• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mar

Nuovo Iscritto
Un condomino vuole posizionare tavolini, fioriere e tende da sole su uno spazio condominiale soggetto a servitù di pubblico passaggio (portico e marciapiede condominiali). L’autorizzazione sarà oggetto di discussione in una prossima assemblea straordinaria. Quali maggioranze saranno necessarie?
L’autorizzazione dovrà essere concessa con una:
MAGGIORANZA ORDINARIA: 1/3 del valore dell'edificio + 1/3 dei partecipanti al condominio
Ed eventualmente occorrerà che il numero dei voti favorevoli rappresenti la maggioranza tanto degli intervenuti, quanto del valore rispetto ai voti dei dissenzienti?.
Oppure con una MAGGIORANZA SPECIALE: unanimità di tutti i partecipanti al condominio?
Questa autorizzazione come andrà considerata? Un’attribuzione a terzi di un diritto reale sulle cose comuni (uso, servitù..), un’innovazione che renderà tali parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento degli altri condomini?
Grazie, Marco
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Ai sensi dell’art. 1102, 1° co., c.c., ciascun partecipante alla comunione può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

La citata norma regola l’uso della cosa comune ad opera dei partecipanti alla comunione e, con riguardo al condominio negli edifici, deve ritenersi operante in virtù del rinvio alla disciplina sulla comunione in generale operato dall’art. 1139 c.c. per tutto quanto non espressamente previsto dagli artt. 1117 e ss. c.c. Da essa discendono due ordini di limiti all’uso delle parti comuni dell’edificio condominiale, dovendo i singoli condòmini, da un lato, astenersi dal compiere atti di utilizzazione incompatibili con la normale destinazione della cosa e, dall’altro, comportarsi in maniera tale da non rendere agli altri condòmini impossibile o ingiustificatamente più gravoso l’uso di quella stessa cosa.

Detto questo, cercate di trovare una soluzione condivisa, che renda possibile sia arredare in modo conveniente lo spazio comune, sia il passaggio agevole del pubblico.
 

mar

Nuovo Iscritto
Volendo trovare una soluzione condivisa (vedi la convocazione dell'assemblea) e posto che sin da ora sappiamo che non ci sarà unanimità di pensiero, quale maggioranze dovremo utilizzare? quali sono le prassi che ci metteranno al riparo da eventuali contenziosi? grazie ancora.
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Vi consiglio di adottare la maggioranza ordinaria (1/3 del valore dell'edificio e 1/3 dei partecipanti al condominio), e di aspettare un mese a metterla in pratica.

Se qualcuno non è d' accordo e vota contro, infatti, ha un mese di tempo per impugnare la delibera e promuovere una causa legale.

Dopo un mese, potete procedere e mettere le fioriere.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto