1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Come chiarito da una recente circolare 2/DF del 29 luglio 2014, la maggiorazione dello 0,80 per mille può essere "aggiunto" sia alla TASI sulla 1a casa, sia all'IMU sulla 2a casa, sia "spalmato" su entrambe. Negli ultimi due casi mi sorge un dubbio riguardo alla modalità di pagamento.
    Facciamo due ipotesi:
    - Un Comune ha incrementato la TASI su 1a casa dello 0,40 per mille, passando da un'aliquota del 2,5 per mille ad un'aliquota del 2,9 per mille, e, contemporaneaente, ha maggiorato anche l'IMU sulla 2a casa sempre dello 0,40 per mille, passando dal 10,60 per mille al 11,00 per mille;
    - Un altro Comune (Roma) ha optato per l'aliquota massima TASI sulla 1a casa (2,5 per mille) ma ha scaricato tutta la maggiorazione possibile (0,8 per mille) sull'IMU della 2a casa portandola all'11,40 per mille.
    In entrambi i casi per il calcolo, il pagamento e i codici della TASI 1a casa non ci sono problemi.
    Per l'IMU, invece, il mio dubbio è se occorra "scorporare" l'aliquota dalla maggiorazione e pagarla come TASI su 2a casa.
    Mi spiego meglio rifacendomi agli esempi di cui sopra.
    Per il primo Comune devo pagare l'11,00 per mille con il codice IMU 2a casa (3918) oppure devo pagare il 10,60 per mille col codice IMU 2a casa (3918) e lo 0,40 per mille con il codice TASI 2a casa (3961)? Per il secondo Comune (Roma), devo pagare l'11,60 per mille con il codice IMU 2a casa (3918) oppure devo pagare il 10,60 per mille col codice IMU 2a casa (3918) e lo 0,80 per mille con il codice TASI 2a casa (3961)?
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se dobbiamo "creare" altri codici tributo in base all'aliquota...stiamo freschi ! E' vero che in italia non ci si deve meravigliare più di niente, però una proliferazione di codici sarebbe solo da dementi.
    Per me esiste un Codice IMU ed un codice TASI indipendentemente dalla combinazione degli incrementi di aliquota.
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Poi magari aggiungiamo i codici tributo della quota spettante ai conduttori...
     
  4. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Noi dobbiamo pagare, i conteggi e le scadenze delle bollette sono un compito loro. Non tutti abbiamo tempo da perdere con il calcolo delle tasse.
     
  5. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Probabilmente non mi sono spiegato bene: non bisogna creare alcun codice, perchè I CODICI CI SONO GIA' TUTTI: il problema è solo quali usare per le fattispecie esemplificate.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu non devi scorporare nulla e riclassificare nulla. IMU è IMU, TASI è TASI, è compito del Comune indicare le aliquote al lordo della eventuale maggiorazione, specificandolo chiaramente sia per l'una sia per l'altra.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina