1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. perhenry

    perhenry Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti: grazie in anticipo per un parere da chi ne sa più di me!
    Nella prossima assemblea sarà presente una persona ben conosciuta (figlia di un defunto pochi mesi fa e titolare dell'immobile) che solitamente partecipava in qualita di delegata
    dal padre: poichè non si sa quali siano i suoi rapporti con un fratello o altri parenti e sicura- mente non è in possesso di alcuna nota di trascrizione successoria, essa asserisce che in quella sede chiederà di verbalizzare una propria dichiarazione in cui affermerà di essere coerede quan-tomeno con il proprio fratello oppure potrà presentare qualche documento provvisorio di inizio
    delle relative pratiche. Al fine di conteggiare la presenza con i relativi millesimi e la parte-cipazione a tutte le fasi dell'assemblea (comprese le delibere), evitando possibili contestazioni sulla validità sia della convocazione sia dell'assemblea stessa qualora senza i suoi millesimi non si raggiungesse il quorum necessario, chiedo se sarebbe legale accettare quella semplice dichia-razione. Ringrazio coloro che mi chiariranno questo dubbio.
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per opportunità e per buon senso, la figlia del proprietario defunto di un immobile, sarà sicuramente erede e se si presenta da sola sarà l'erede delegata, se si presentassero due fratelli, sarà cura dell'amministratore chiedere chi dei due è delegato ad intervenire in assemblea, non potendo, due cointestati di una sola unità, intervenire contemporaneamente.
     
    A perhenry e Valty piace questo messaggio.
  3. perhenry

    perhenry Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie Adriano Giacomelli, la tua risposta mi solleva dal dubbio e in tal senso mi
    esprimerò se ci fosse qualcun altro
    titubante.
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    a chiarimento, possono assistere entrambi ma uno deve essere delegato a parlare e votare.
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    cosa dice il codice ?
    Il secondo comma dell’art.67 disp. att. c.c. dispone che: “Qualora un’unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell’assemblea, che è designato dai comproproprietari interessati a norma dell’art.1106 c.c.”. che in seguito riporto :
    Art. 1106.- Regolamento della comunione e nomina di amministratore.
    Con la maggioranza calcolata nel modo indicato dall'articolo precedente, può essere formato un regolamento per l'ordinaria amministrazione e per il miglior godimento della cosa comune.
    Nello stesso modo l'amministrazione può essere delegata ad uno o più partecipanti, o anche a un estraneo, determinandosi i poteri e gli obblighi dell'amministratore.

    Pertanto ai sensi dell’art. 1106 c.c. con la sola maggioranza delle quote i comproprietari dell’unità immobiliare dovranno nominare ( e documentare al condominio ) il rappresentante della comunione ereditaria .
    La norma in commento dispone solo sulla “rappresentanza” (…hanno diritto ad un solo rappresentante..) ma nulla dice circa i tempi e le modalità di convocazione anche in relazione all’assemblea di condominio.
    Il legislatore ha lasciato piu' di un vuoto ; infatti se i comunisti non procedono ad una loro assemblea o, comunque, non nominano il loro rappresentante?

    La norma comunque non fa cenno a atti notori o simili per cui a mio avviso o la signora documenta la sua nomina o la sua partecipazione pare illegittima
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  6. perhenry

    perhenry Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie anche a te Alessandro Rossi; se ho ben capito mi pare che le risposte ricevute abbiano un indirizzo univoco, anche partendo da presupposti leggermente diversi: alla persona erede "in pectore" -o designata da altri eventuali e simili coeredi- per buonsenso, per opportunità o per documentazione (che non necessa-riamente deve essere un atto notorio) non si può comunque negare la partecipazio-ne a tutte le fasi dell'assemblea, partendo fin dalla convocazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina