1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La legge di stabilità 2014, all'art. 1. comma 50, sembrava aver eliminato la possibilità del pagamento dei canoni di locazione in contanti indipendentemente dall'importo ("quale ne sia l'importo", dice la norma). Ma in data 5.02.2014 il Dipartimento del Tesoro del MEF ha pensato bene di intervenire sulla questione in via interpretativa, emanando dei "Chiarimenti interpretativi in merito alle modalità di pagamento dei canoni di locazione di unità abitative (articolo 1, comma 50, legge 27 dicembre 2013 n. 147)" e ripristinando quanto la norma sembrava aver proibito:
    <<[...]deve conseguentemente desumersi che, fermo il limite di carattere generale di cui all’art. 49 d.lgs. n. 231/07, la finalità di conservare traccia delle transazioni in contante, eventualmente intercorse tra locatore e conduttore, può ritenersi soddisfatta fornendo una prova documentale, comunque formata, purché chiara, inequivoca e idonea ad attestare la devoluzione di una determinata somma di denaro contante al pagamento del canone di locazione, anche ai fini della asseverazione dei patti contrattuali, necessaria all'ottenimento delle agevolazioni e detrazioni fiscali previste dalla legge a vantaggio delle parti contraenti>>.

    La "prova documentale" può essere anche la classica ricevuta. E allora, se non mi sbaglio, leggendo tra le righe, la sostanza è che il Dipartimento del Tesoro fa presente che l'impianto sanzionatorio, attualmente in vigore, riguardante le operazioni di pagamento in contanti, reagisce unicamente nei confronti di utilizzo di contanti tra privati oltre il limite dei 1.000 euro. Sì che la norma della legge di stabilità 2014 non può in alcun modo sfruttare tale impianto sanzionatorio e la sua violazione rimarrebbe priva di sanzione. Insomma, chi paga il canone di locazione in contanti ed al di sotto del limite dei 1.000 euro non può in alcun modo essere sanzionato, perché l'impianto sanzionatorio non può intercettare quella prassi.
    A margine si pone la questione sulla cultura legislativa del legislatore della norma...
     
    A Daniele 78, Tapinaz, meri56 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  2. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ...nonché quella sul senso del continuo conflitto, in Italia, tra politica (alla quale appartiene il legislatore) e burocrazia (alla quale appartiene il Dipartimento del Tesoro)...
     
    A meri56 piace questo elemento.
  3. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Peccato che fra politica e burocrazia ci siamo noi cittadini.....................dannati e beffati da leggi di stabilità seguite da Mille proroghe ...............ma questa è un'altra storia.
     
  4. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Un grazie all'utente wmar per la sua segnalazione.
    Per chi volesse scaricarsi il testo integrale del Ministero delle Finanze questo è il link:
    http://www.dt.tesoro.it/export/site...normativa/circolare_tracciabilitx_affitti.pdf

    Curioso il fatto che nessun organo di informazione abbia dato questa notizia, datata 5 Febbraio 2014, a differenza dell'enfasi che avevano dato invece alla notizia dell'abolizione dell'uso del contante.

    Grazie ancora a wmar.
     
    A tovrm piace questo elemento.
  5. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Peccato sì! Va bene che "bizantinismo" è una parola coniata apposta per noi italiani, ma adesso si è veramente raggiunto il punto di non ritorno, oltre il quale...i conti non tornano più. Ed infatti...
     
  6. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per l'apprezzamento. Sì, è - diciamo così - alquanto "curioso". Adesso bisogna vedere come reagirà il legislatore, visto che la norma che mette fuori legge ("quale ne sia l'importo") il pagamento dei canoni di locazione ("di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica") è ancora in vigore, ma giuridicamente incapace - stando a quel che mi sembra essere il senso dell'intervento interpretativo del Dipartimento del Tesoro - di accedere all'unico impianto sanzionatorio riguardante le operazioni di pagamento in contanti. E una norma giuridica incapace di sanzionare chi la vìola, non è una norma giuridica.
    A onor del vero, questo problema era già stato fatto presente (Sole 24 Ore su tutti) subito dopo l'approvazione della norma.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti, come avevo già sostenuto in altre discussioni, per come è scritta la norma nella legge di stabilità non sono applicabili le sanzioni previste dal D. Lgs. n. 231/2007.
    E' una norma giuridica. Una delle tante "leges imperfectae".
     
    A dolly e wmar piace questo messaggio.
  8. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nel senso di imperfetta nella sua giuridicità, se al concetto di giuridicità appartiene quello di vincolatività e se la previsione di un profilo sanzionatorio è una nota definitoria di ques'ultimo? Ma per discuterne dovremmo spostarci su qualche forum di filosofia del diritto;).
    Nel frattempo, i pagamenti in contanti dei canoni di locazione non sono punibili in alcun modo.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sono punibili per gli importi pari o superiori a 1.000 euro. :)
     
  10. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Era saltata una parte della frase:). "I pagamenti in contanti dei canoni di locazione per importi non superiori a 999,99 euro non sono punibili in alcun modo".
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il pagamento di 1.000 euro è punibile!
     
  12. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Beh, il "pagamento di 1.000 euro" è esattamente il primo pagamento che non ricade tra quelli "non superiori" a 999,99 euro;).
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Concordo. Per stimulare ulteriormente la discussione, vi potrebbe essere un caso in cui il pagamento in denaro contante, pur non essendo sanzionabile, potrebbe essere legittimamente rifiutato dal creditore. :)
     
  14. davidemarco

    davidemarco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mia figlia possiede un appartamento e lo affitta ad Euro 360,00 al mese.
    Orbene questo affitto deve essere pagato il contanti o obbligatoriamente tramite bonifico o assegni.
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Può essere anche pagato con denaro contante. In questo caso, per evitare qualsiasi contestazione, è opportuno rilasciare una ricevuta di pagamento, assoggettata fin dall'origine all'imposta di bollo (2 euro). Se fossi il conduttore, preferirei evitare quei costi, e disporrei il pagamento con bonifico bancario.
     
  16. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Beh sì, tale rifiuto è legittimo, perché la norma che vieta il pagamento in contanti dei canoni di locazione delle unità abitative indipendentemente dall'importa, continua ad esistere (sebbene priva della possibilità di sanzionare i suoi trasgressori).
    Circa l'assoggettamento, ab origine, delle ricevute di pagamento all'imposta di bollo di 2 euro: a cosa va incontro chi si astenesse da tale assoggettamento e consegnasse, dunque, al locatario ricevute prive della marca di bollo?
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non mi riferivo a quella norma. :)
    Si applicano i seguenti articoli del D.P.R. n. 642/1972:
    - art. 22:
    "Sono obbligati in solido per il pagamento dell'imposta e delle eventuali sanzioni amministrative:
    1) tutte le parti che sottoscrivono, ricevono, accettano o negoziano atti, documenti o registri non in regola con le disposizioni del presente decreto ovvero li enunciano o li allegano ad altri atti o documenti;
    2) tutti coloro che fanno uso, ai sensi dell'art. 2, di un atto, documento o registro non soggetto al bollo fin dall'origine senza prima farlo munire del bollo prescritto.
    La parte a cui viene rimesso un atto, un documento o un registro, non in regola con le disposizioni del presente decreto, alla formazione del quale non abbia partecipato, è esente da qualsiasi responsabilità derivante dalle violazioni commesse ove, entro quindici giorni dalla data del ricevimento, lo presenti all'ufficio del registro e provveda alla sua regolarizzazione col pagamento della sola imposta. In tal caso la violazione è accertata soltanto nei confronti del trasgressore
    ".
    - art. 25, comma 1:
    "Chi non corrisponde, in tutto o in parte, l'imposta di bollo dovuta sin dall'origine è soggetto, oltre al pagamento del tributo, ad una sanzione amministrativa dal cento al cinquecento per cento dell'imposta o della maggiore imposta".
     
  18. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il punto di non ritorno l'abbiamo già superato da tempo.
     
  19. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Lo temo anch'io. E, ovviamente, il punto di non ritorno è quello oltre il quale la decadenza, che deve ancora sprigionare tutte le sue conseguenze in termini di distruzione delle certezze economiche delle persone, è irreversibile. Tuttavia il (felice) paradosso della politica è che simili prognosi (quelle che "non lasciano scampo") non devono significare la resa. Ad un prognosi del genere, da ultimo, non si può credere.
     
    A Tapinaz piace questo elemento.
  20. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sembrava di sì, visto che nel post avevi fatto riferimento ad una stimolazione della discussione, e visto che quest'ultima verteva sulla norma contenuta nella legge di stabilità 2014. A quale caso facevi riferimento?
    Grazie, poi, per il chiarimento sulle sanzioni relative alla mancata apposizione della marca da bollo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina