1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. 1fonalb2

    1fonalb2 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    AVREI BISOGNO DI AIUTO DA PARTE DI QUALCUNO CHE ABITA A MILANO: mio nipote ha preso in affitto con contratto regolarmente registrato un appartamento. Quale aliquota è prevista in questa casistica e quale percentuale risulta a carico dell'inquilino? Attendo risposte. Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    0,80 ‰.
    10.
    Ma se la detenzione nel corso del 2014 avrà durata non superiore a sei mesi, la TASI è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e superficie.
    Non si procede al versamento qualora l'imposta complessivamente dovuta per l'anno (e non per le singole rate di acconto e saldo) sia uguale o inferiore a 12 euro. Ciò vale anche per l'imposta dovuta dall'inquilino.

     
  3. 1fonalb2

    1fonalb2 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie della precisione e della tempestività.
    Il problema sta nella impossibilità di poter comunicare con un ufficio Tributi del comune.Non esistono numeri telefonici al di fuori dello 02 02 02 che di fatto non serve a niente
    Ciao
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
  5. pennangelo

    pennangelo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    per milano la Tasi per l'inquilino è pari a 1/10 della quota del proprietario (0,8 per mille). Semplificando, come da comunicazione "Informami" del Comune di Milano:

    L’inquilino di un’ unità di tipo abitativo con contratto tra privati, dovrà versare la Tasi nella misura pari al 10%, applicando l’aliquota pari allo 0,8 per mille.

    Qualora la somma della rendita dell’immobile e delle pertinenze sia inferiore a 929 euro e non possieda o detenga altri immobili nel Comune, l’inquilino non è tenuto al versamento della sua quota di TASI dovuta per il 2014.

    pennangelo
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. E' il 10% della TASI dovuta su quell'immobile.
     
  7. pennangelo

    pennangelo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusa Nemesis, non capisco il tu NO
    fatta 100 la Tasi, l'inquilino paga 10 e il proprietario 90
    per l'inquilino, senza far di conto per sapere se è sotto o sopra i 12 euro limite, basta la rendita catastale sotto i 929 euro
    io ho capito così. Ho sbagliato?
    grazie Nemesis, aspetto una tua risposta di chiarimento
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quindi l'inquilino non paga 1/10 della quota del proprietario, come avevi scritto!
     
  9. pennangelo

    pennangelo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    si, hai ragione Nemesis, ho scritto in modo errato pur "pensando" in modo giusto

    alla prossima
     
  10. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Una domanda sulla TASI per immobili locati. I conduttori che hanno rilasciato l'immobile prima del 16 ottobre 2014 devono versare il loro contributo per la TASI? Se sì, come si calcola?
     
  11. pennangelo

    pennangelo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    prima di tutto dipende dal Comune (ogni Comune fa a sè)

    il calcolo, se TASI dovuta, è rapportato a 9 mesi (anzichè 12) cessazione entro 16/10

    calcolo xMilano: r. catastale x 1,05 (rivalut) x 160 (coefficient) x 0,8/1000 (quota conduttore x 9 mesi diviso 12
    ma credo, per il conduttore, che, per pagare la TASI, debba abitare in una casa di almeno con 950 euro di r. catastale (vedi Comune di Milano).

    posso sempre sbagliarmi
    saluti
    pennangelo
     
  12. pennangelo

    pennangelo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusa, ero di fretta.
    bisogna individuare, per il comune interessato, la percentuale relativa al proprietario e quella relativa al conduttore.
    poi si procede, come già detto al calcolo TASI: r. catastale x 1,05 (rivalut) x 160 (coefficient) x 0,x (dove x è la percentuale fornita dal comune per le case date in affitto). il risultato ottenuto lo si ripartisce, faccio l'esempio di milano: 90% per 12 mesi a carico del proprietario l'altro 10% (ripeto a milano) a carico del conduttore per i mesi in cui ha soggiornato nell'appartamento. A milano, se il totale a carico del conduttore o del locatore (quasi impossibile), è inferiore a 12 euro (acconto + saldo), nulla è dovuto.
    saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina