolare di un credito, e ilcessionario, ovvero la società finanziaria in possesso dei necessari requisiti per effettuare l'operazione. Tale contratto si perfeziona con il consenso delle parti, cioè nel momento in cui chi ha fatto la proposta ha la conoscenza dell'accettazione dell'altra parte (art. 1360 C.C.).

    La società che acquisisce il credito a titolo oneroso deve essere un soggetto disciplinato dal Testo Unico della Legge Bancaria, Cioè una Società Finanziaria in possesso di requisiti minimi di capitale, con specifico organo amministrativo ed iscritta all'UIC (Ufficio Italiano Cambi).

    La normativa:
    - Codice Civile art. 1260 1267 per la disciplina generale.
    - Legge N. 52, 21/02/91 per la disciplina specifica della cessione dei crediti d'impresa.
    - D.LGS.385 del 1/9/93 per l'identificazione dei soggetti autorizzati ad effettuare operazioni di acquisto di crediti.
    - D.P.R. 917/86 per gli aspetti fiscali.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Mi spiace Jerry, ma non posso assegnarti più di un "mi piace".
     
  14. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    @Gianco, abitante di Ceraxus (giusto?) è troppo...più di uno. :ok: Grazie.
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certo, cerexinu accant'a Casteddu.
     
  16. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Infatti!
    mi sembrava dovesse essere così
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina