• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Giovanni31

Nuovo Iscritto
Conduttore
#1
Salve...
se una parte del tetto e' piu' bassa di 50 cm (rispetto a quanto riportato all'ufficio urbanistica)
c'e' il rischio che il perito della banca dia parere negativo al rilascio del mutuo ?
Grazie
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#3
Dipende se l'appartamento è una mansarda o no, cosa dice il Regolamento Edilizio del Comune dove si trova l'appartamento a proposito di abitabilità di sottotetti e mansarde. La tua descrizione dell'appartamento è piuttosto laconica.
50 cm non sono pochi per non accorgersi se il perito è scrupoloso chiede la copia del certificato di abitabilità.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#4
se una parte del tetto e' piu' bassa di 50 cm (rispetto a quanto riportato all'ufficio urbanistica)
La differenza che trovi è riferita all'altezza media o rispetto a quella inferiore? L'altezza media non deve essere inferiore a quella abitabile, generalmente m 2,70, se vano o m 2,40 per disimpegni e servizi igienici.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#5
leggi qua
Norme Tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico - SIT del Comune di Arezzo
Gazzetta Ufficiale
Caratteristiche tecniche dei sottotetti recuperabili ai fini abitativi ed ulteriori disposizioni a carattere tecnico

l. Il recupero dei sottotetti e' consentito per i volumi legittimamente esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge o in via di realizzazione, aventi le seguenti
caratteristiche tecniche:
a) l'altezza media interna netta, intesa come la distanza tra il solaio di calpestio ed il piano virtuale orizzontale mediano tra il punto piu' alto e quello piu' basso dell'intradosso sovrastante il solaio ed il solaio stesso, non sia inferiore a 2,30 metri per gli spazi ad uso abitazione. Per gli spazi accessori o di servizio, l'altezza e' riducibile a 2,10 metri. Per gli edifici siti nei territori montani, i limiti di cui sopra sono abbassati rispettivamente a 2,10 metri per gli spazi ad uso abitazione e a 2,00 metri per gli spazi accessori e di servizio. In caso di soffitto non orizzontale, ferme restando le predette altezze medie, l'altezza della parete minima non puo' essere inferiore a 1,50 metri per gli spazi ad uso abitazione ed a 1,30 metri per gli spazi accessori e di servizio, riducibili rispettivamente a 1,30 metri e ad 1,10 metri per gli edifici siti nei territori montani. Gli eventuali spazi di altezza inferiore alle predette misure devono essere chiusi mediante opere murarie o arredi fissi e ne e' consentito l'uso come spazio di servizio destinato a guardaroba e ripostiglio. L'obbligo di chiusura non interviene quando gli spazi risultino essere in corrispondenza delle fonti di luce diretta la chiusura di tali spazi non e' prescrittiva;
 
Ultima modifica:

salves

Membro Assiduo
Professionista
#6
Occorre sapere se si tratta della struttura del tetto o del suo controsoffitto ed in ogni caso cosa di preciso è depositato al comune, cosi penso che si possano fare solo ipotesi, non risposte certe.
 

Giovanni31

Nuovo Iscritto
Conduttore
#7
Salve...
se una parte del tetto e' piu' bassa di 50 cm (rispetto a quanto riportato all'ufficio urbanistica)
c'e' il rischio che il perito della banca dia parere negativo al rilascio del mutuo ?
Grazie
In effetti ho dato poche indicazioni... si tratta di un piccolo fabbricato catastato come ripostiglio e si trova dietro la casa non visibile dalla strada altezza esterna piu' bassa di circa 40/50 cm rispetto all'ufficio urbanistica doveva essere alto 4 metri ed e' 3,5 metri.
Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#8
L'altezza esterna è diversa e non necessariamente è vincolante quanto quella interna. Quella esterna può variare a seconda dell'intervento di sistemazione del giardino. Quella che determina l'agibilità è quella interna che deve rispettare i minimi previsti nel PUC vigente o almeno quello vigente al momento della costruzione o sanati con qualche condono edilizio.
 

Giovanni31

Nuovo Iscritto
Conduttore
#9
Grazie a tutti...
siete stati davvero molto gentili ad aiutarmi...
adesso ho le idee molto piu' chiare...
se il perito dovesse muoversi contro non e' un gran problema
alzare la tettoia di 50 cm... comunque dopo il rogito regolarizzero'
perché voglio avere tutto perfettamente in regola...
Un caro saluto a tutti
Grazie
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto