1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    sto per effettuare la vendita di un immobile che ho acquisito in più fasi: 1/6 mi è pervenuto per successione nel 1990; 4/6 mi sono pervenuti per donazione nel 2004; il rimanente sesto l'ho acquisito permutando, nel 2010, una quota pervenutami per successione nel 1990 e relativa ad un altro appartamento con, per l'appunto, il rimanente sesto che aveva ereditato mio fratello. Ora il Notaio mi dice che dovrò subire una tassazione del 20% sulla differenza di valore del sesto tra quanto e stato dichiarato al momento della permuta e quanto vale adesso. Ma il fatto che io e mio fratello abbiamo permutato i sesti pervenutici per successione non conta nulla? E tutto questo perché non sono passati 5 anni e lo stato ritiene che io abbia voluto lucrare sulla vendita.... mi sembra incredibile!
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non spaventarti, dovrai pagare il 20% di tassa fissa sulla plusvalenza riscontrata, se riscontrata, di 1/6 dell'immobile, capisci che saranno pochi €.
    Se in Italia ci tassassero il 20% sui guadagni, saremmo tutti ricchi e pagheremmo volentieri le tasse.
    Chiaro che tu, hai dato un bene in permuta, e quindi di sembra una ingiustizia, ma se non fossi passato da quella permuta, oggi non avresti il bene tutto e non potresti vendere.
    Quindi, fatti fare il conto e poi vedrai che non sarà una tragedia.
     
  3. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    solo che il sesto è stato valutato nell'atto di permuta €. 15.000,00 e adesso viene valutato in vendita €. 50.000,00. Lo Stato si prende €. 7.000,00 per un bene il cui valore mi è pervenuto per successione! Lo trovo veramente ingiusto e scorretto!
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Hai ragione e ti capisco, ma nel momento in cui acquisivi quel 1/6, dovevi pensarci e dargli un valore più aderente al mercato. Come dicevo, d'altra parte senza di lui non avresti venduto l'intera proprietà. Comunque sia, ti ricordo che le spese che allora facesti di Notaio, di agenzia immobiliare, di lavori, sono detraibili dalla plusvalenza di 35 mila €.
     
  5. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ti ringrazio molto. Mi hai confermato per intero la "dolorosa" notizia che mi ha dato il Notaio.....
     
  6. fasa78

    fasa78 Membro Attivo

    Impresa
    Ciao ragazzi...ho letto il vostro argomento. Ma a dire la verità ho ricevuto anche io in EREDITA' (causa morte di mio padre) un appartamento. Pare che in caso di vendita non ho alcuna plusvalenza da dare allo stato visto che il passaggio è avvenuto per SUCCESSIONE.

    Fatemi sapere , grazie.
     
  7. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ereditare è un conto, ma qui dopo aver ereditato si sono permutati parte di un bene ricevuto, facendo di fatto un acquisto di un bene.
     
  8. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    D'accordo, ma dov'è l'equità? è vero che ho acquisito 1/6 per permuta, ma era l'unica via per potere arrivare ad avere l'intero.... e poi, sono passati, al momento dell'atto, 4 anni e 10 mesi! E io pagherò con una tassazione identica a quella che avrei pagato se l'avessi venduto il giorno dopo la permuta! dov'è la speculazione?
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  9. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ti dirò che è già una fortuna che le plusvalenze, dopo 5 anni, non vengano tassate, una volta c'era l'INVIM (Imposta Valore incremento medio) che tassava le plusvalenze, uno che aveva comprato una casa 50 anni prima a 10 e rivendeva a 100, 50 anni dopo, pagava sull'inflazione che allora era alta.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  10. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    verificare 3za ipotesi:
    CASI IN CUI LA PLUSVALENZA NON È MAI TASSABILE

    1- gli immobili pervenuti per successione
    2- quelli ricevuti in donazione, se, con riferimento alla persona che ha donato l'immobile, sono trascorsi cinque anni dall'acquisto o costruzione dello stesso (in questo caso, il costo d'acquisto o di costruzione è quello sostenuto dal donante)
    3- le unità immobiliari urbane che, per la maggior parte del periodo intercorso tra l'acquisto ( o la costruzione) e la cessione, sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari, cioè, il coniuge, dei parenti entro il terzo grado e degli affini entro il secondo.
     
    A maria55, gia6600 e Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  11. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno Ennio Alessandro Rossi,
    quindi tu sostieni, in pratica, che l'appartamento in questione assegnato in cooperativa nel 1954 e successivamente riscattato da mio padre, adibito ad abitazione principale da mio padre sino alla sua morte (1990) e da mia madre sino alla sua morte (2007), da me acquisito per 1/6 per successione da mio padre (nel 90), per 4/6 per donazione da mia madre (nel 2004) e per il rimanente sesto acquisito per permuta di 2 quote ereditarie di appartamenti diversi (nel 2010), rientrerebbe nel caso previsto dalla 3za ipotesi, anche se per me non era l'abitazione principale? questo mi convince! ma cosa devo dire al Notaio?
     
  12. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    quindi, a Suo parere, la casa che è stata abitazione principale dei miei genitori sino al 2007 dovrebbe e potrebbe rientrare nella casistica del punto 3zo? che posso dire al Notaio? ci sono fonti da cui dedurre tutto questo?
     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusate se mi intrometto, la plusvalenza riguarda esclusivamente la quota di 1/6, pertanto (giusta l'ipotesi di Rosssi) bisogna verificare quanto tempo è passato dall'acquisizione della quota al momento della cessione (mi pare 4 anni e 10 mesi), per quanti anni hai avuto la residenza in tale abitazione, e se il periodo supera il 50 %, , (cioè più di 2 anni e 5 mesi,), NON SI DOVREBBE (ipotesi plausibile) pagare alcuna imposta sostitutiva.
     
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perchè non semplifichiamo la questione ?
    Visto che manca poco tempo, perché non rinviare il rogito e aspettare il compimento dei 5 anni ?
    Che ostacoli ci sono ?
     
    A maria55 piace questo elemento.
  15. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Perché non aspettare lo spirare del quinto anno?
     
  16. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    sto, infatti, tentando di convincere l'acquirente, il quale mi fa premura perchè ha necessità di fare l'atto in quanto ha bisogno di fare un mutuo per ristrutturare. Oggi ho avuto un contatto e sembra che abbia capito il mio "dramma"! Ne parlerà con il notaio, in quanto nel preliminare si parla di atto entro il 31 marzo... io, dietro consiglio del mio Notaio, gli ho proposto di fare il terzo datore di ipoteca per fargli avere subito il mutuo; gli ho anche detto che, ovviamente, tutto il pagamento slitterà a dopo l'atto e quindi lui potrà trattenere l'intera somma sino alla stipula! Aspetto notizie e faccio sapere. Grazie a tutti per l'aiuto e l'interessamento
     
  17. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Il problema attiene alle quote acquistate ( quanto percepito in natura da permuta è corrispettivo di una compravendita ) nel 2010 per le quali non è ancora decorso il quinquennio .
    Appurato che in questo periodo l'unità immobiliare non era tua abitazione principale la agevolazione spetta sicuramente se era abitazione principale ( evidente all' anagrafe comunale ) di un famigliare stretto (papa, mamma. figlio ) .

    Diversamente, se dal 2010 ad oggi l'unità era abitata da terzi, nutro forti dubbi propendendo per la tassazione ( bisognerebbe comunque procedere ad uno studio giurisprudenziale tributario mirato )
    --------------------------------------------------------------------------------------------------
    ecco la fonte normativa come richiestomi in privato

    DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 dicembre 1986, n. 917
    Testo unico delle imposte sui redditi.
    (nb: la plusvalenza da cessione di immobile da privato è "reddito diverso "e come tale tassabile se ricorrono le condizioni dell'art 67 , lettera b)

    REDDITI DIVERSI-Art. 67-Redditi diversi
    1. Sono redditi diversi ....... omissis
    b) le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non piu' di cinque anni, esclusi quelli acquisiti per successione e le unita' immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l'acquisto o la costruzione e la cessione sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari, ( nonche', in ogni caso, le plusvalenze realizzate a seguito di cessioni a titolo oneroso di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della cessione ) In caso di cessione a titolo oneroso di immobili ricevuti per donazione, il predetto periodo di cinque anni decorre dalla data di acquisto da parte del donante;
     
  18. gia6600

    gia6600 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie del riferimento giuridico. Vediamo che ne pensa il notaio
     
    A mripa2349 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina