1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. siltau

    siltau Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve, avevo in precedenza esposto il caso di eredi in disaccordo sulla vendita di un immobile pervenuto per successione. Ora una delle eredi acconsentirebbe alla vendita per la ripartizione del valore tra gli altri a patto che si sottoscriva una trasazione contenente dellle clausole "vessatorie" ovvero non propriamente secondo le norme vigenti.
    Mi spiego: avendo la cointestazione del conto bancario con la nostra comune madre, ha fatto man bassa del contenuto e , per acconsentire alla vendita, vorrebbe che noi firmassimo che tutti i suoi prelievi anche dopo la morte di nostra madre, fossero stati da noi autorizzati. Inoltre dato che sull'immobile grava un diritto di prelazione a favore di un Ente , da estinguere per poter procedere alla vendita, vorrebbe che codesto diritto venisse pagato da tutti noi in parti uguali, mentre la quota di proprietà è a suo favore in quanto possiede il 50% dell'intero e noi solo il 16 % del totale . Cosa consigliate ??? Grazie a tutti .
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    mandatelo a quel paese....................
    mandategli una raccomandata da un vostro avvocato dicendo che volete vendere l'immobile e che se non acconsente sarete costretti a vendere tramite vendita giudiziale.
    altro che ricatti.
    per come sono fatto io preferirei non prendere quasi nulla dopo la vendita giudiziale anche perche' il vostro 16% e' una quota minima ma a lui, cosi' prepotente, gli faccio mettere la casa all'asta e se la vuole comprare lui vi deve pagare quello che e' giusto.
    cominciate a spaventarlo.............con un buon avvocato, tanto se cambia idea c'e' sempre tempo di interrompere la richiesta di vendita giudiziale nei tempi previsti.
     
    A tovrm piace questo elemento.
  3. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    PER SILTAU
    La Vostra "Comune Madre", scrivi Tu, quindi e' Tuo Fratello..? OK. Avete gli stessi Identici diritti ereditari..
    oppure chiedo solo Per Chiarire il Diritto di Legittima, Il Papa' NON Sarebbe Lo stesso..?
    Poiche' In quel caso , Le cose Cambiano e sul discorso Banca e conto corrente Le Normative NON Sono Le stesse, quindi Per Favore se puoi, esponi i fatti con Piu' chiarezza , altrimenti ,darti una risposta giusta diventa difficile
     
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ha ragione acquirente. io non cederei a queste condizioni nemmeno quello che sarei disposta a regalare.
     
  5. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bravo acquirente, così si fa!!!
    Consiglio giusto. I tempi possono essere lunghi, ma le soddifazioni verranno... :daccordo:
     
  6. Eccher Domenico

    Eccher Domenico Nuovo Iscritto

    La vendita giudiziale ha tempi piuttosto lunghi, e costi non indifferenti, fra spese di causa, avvocato, CTU, CTP, ecc. Consiglio di far "ragionare" la recalcitrante. Quanto all'importo del cc esso va suddiviso secondo legge (come mai non è stato denunciato in successione?). Anche per questo valga quanto detto sopra: tempi lunghi ma giustizia certa. Ciascuno avrà il suo di diritto, debitamente rivalutato se qualcuno se ne è impossessato indebitamente.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina