1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pipsilon

    pipsilon Membro Junior

    Buonasera,
    torno a voi per l'ennesima volta per trovare grazie a voi chiarezza su come muovermi per una situazione che a me sembra paradossale.
    Vengo al dunque: un testamento olografo del mio compagno completamente a mio favore, deceduto nel settembre 2010, ho depositato presso il notaio il testamento circa 6 mesi fà, dopo essermi consultata con la famiglia del mio compagno.
    Premetto che non ho intenzione di tenere tutto ciò che mi viene assegnato, una buona parte dell'eredità la destinerò ai nipoti del mio compagno, dal novembre 2012 il tutto è gestito dal mio avvocato, ad oggi non sono proprietaria di niente nè posso usufruire di nulla.
    La situazione mi sembra alquanto lunga e confusa.
    Come posso costringere parenti ed avvocato a sbloccare la situazione in maniera più veloce ed usufruire comunque di quanto mi spetta e assegnare ai nipoti il resto?
    Il mio avvocato prende parcelle da 4.000€ e comunque non mi sento tutelata, sbaglio a dubitare o la prassi è questa?
    Insomma datemi una mano a capire a cosa ho diritto e cosa posso pretendere evitando lungaggini assurde.
    Grazie di cuore a quanti si prodigheranno e mi aiuteranno.
    Buona serata. Pipsilon
     
  2. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Ciao,
    il tuo quesito non espone una problematica.
    Devi chiedere al tuo avvocato quali azioni ha compiuto e quali ritiene di dover porre in essere successivamente per arrivare alla conclusione (cioè la divisione dell'asse ereditario), a quel punto potrai informarti qui nel forum se le modalità di gestione della pratica sono corrette e se i tempi che ti hanno prospettato sono congrui.
    Per quanto concerne le parcelle dei legali è sempre buona abitudine richiedere al professionista un preventivo.
     
    A madi.buzz e pipsilon piace questo messaggio.
  3. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    cerca di uscirne fuori al più presto perchè a me sembra che il tuo avvocato non ti informi a sufficienza e se è così, meglio lasciar perdere. Ti fa onore che destini ai nipoti del tuo compagno dei beni, ma così come tu hai esposto i fatti, tu hai diritto a tutto perchè non vi sono eredi legittimi e il tuo ex-compagno aveva tutto il diritto di destinare a te i suoi beni. Non capisco quindi perchè tu non sei ancora entrata in possesso di questi. Accidenti, tutto questo è successo nel 2010...sono quasi tre anni..
    dice bene l'avvocato: puoi spiegare tutta la faccenda affinchè ti si possa aiutare?
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  4. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Spiega meglio la fattispecie.
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  5. pipsilon

    pipsilon Membro Junior

    La faccenda è un pò complicata, ma ci provo.....
    dunque nel settembre 2010 veniva a mancare il mio compagno, il padre del mio compagno era in vita, ed ha provveduto a destinare i beni del mio compagno alla figlia, dopo circa 4 mesi dall'aver fatto questo è mancato, nel medesimo periodo smantellando la casa dove io e il mio compagno vivevamo, veniva rinvenuto il famoso testamento olografo.
    Io riunendo la famiglia ho espresso le mie intenzioni e cioè quella di non voler tenere tutto per mè ed è molta roba, ma di destinare la maggior parte dei beni ai nipoti di cui uno minorenne, la famiglia mi invitava a trovare un accordo senza depositare il testamento, questo avveniva nel febbraio 2011, ed io in buona fede e daccordo con loro concordavo la cosa.
    Ma sinceramente i tempi si allungavano troppo, (io di questioni di questo genere capisco zero, mi angosciano e opprimono) e dopo circa 8 mesi ho deciso di rivolgermi ad un avvocato (visto che la famiglia era seguita dal suo legale) che prendeva contatti con l'avvocato dell'altra parte.
    Altri 3 mesi di silenzio affinchè mi viene consigliato dal mio avvocato di depositare il testamento, perfetto deposito il testamento.....ad oggi ancora non si muove nulla, nessuno ha impugnato il testamento. nessuno dice non gli stà bene. anzi tutti daccordo... ma qui non si cava un ragno dal buco. L'unica spiegazione è quella di cercare una modalità per non andare incontro ad un ulteriore costosa successione. Ma non solo; mi hanno perfino bloccato gli affitti di un appartamento che a tutti gli effetti è mio. Insomma morale della favola, la famiglia gode di tutto e io di niente zero. Ma è possibile?
    Mi sorge anche un dubbio: ma non è che questi 2 avvocati ci stanno spennando bene, bene?
    Insomma chi conosce un modo per far saltare e sbrigare un pò tutta la faccenda me lo faccia sapere,e se avete consigli io li gradisco moltissimo.
    Grazie a tutti.
     
  6. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Hanno visto che "è molta roba"...
    Non nomini mai il notaio... come mai?
     
  7. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Il testamento deve essere pubblicato a cura del notaio. Questo è propedeutico a tutto. Poi, nel rispetto delle quote di legittima, và presentata la denunzia di successione. Ma, il tuo compagno ha una figlia? Cosa significa che il padre del tuo compagno ha destinato tutto alla figlia. Come?
     
  8. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Ci spiegherà meglio @pipsilon. Io ho capito che non essendoci testamento all'inizio, l'erede era il padre (il testamento è saltato fuori dopo). Quello che manca di informazione è: il padre aveva già aperto la successione a suo favore? o l'aveva aperta e aveva rinunciato all'eredità a favore della figlia?
    Questo forse potrebbe spiegare la presenza degli avvocati, perchè altrimenti non dovrebbe bastare il notaio????
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  9. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Ma, la figlia di chi?
     
  10. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Direi che il padre ha destinato i beni a "sua" figlia (probabilmente sorella del compagno di @pipsilon). Ma lo ha fatto aprendo già la successione del figlio???
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  11. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    In assenza di disposizioni testamentarie, in assenza del coniuge e figli l'eredità gli eredi legittimi sono i genitori e i fratelli e sorelle. Quindi, consiglio, affettuosamente, pipsilon di contattare un notaio, possibilmente, "perbene". Ti consiglierà sicuramente l'iter corretto.
     
    A pipsilon, Avvocato Luigi Polidoro e Elisabetta48 piace questo elemento.
  12. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Penso che una visura alla conservatoria sia necessaria, specie se supportata da un notaio.
     
    A pipsilon, Avvocato Luigi Polidoro e Elisabetta48 piace questo elemento.
  13. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Sono andata a rivedere le tabelle: in presenza di testamento il padre aveva una quota di legittima pari al 33,33% che, essendo morto ora anche lui, va adesso per successione all'altra figlia.
    Concordo pienamente sul fatto di andare da un notaio e di fare con lui una regolare successione. Dove stanno gli impedimenti?
     
    A pipsilon e Avvocato Luigi Polidoro piace questo messaggio.
  14. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Credo che la nostra amica sia destinataria di clamorosi raggiri .
     
    A Avvocato Luigi Polidoro piace questo elemento.
  15. pipsilon

    pipsilon Membro Junior

    Tutto è stato fatto, visura catastale, deposito testamento, ma ne l'avvocato ne il notaio mi hanno consigliato di procedere per la successione. Gli impedimenti io non li vedo, vedo solo che qui tutto è bloccato, si temporeggia da troppo tempo e le spiegazioni datemi dal mio avvocato sono sempre confuse e frammentarie insomma totalmente insoddisfacenti. La sorella del mio compagno gode di tutto avendo ricevuto quanto spettava al papà ed io non sò cosa pensare. Non vorrei ritrovarmi con una mano davanti ed una dietro ma peggio non vorrei venissero totalmente calpestate le volontà del mio compagno. Non me lo perdoneri! Ricontatterò quanto prima il mio notaio depositario del testamento e chiederò una regolare successione senza attendere oltre.
    Grazie a tutti per il chiaro aiuto, vi terrò informati. Grazie ancora e buona serata a tutti. Pipsilon
     
  16. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Ultima cosa: di solito io consiglio di andare a un Caf. Abbiamo fatto così alla morte di mia madre, prima, e poi di mio padre. Ci siamo trovate molto bene. Ma lì le cose erano molto semplici e noi sorelle d'accordo su tutto. Non so quanto siano attrezzati ai Caf per i casi più complessi. Potrebbe valer la pena comunque di sentire una loro opinione, sull'ordine delle procedure, sui passi da fare. Magari possono anche procedere loro, visto che il testamento è già stato depositato. Non so. Magari , se non possono procedere loro per la complessità del caso, potrebbero consigliarti un notaio "super partes" che le pratiche le manda avanti...
    In bocca al lupo... o forse: diventa lupo tu per non farti mangiare
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  17. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Per procedere alla denuncia di successione le parti hanno un anno dall'apertura della successione (cioè del decesso), altrimenti saranno tenute a versare sanzioni per l'omessa presentazione. Sei sicura che la denuncia non sia stata già fatta?
     
  18. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Ti riferisci alla denunzia di successione modificativa/sostitutiva alla luce delle disposizioni testamentarie? Può anche essere, proprio per questo ho suggerito una visura alla conservatoria.
     
  19. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Io non ho capito se pipsilon (o uno qualsiasi degli altri chiamati, prima del rinvenimento del testamento olografo), ha presentato la denuncia di successione entro l'anno dalla morte. Non mi sembra che lei ne abbia parlato.... In caso di riposta affermativa si sarebbe anche il problema che correttamente evidenziavi, quindi la denuncia modificativa. Pipsilon dovrebbe pretendere maggiore chiarezza dal proprio avvocato e dal notaio.
     
    A pipsilon piace questo elemento.
  20. pipsilon

    pipsilon Membro Junior

    Denuncia di successione pesentata nei termini , a questo punto pretenderò quanto prima la denuncia modificativa.
    Grazie avvocato.
     
    A Elisabetta48 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina