1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. misco3

    misco3 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Salve a tutti voi del forum. Scusate se arrivo e chiedo.
    I miei genitori hanno destinato con testamento olografo un immobile a mio fratello dicendomi che avevo precedentemente ricevuto vantaggi finanziari.
    E' valido? Potrò impugnarlo?
    Vorrei anche gentilmente sapere se ,alla morte di uno dei due, tutti i beni andranno all'altro considerando che sono(i genitori) in comunione di beni e che non esiste testamento.
    Grazie per le eventuali Vostre risposte.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È valido se ha i requisiti previsti dalla legge. Se però le disposizioni ivi contenute ledono le quote che la legge riserva ai legittimari, questi potranno agire in riduzione per ottenerle. Ciascuno di voi due figli ha una quota di riserva pari a 1/4 del patrimonio del de cuius.

    No. La successione legittima prevede che il patrimonio sia destinato al coniuge e ai figli.
    Dato che i figli sono più di uno, al coniuge andrà 1/3 del patrimonio, oltre al diritto di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano.
    Ai figli andranno i 2/3 del patrimonio, diviso in parti uguali tra di loro.
     
  3. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Allora, ho capito bene?
    Successione legittima,
    Coniuge superstite,in comunione dei beni con il de cuius,
    3 figli ( per esempio),
    1/3 va al coniuge superstite,
    2/3 ai figli,che dividono in tre parti uguali, tutto giusto?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì. Naturalmente le quote si riferiscono al patrimonio del de cuius. Se un immobile è in comunione, cadrà in successione solo la parte di proprietà del coniuge che muore.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se non ho capito male, entrambi i genitori hanno fatto testamento al figlio. Per cui, venendo a mancare un genitore, la quota disponibile(1/3 x 1/2) dovrebbe andare al figlio indicato nel testamento, Dei restanti 2/3 x 1/2 vanno divisi fra il genitore superstite, 1/3 x 1/2 ed i figli, tutti, 2/3 x 1/2.
    In definitiva la quota del coniuge superstite sarà 11/18, al figlio di cui al testamento 3/18 + 4/18 diviso n. figli e ad ogni fratelli 4/18/n.figli.
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Curioso che citando un testamento olografo si parli al "plurale"...ho qualche riserva sulla validità di un testmaneto dove in 2 danno disposizioni.

    Ammesso e non concesso la validità di tale documento, si spiega che si sia eslcuso un legittimo perchè già beneficiario di donazioni (vantaggi finanziari).

    2 appunti a quanto finora spiegato:

    1)ravvisabile che i (vantaggi finanziari) ledono la quota del coniuge superstite e/o andrebbe definito chi abbia effettivamente donato (prevedo complicazioni salvo i 2 coniugi non vengano a mancare contemporaneamente).
    2)i citati "vantaggi finanziari" dovranno essere documentati e rapportati.
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Entrambi i genitori potrebbero aver fatto testamento autonomo con le stesse disposizioni.
     
  8. misco3

    misco3 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Entrambi i genitori hanno fatto testamento autonomo con le stesse disposizioni ed i vantaggi economici ricevuti da mio fratello non sono documentabili. Transazioni bancarie prive di specifiche. Sono fregato vero? Pazienza.
    Voglio dire a tutti Voi del forum che siete davvero gentili e che Vi ringrazio molto .
     
  9. MagoMerlino

    MagoMerlino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se i vantaggi economici non sono documentabili - né nell'importo né nelle motivazioni - non hanno alcun valore legale. E' troppo facile dire e scrivere (anche se con testamento olografo) che escludo dalla legittima un erede adducendo delle motivazioni non documentate né documentabili: e se le motivazioni fossero altre (litigi familiari per esempio)?. Ergo ritengo che, in assenza di documentazione equipollente, il testamento olografo sia facilmente impugnabile per riportarlo ai termini originari rispetto alla legittima.
     
  10. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non bastano per congelare la situazione. Ovvio che finche loro sono in vita possono testimoniare lo scopo di certe transazioni...e tu dovresti giustificare.
    Dipende da quali documenti e di cosa sia a conoscenza l' altro fratello
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina