• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

happysmileone

Oggi è il mio Compleanno!
Proprietario Casa
A seguito di un controllo notarile effettuato per la vendita di un appartamento si e' scoperto che il terreno circostante i due appartamenti era stato diviso al catasto ma la divisione non risulta al registro immobiliare.
Per la regolarizzazione bisogna al catasto scorporare il terreno dagli appartamenti, effettuare la divisione e poi riassociare le parti di terreno risultanti ai singoli appartamenti.
Da notare che quanto catastalmente depositato rispetta la divisione (al 50%) indicata nei singoli atti d'acquisto, atti che risalgono al 1930.
I due proprietari non sono d'accordo sulla scelta del tecnico cui affidare la pratica catastale che deve essere unico, entrambi vogliono mettere un tecnico di propria fiducia.
Come consigliate di procedere ? Affidare ad un tecnico la pratica ed all'altro la supervisione? La presentazione degli atti al catasto puo' essere fatta a firma congiunta? Come ripartire le spese per le prestazioni professionali tra i proprietari?
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Ogni proprietario paga il suo tecnico, i due lavorano insieme per stabilire i confini e si estrae a sorte chi redige e presenta la pratica con la supervisione dell'altro.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se non ho capito male esistono due proprietari di due distinti appartamenti. Poi il cortile sarebbe stato frazionato, ma risulterebbe intestato ad entrambi. Se la situazione è questa è stata una dimenticanza nell'atto di divisione e si potrebbe rimediare adesso. Successivamente ciascuno potrebbe presentare una variazione catastale per unire il cortile all'abitazione, se lo ritenesse necessario e conveniente.
 

happysmileone

Oggi è il mio Compleanno!
Proprietario Casa
No. Esistono due proprietari di due distinti appartamenti ed un terreno indiviso (risulta diviso solo al catasto ma non nei registri immobiliari) . Per poter vendere uno degli appartamenti il notaio incaricato ha richiesto che la divisione deve risultare anche nei registri immobiliari.
Nell'atto di vendita di entrambe le parti (siamo nel 1930) risulta che il terreno e' indiviso e che sia gli immobili che il terreno non sono ancora accatastati e censiti perche' di recente costruzione.
Al catasto in una mappa degli anni quaranta risulta la divisione del terreno ma non risulta nei registri immobiliari l'atto di divisione.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Allora se in catasto esiste solo il terreno frazionato che rispetta la dividente attuale, si può fare l'atto di divisione delle due aree e poi, sperando che ciascun fabbricato ricada sulla singola particella, ognuno potrà fare l'accatastamento sul proprio lotto con la porzione del suo cortile. Mentre se il fabbricato è stato realizzato con un appartamento a piano su due piani o tre, esteso a cavallo dei due terreni, ed entrambi le particelle sono intestate ad entrambi, avrebbero dovuto stipulare un atto con la ripartizione dei volumi di progetto e del cortile. In tal caso sulla base di quell'atto avrebbero potuto provvedere all'accatastamento della propria proprietà prevista nel citato atto.
Questa soluzione ve l'avrebbe dovuta prospettare il tecnico che ha seguito la pratica a partire dal progetto.
 

happysmileone

Oggi è il mio Compleanno!
Proprietario Casa
Gianco : Le attivita' da fare le abbiamo ho chiesto come scegliere il tecnico se entrambi i proprietari vogliono mettere un tecnico di propria fiducia post1 e mi ha risposto Mapeit post2 .
Ripeto : le attivita' richieste dal Notaio sono :
Di conseguenza per regolarizzare tale situazione necessita effettuare una pratica urbanistica e catastale e precisamente:

  • distacco della corte attualmente in comproprietà, rendendola autonoma e indipendente,
  • pratica di frazionamento catastale della stessa corte, necessaria a generare n.2 corti nette e distinte con i relativi identificativi catastali,
  • fusione delle corti, generate dal frazionamento, alle rispettive unità immobiliari.

Ovviamente quest’ultima operazione si potrà effettuare solo dopo aver provveduto a stipulare con il comproprietario adiacente un atto di divisione nel quale viene stabilito quale corte va a chi.
Per quanto riguarda la parte di corte già frazionata e sulla quale avete edificato, il tutto rimane invariato e non necessita di nessuna regolarizzazione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho due entrate nella mia proprietà. Il numero civico va messo solo all'entrata pedonale o anche al carrabile? Sono separati da molto muro di recinzione e spesso postini e corrieri citofono al carrabile quando la cassetta della posta è al pedonale. Cosa posso fare? Grazie
Alto