• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

stbe

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera,
Devo controllare delle tabelle millesimali di una proprietà familiare in comune della quale dovremmo appunto incominciare a suddividere le spese in base a tabelle o in altro modo dato che i due comproprietari fratelli sono in età avanzata e gradirebbero, una volta che non provvederanno più loro ad affrontare le spese condominiali ad aver determinato delle regole di suddivisione spese.
La casa è in un comune montano Piemonte 1492 metri Bardonecchia.
Casa di pianterreno e due piani; in tutto 6 alloggi, due per piano.
Ora la domanda è la seguente, l'ultimo piano sono 2 alloggi mansardati ed essendo il tetto spiovente per quasi tutta la lunghezza della casa in alcune l'altezza è inferiore a 2 metri , che è stata sfruttata con zone ripostigli senza finestre per armadi a muro. Ovviamente l'accesso a questi ambienti è solo per l'ultimo piano ai due alloggi. Ora la domanda è come se ne tiene conto per le tabelle millesimali ? la proposta è stata quella di non tenerne conto il alcun modo, ma in tal modo si caricherebbero di spese eccessive gli alloggi restanti di spese condominiali e riscaldamento. Eppure quegli ambienti sono interni agli alloggi e pienamente sfruttati con armadiature in legno che arrivano all'altezza di circa 1,90 metri di altezza a scendere fino alla profondità del tetto.
La mia proposta era di considerarli come ripostigli privi di finestre. E' valida ?
mi sapreste aiutare a risolvere questo problema tra l'altro forse bisognerà fare tramite cubatura necessariamente perché c'è differenza di altezza alloggi fra un piano e l'altro.
le spese riscaldamento in montagna sono molto importanti. mi sapreste aiutare in questa valutazione ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Per essere considerato abitabile in relazione all'altezza il vano deve essere superiore a m 2,70 di media. I disimpegni, i servizi igienici ed i ripostigli devono averla superiore a m 2,40.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
L'abitabilità di questi volumi, è fuori discussione: diverso invece considerarli in qualche misura nel calcolo dei millesimi: io proverei ad equipararli alle cantine con analogo coefficiente es. 0,30-0,40, per il calcolo della superficie virtuale.

Quanto ai millesimi di riscardamento, certamente è bene considerare il volume reale riscaldato.
Se poi i proprietari sono più di uno, esiste una situazione di condominio, quindi siete obbligati ad installare la contabilizzazione individuale: il termotecnico dovrà redigere le nuove tabelle (m/m consumi involontari ecc)
 

griz

Membro Storico
Professionista
il catasto considera non influenti per la superficie le zone di altazza inferiore a m 1,50, potresti usare lo stesso criterio, fatto salvo che debeb essere considerato quanto sia ad altezza ritenuta abitabile che nelle zone montane mi risulta inferiore a quanto sia in pianura
 

clemente

Membro Attivo
Professionista
qui in Piemonte in zona montana mi risulta 2,55, ma potrebbe essere lecita anche un'altezza inferiore se il fabbricato è stato oggetto di recupero edilizio conservativo per edifici significativi del luogo ... cmq il tuo ragionamento mi sembra corretto vista la destinazione a ripostiglio degli spioventi
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ricordatevi che parliamo sempre di altezza media del vano.
Io dubito che i ripostigli in questione, costituiscano Vani, e penso siano esclusi dalla planimetria utile dell'alloggio. Sono una specie di intercapedine, sfruttata come deposito.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Vero è che le norme stabiliscono che gli spazi di altezza inferiore a m 1,50 non debbano essere rappresentati nelle planimetrie catastali. A mio parere, sebbene la norma non lo preveda, io lo dichiarerei vuoto tecnico non computabile come ripostiglio o locale di sgombero, che notoriamente intervengono nella consistenza per 1/3 di vano ciascuno. Sarebbe un furto autorizzato. Io mi rifiuto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto