1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. franco1063

    franco1063 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    buongiorno sono un amministratore di un supercondominio costituito da 150 villette singole uno di questi mi ha inviato una raccomandata dove afferma con visure catastale , dopo 10 anni che ha acquistato la sua casa e pagato regolarmente le quote condominiali, che i mq del terreno su cui è costruita la sua casa sono inferiori ai mq trascritti sulla tabella millesimale del condominio. La tabella millesimale è in vigore da molti anni e mi è stata consegnata dall'amministratore precedente e si basa esclusivamente sui mq dei terreni a prescindere se sia edificato sopra. Vi chiedo adesso per sistemare la cosa posso farlo direttamente io o devo indire un assemblea per modificare la tabella millesimale. Oltretutto mi richiede la restituzione delle somme eccedenti delle quote condominiali da lui versato dal momento che ha acquistato la proprietà fino ad oggi nonostante i consuntivi regressi approvati e da lui mai contestati.
    vi ringrazio dell'aiuto che mi darete
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nulla devi/dovete fare.
    Ha comprato accettando quanto proposto e in ogni caso stai parlando di un Supercondominio di tutte case singole.
    Aver parametrato la tabella ai mq. dei lotti è un criterio condivisibile.
     
  3. Andrea Occhiodoro

    Andrea Occhiodoro Membro Junior

    Professionista
    Ciao Dimaraz, non ritieni che possano sussistere gli estremi per una richiesta di revisione giudiziale delle tabelle da parte del condòmino che (in caso di inerzia assembleare o di delibera contraria alla richiesta di modifica) si senta leso nei suoi diritti? In fondo si tratterebbe di un errore "materiale" che crea divergenza tra il valore effettivo delle singole u.i. ed il valore proporzionale ad esse attribuito nelle tabelle.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tale facoltà è sempre ammessa...questione più "delicata" stabilire se sia accolta e permetta di ottenere sentenza favorevole.

    1-Serve quantomeno che sia un "perito" a verificare la presenza dell'errore...e qui si entra in un "cul de sac".
    @franco1063 si presenta come amministratore ma è registrato come proprietario di casa...probabilmente è "amministatore interno" non professionale.e comunque non ha "competenze specifiche" per redigere tabelle.
    La sua dichiarazione che la tabella millesimale
    potrebbe non essere corretta.
    Sempre difficile capire i criteri di chi redige le tabelle e che magari ha tenuto conto di fattori che non appaiono immediati.

    2-Il Condominio può certamente procedere ad una revisione delle tabelle...ma serve che prima si approvi una delibera che autorizza tale incarico e poi si approvi quanto verrrà presentato.
    Salvo errori clamorosi( e spesso anche a prescindere) la vedo molto improbabile che fra 149 persone vi sia una maggioranza disposta a metter mano al portafoglio per il beneficio di 1.
    E magari il nuovo incaricato produrrà un calcolo tenendo conto di altri fattori (mc edificati)..riesci da solo ad immaginare le reazioni.

    3-Ammesso, e non concesso, avvenga il "miracolo" e il Condominio approvi una revisione, la cosa non avrà valore retroattivo..e il "presunto danneggiato" dovrà comunque esperire azione legale per ottenere ristoro di quanto erroneamente pagato.
    Alternativa ottenere il consenso di tutti e 149 gli altri condomini.
    Se poi vi fosse chi è diventato proprietario da meno di 10 anni...credi sarebbe disposto a sborsare per i precedenti?

    4-L'amministratore non ha obblighi formali di inserire, di sua iniziativa, specifico punto se non indire apposita assemblea la discusione sul tema.
    Dovrà essere il "danneggiato" a presentare domanda seguendo l'iter specifico (quindi almeno 2 condomini che detengano 1/6 dei millesimi totali).
    Date le premesse di valorizzazione te li vedi 25 persone disposte a dargli la firma?

    Vero che esistono sentenze anche di 3° grado che hanno accolto i ricorsi di quanti erano danneggiati da tabelle...ma queste erano palesemente errate:
     
    A Andrea Occhiodoro piace questo elemento.
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Non potrebbe essere che il tecnico che ha retatto la tabella abbia adottato un criterio comune a tutti? Cioè tutti i terreni sono considerati più estesi del reale? In questo caso la proporzione della tabella varrebbe comunque
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    leggasi
    ne di indire
     
  7. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Potrebbe darsi che i mq imputati ad ognuno siano comprensivi dalla quota per le strade, viali ed eventuali spazi co.muni
     
  8. franco1063

    franco1063 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    confermo che la tabella millesimale si basa esclusivamente sui mq del terreno e comprende le strade cioè ogni frontista è proprietario fino alla mezzeria della strada
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina