1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Mike65

    Mike65 Membro Ordinario

    Buongiorno,
    gradirei conoscere il vostro parere.
    Siamo 4 fratelli ed il testamento di mio padre ha privilegiato una figlia A che ha accudito negli ultimi anni di vita mio padre.
    La restante parte della eredità non è stata poi a sua volta divisa in parti eguali, ma privilegiando in particolare la figlia B a discapito dell'altra figlia C e del sottoscritto figlio D.
    In buona sostanza:
    - La figlia A si trova a ricevere beni per un valore superiore alla quota della legittima + quota disponibile;
    - La figlia B si trova a ricevere beni per un valore sostanzialmente in linea con la quota di legittima;
    - I figli C e D si trovano a ricevere beni per un valore sensibilmente inferiori alla quota di legittima.
    Tutto ciò premesso la volontà di noi figli C e D è quella di non impugnare il testamento a differenza della figlia B.
    La mia idea è quella di pubblicare il testamento e procedere con la successione ed intestarci quello che nostro padre ci ha lasciati.
    A questo punto volevo chiedere : che succede se la figlia B intenta una causa per impugnare il testamento?
    Gli effetti eventuali sarebbero rivolti esclusivamente alla figlia A che è la sola ad avere ricevuto più di quanto previsto per legge?
    In particolare per noi figli C e D si rimetterebbe in discussione l'intestazione delle proprietà che sono ben al di sotto del 50% del valore di legittima?

    Saluti
     
    A possessore piace questo elemento.
  2. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Ciao, con l'azione di riduzione delle donazioni / disposizioni testamentarie per lesione di legittima vengono rimesse totalmente in discussione le modalità con le quali il defunto ha disposto del patrimonio in vista della morte, procedendo alla cosiddetta riunione fittizia: si ricostruisce il patrimonio del de cuius al momento della morte, se ne sottraggono i debiti, si riuniscono fittiziamente i beni di cui ha disposto con donazione e poi, sull'asse così formate, si individuano i valori di quota disponibile (art. 556 cc).
    Se uno degli eredi esercita l'azione di riduzione, è necessario chiamare in causa tutti gli altri eredi, non solo quello che ha ricevuto di più.
    I figli C e D, per venire alla fattispecie, verranno evocati in giudizio e sarà assolutamente opportuno per essi parteciparvi. La decisione che emetterà il Giudice all'esito del giudizio, soprattutto in caso di accoglimento dell'azione di riduzione, non potrà non riguardare anche loro.
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sarà "opportuno", per ottenere una sentenza che sia opponibile nei confronti di ciascuno di essi. Ma non "necessario".
    L'azione di riduzione è di natura personale, individuale e divisibile. Non comporta un litisconsorzio necessario. Né dal lato attivo, né da quello passivo.
     
  4. Mike65

    Mike65 Membro Ordinario

    Vi ringrazio per le risposte.
     
  5. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma se l'azione di riduzione è personale e la sorella b, avendo avuto il giusto, per quale motivo dovrebbe farla? a meno che alla sorella b si uniscano i fratelli a cui è stata toccata la quota di legittima, allora sì che il tutto avrebbe un senso
     
  6. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Infatti se i "lesionati " siete voi perchè parla la sorella che non gli gioverebbe niente?:fiore:
     
    A arciera piace questo elemento.
  7. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Probabilmente la sorella dissidente pensa che la sua parte sia di più di quella che il padre le ha lasciato per disposizione testamentaria. D'altrocanto l' O.P. dice che lei ha avuto un valore sostenzialmente in linea con la legittima. E' questo "sostanzialmente" che fa discutere.
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    e quanto è in gioco? prima fare due conti e poi suonare un pò di musica, come dice jacO. (anche se il senso unico dovrebbe ogni tanto alternarlo)
     
  9. Mike65

    Mike65 Membro Ordinario

    A spanne vi posso dire che la situazione è questa.
    Totale patrimonio : 408 k
    Quota legittima: 68 K
    Quota disponibile : 136 k
    Da testamento le proprietà sono state divise cosi:
    - Figlia A 280 k
    - Fikglia B 75 k
    - Figlia C 27 k
    - Figlio D 27 k

    Dal notaio abbiamo accettato tutti tranne la figlia B che è la sola a riservarsi l'eventuale impugnazione del testamento.

    Ebbene si, avete capito bene, noi 2 figli che abbiamo ricevuto meno di tutti non siamo quelli che vorranno nel futuro impugnare il testamenyo.
    Temo che per mia sorella B , se vorrò intrprendere un azione legale saranno soldi persi in avvocxati,CTU e CTP senza cavare un ragno dal buco......nel testamento mio padre ha espressamente indicatoche la quota disponibile la riservava per la figlia A.
    Saluti
     
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    fai leggere queste pagine a tua sorella. le eviti rogne.
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    1/3 di 408 è la quota disponibile cioé 136
    2/3 di 408 rappresenta la quota da dividere in parti uguali tra 4 figli cioé 272:4 = 68.
    Quidi alla figlia A 136+68= 204 non 280
    Alla figlia B 68 non 75
    Alla figlia C 68 non 27
    Al figlio D 68 non 27

    Ho sempre sostenuto che se un erede desidera rispettare le volontà del de cuius non è obbligato ad intraprendere una azione legale per vedere riconosciuta la propria quota legittima; ma questo lo dicevo per chi riceve meno o addirittura è escluso dal testamento non mi è mai capitato di persone che ricevono più del dovuto aderire alle vie legali.
    Un fatto è certo che se si va davanti al giudice questo è tenuto al rispetto delle quote di legittima per cui ad A e B verrà decurtata la loro parte di eredità a favore di C e D. A meno che non si svincoli decidendo la inammissibilità della domanda presentata da B in quanto questa ha avuto più della quota legittima.
     
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa Luigi perchè 204? non gli spetta 136? altrimenti non sono più parti eguali:fiore:
     
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    c'è la quota legittima e poi, che si può dare a chiunque, in questo caso ad una figlia, la quota libera.
    insomma la figlia ricorrente rischia di vedersi decurtata la propria parte di eredità :risata:
     
  14. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    68 è la quota di legittima che spetta a tutti e 4 gli eredi compreso a colei che avrà la quota disponibile 136.
     
  15. Mike65

    Mike65 Membro Ordinario

    Avrei una ulteriore domanda.
    Stiamo presentando la successione, chiaramente andando a quantificare gli immobili ed il terreno ( non edificabile) sulla scorta delle rendite catastali.
    Ai fini di un eventuale causa penso che i valori dichiarati in successione non facciano fede, dovendo invece prendere in considerazione i valori di mercato.
    E corretto?
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    in successione, per come hai indicato, avrete ognuno percentuali, non cifre.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina