• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#1
In una palazzina degli anni 60 i contatori del gas sono installati in nicchie sui muri perimetrali a livello terra mentre i tubi di trasporto sono sempre alloggiati sui muri perimetrali ma sotto traccia fino alle utenze ai piani. Successivamente si e' intervenuti sostituendo la tinteggiatura con cortina e lasciando detti tubi sotto traccia.
La domanda :
- l'impianto cosi' come descritto puo' ritenersi a norma perche' all'epoca della costruzione la normativa permetteva il sotto traccia per le tubazioni esterne o va modificato portando le tubature all'esterno dei muri perimetrali ?
- sottolineo che dette tubature sono d'utente in quanto a valle dei contatori dell'azienda fornitrice.
Aggiungo che i tubi non sono alloggiati in guaine ma non e' detto che attraversino cavita' (ad es. mattoni forati) e forse sono annegati in malta cementizia.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#3
Grazie. Ha qualche riferimento alla normativa in essere all'epoca per documentare all'amministratore che vuole procedere ai lavori asserendo di essere responsabile della sicurezza e quindi in diritto di farli fare ?
 

raffaelemaria

Membro Assiduo
Professionista
#4
In passato i condotto del gas potevano essere inseriti sotto traccia a determinate condizioni .Dovevano però essere in acciaio zincato e annegati con malta di cemento, inoltre i giunti dovevano essere scoperti e ventilati con una reticella. Questo è quello che ricordo, cera una norma UNI che definiva le modalità di posa
 

raffaelemaria

Membro Assiduo
Professionista
#6
Basta rivolgersi alla società fornitore del gas e chiedere se esecuzione dell'impianto è a norma con l'epoca di costruzione. Se non era a norma l'amministratore deve intervenire perchè ci va dimezzo della sicurezza dell'immobile, non importa se le condotte sono private.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#8
L'assemblea la ha fatta e al parere contrario dei condomini ha risposto che per motivi di sicurezza e responsabilita' di cui lui e' garante e responsabile si deve intervenire con urgenza invitando a reperire preventivi e verbalizzando tutto. Percio' sto cercando di avere non solo pareri , di cui caldamente ringrazio, ma riferimenti precisi .....
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#9
Io credo che l'amministratore debba limitarsi a sollevare il problema: se poi l'assemblea a maggioranza non intende provvedere, farà verbalizzare una sorta di manleva sulle proprie responsabilità: che da quel momento passeranno in capo ai condòmini.
 

magia2002

Membro Attivo
Proprietario Casa
#10
Comunque quando verranno deliberati lavori straordinari importanti in facciata e nelle parti condominiali un preventivo per mettere a norma attuale i tubi del gas lo farei fare . Dopo sessant' anni mi preoccuperei anche per i tubi dell'acqua potabile , almeno a predisporli fino al balcone .
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#11
L'assemblea la ha fatta e al parere contrario dei condomini ha risposto che per motivi di sicurezza e responsabilita' di cui lui e' garante e responsabile si deve intervenire con urgenza invitando a reperire preventivi e verbalizzando tutto. Percio' sto cercando di avere non solo pareri , di cui caldamente ringrazio, ma riferimenti precisi .....
Posto che non puoi pretendere "riferimenti precisi" a (presumo) sentenze...quanto ti ho indicato è specificatamente indicato nel Codice Civile.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#12
Per riferimenti precisi intendo norme o disposizioni in essere negli anni 60 per l'installazione di tubi gas.
Ho provato con Google ma non ho trovato nulla eppure i costruttori all'epoca qualche normativa dovevano rispettarla credo
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#13
Ho trovato che il Comitato Italiano Gas fornisce consulenza tecnica ai consumatori il mercoledì 9.30 -12.30 al numero 0272490611. Il prox mercoledì proverò se il servizio è ancora attivo
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto