1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fsini02

    fsini02 Nuovo Iscritto

    Buona giornata,
    volevo porre alla vostra attenzione un quesito e chiedervi un parere.

    All'interno della mia famiglia, a seguito della morte di mio nonno avvenuta nell'anno 1994,
    tutto l'asse ereditario è stato lasciato in uso a mia nonna senza redigere un reale documento di usufrutto.

    L'eredita è composta dalle seguenti unità:
    - casa coniugale
    - 2 appartamenti sottostanti
    - 1 pezzo di terreno
    - 2 ulteriori appartamenti distaccati

    La successione legale è stata effettuata, quindi i figli hanno ereditato ognuno pagando la sua quota (circa 7 milioni di lire ogni figlio), però l'eredità non è stata frazionata.

    Mia nonna ha avuto la casa ex coniugale per intero e ne usufruisce a tutt'oggi, e tramite un consulente fa una dichiarazione dei redditi e paga le tasse per tutti in cambio dell'uso del bene.

    Poste queste premesse sorgono i seguenti quesiti:
    - A che nome i bollettini ICI devono essere effettuati? a nome di mia nonna oppure a nome dei figli?
    - L ICI deve essere pagata nominativa oppure cumulativa?
    - Esiste un temine massimo per il frazionamento dell'eredità?
    - Nella dichiarazione dei redditi dei figli, visto che non è stato fatto alcun atto di usufrutto, deve comparire la quota di eredità oppure basta che compaia nella dichiarazione dei redditi di mia nonna?
    - Ci sono altre tasse varie ed eventuali?
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La casa coniugale ed i mobili e le pertinenze beneficiano del diritto di abitazione ex art. 540 cc . Pertanto tali beni andrebbero dichiarati a nome e solo dalla nonna ( tenga presente che la prima casa e' esente IRPEF e ICI)

    Gli altri beni vanno dichiarati nominativamente per la quota di spettanza
     
    A fsini02 piace questo elemento.
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quoto guru, anche se non sono proprietari esclusivi di un bene determinato i figli restano titolari della prorpia quota di ciascun bene.
     
    A fsini02 piace questo elemento.
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Si relativamente alla sola ex casa coniugale e peritnenza sono in fatto trattati sia fiscalmente che civilmente come "nudi proprietari"
     
    A fsini02 piace questo elemento.
  5. fsini02

    fsini02 Nuovo Iscritto

    Ringraziandovi per l'interessamento,
    dalla discussione se non ho inteso male è corretto il versamento per l'ex casa coniugale, mentre altrettanto non si può dire
    per quel che riguarda le quote sugli altri immobili (anche se il frazionamento non è avvenuto).

    Il fatto è che le quote dal 1994 al 2010 sono già state versate interamente a nome di mia nonna, siamo ugualmente sanzionabili?

    Nel caso lo riteneste necessario, ha senso "riconvertire" le quote pagate da mia nonna anche per noi in quote corrisposte dai figli?

    Grazie ancora e buone feste.
     
  6. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    L'errore è meramente formale perchè non arreca danni all'erario e pertanto non è a mio avviso sanzionabile come sancito dallo "statuto del contribuente" . Vale comunque la pena di regolarizzare le posizioni in futuro.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina