1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Giorni scorsi ho presentato in Comune ufficio Tecnico una CIL per la sostituzione dei serramenti e tapparelle per il risparmio energetico, ora l'uffico tecnico mi chiede anche le foto degli impianti esistenti e di quelli nuovi che andrò a montare, premetto alcuni dei condomini li hanno già sostituiti senza nulla dichiarare, forse era meglio sostituirli e non dire niente????????????????????????
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Personalmente ritengo che la documentazione dello status dell'edificio "Ante e Post Intervento" sia una delle rarissime cose sensate in questa Italia piena di ladri, corruttori, truffatori, concussori, evasori fiscali.
     
  3. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    :risata: beh certo, se vai pieno di buona volontà all'ufficio tecnico a chiedere "cosa devo fare" non ti devi stupire di ricevere queste richieste, neanche fossi uno studentello del primo anno di architettura che deve fare revisione.
    A sentire i tecnici del comune potresti dover disegnare tutta la facciata dell'edificio, di magari 10piani, individuando sul disegno 1:100 la posizione dei nuovi infissi...
    magari ti chiederanno anche la sezione del nuovo infisso, non sarebbe certo la prima volta.

    Che vincolo ricade sull'edificio?
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ho solo protocollato con una CIL che avrei cambiato i serramenti per il risparmio energetico e nien'altro
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Domanda: come fanno a chiederti le foto del vecchio e del nuovo impianto già in sede di autorizzazione (visto che gli impianti sono sotto traccia e sottopavimento, e li puoi fotografare SOLO durante una demolizione)?? Anche per il nuovo impianto non puoi fare foto finchè non hai demolito tutto ed iniziato a fare i lavori....logicamente chiedi autorizzazione PRIMA di farli i lavori e non durante, per cui a priori non le puoi avere materialmente quelle foto. Se proprio le vogliono, le puoi dare in sede di fine lavori (che comunque dovrai presentare).
    Io ad una richiesta del genere gli faccio ragionare un pochino, finchè mi diranno....ah be sì a fine lavori.
    Non devono essere dotati di un gran genio, ne di una gran esperienza per uscire con una richiesta strampalata come questa... .
     
    Ultima modifica di un moderatore: 3 Novembre 2014
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Daniele forse non ci siamo capiti, devo far sostituire gli infissi e le tapparelle, non gli impianti sotto traccia o sottopavimento?
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Si appunto, io parlavo SOLO della richiesta che ti hanno fatto in Comune. Materialmente impossibile a priori senza demolizioni. E' la prima volta che sento che per sostituire un serramento o più serramenti ti chiedono anche gli impianti. Al massimo gli dici che generatore di calore hai (se è molto vecchio non sempre sono leggibili e presenti i dati di fabbrica sul generatore), il tipo di caloriferi montati e se ci sono le valvole termostatiche...ma nulla di più.
    Ma poi a loro che gli frega di questi dati??, Visto che sono già compresi nel calcolo dell'APE.
     
  8. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    E loro ti hanno mandato una raccomandata con la richiesta?
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    mi hanno fatto solo una telefonata, è necessario presentare una comunicazione di inizio lavori, per ottenere il ricupero per il risparmio energetico, o potevo farne a meno di comunicarlo
     
  10. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    Una telefonata non conta nulla
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusate se mi inserisco. Mentre leggevo sono stato preso da un dubbio:
    Ho appena inviato un bonifico 1.040+IVA 10% per lavori di ripristino su due dei quattro termosifoni in un piccolo alloggio più la sostituzione del più piccolo fra essi (4 elementi) con uno più grande
    (9 elementi). Il tutto con l'intento della detrazione fiscale credo al 65%.
    1)Non avendo fatta nessuna comunicazione al comune di Torino, sono in difetto???
    2) Il bonifico da casa è stato inviato con la causale " saldo fattura ecc....." ma senza seguire le indicazioni della banca che indicavano nella modulistica dei vari bonifici quello dei "Bonifici per detrazione fiscale"
    In fase di dichiarazione redditi cosa accadrà??? Potrò riparare stornando il bonifico e facendone un altro???
    Su questo alloggio avevo già ricevuto le giuste "quadre" da @Daniele 78 che nuovamente ringrazio.
    Cordiali saluti a tutti. QPQ.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io consiglierei di utilizzare SEMPRE la modulistica prevista da "Bonifici per detrazione fiscale", soprattutto se si hanno dei dubbi.
    In sede di dichiarazione dei redditi, avendo avuto abbastanza tempo per approfondire la questione e/o con l'aiuto del Caf, di un consulente, o di un conoscente esperto in materia, si potrà decidere SE includere o meno la richiesta di detrazione fiscale. Se non sarà possibile, si potrà sempre utilizzare la fattura per accendere il caminetto.
     
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie mille impenitente biricchino...Ma tu non sei un commercialista con gli attributi giusti??? Intanto ho già deciso di farmi restituire con un suo assegno (???) l'importo del bonifico con una sua nota credito per storno fattura (???)...riemissione di un'altra
    e successivo bonifico con la giusta procedura bancaria...E sarà un piacere seguire il fumo e il calore e gli strofinii della prima fattura mentre brucia al suon (???) del tuo consiglio...qpq.
     
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa @quiproquo ,
    che valuta hai dato al bonifico ? Se l'operazione l'hai fatta stamattina on-line, sei ancora in tempo per annullarla e farne un'altra. Io con IntesaSanpaolo ho tempo fino alle 17,25 per revocarla/annullarla. Mi pare che l'operazione venga contabilizzata immediatamente solo quando la valuta è quella dello stesso giorno ed il beneficiario ha il conto presso la stessa banca/Filiale.
    Se riesci ad annullarla avrai altra carta per alimentare il caminetto.
    Cerea.
     
  15. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie...Purtroppo no... sono già trascorsi tre giorni e Quella banca mi ha confermato l'obbligatorietà del modulo predisposto a tale uopo,
    pena la indiducibilità della detrazione. Non mi resta che affrontare il
    "mastino" e convincerlo al "rigurgito"...Il piccolo problema sarà la scelta fra lo storno fattura o la nota credito...Sono propenso per la prima soluzione con la seguente motivazione: "per errata compilazione del modulo del bonifico... " La verità spesso vince
    sulla bugia...Tu che ne dici??? qpq.
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Basta accordarsi con il beneficiario per la restituzione del denaro versato con il primo bonifico. Indi disporre un nuovo bonifico con tutti i dati prescritti.
     
  17. MagoMerlino

    MagoMerlino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Finchè non ufficializzano la richiesta con raccomandata r.r., .....fregatene! Quella gente pensa che, solo perchè loro non fanno un c....o dalla mattina alla sera, anche gli altri hanno tempo da perdere dietro le loro assurde richieste.
    Trattandosi di infissi, inoltre, devi solo dichiarare che non viene alterata la "facciata" dell'immobile, e basta.:shock:
     
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sì, la verità è quella ma il problema riguarda solo te. Segui il consiglio di Nemesis, mettiti d'accordo con il fornitore, rifai il bonifico "correttamente" e ti fai rimborsare il primo. Tu non sei obbligato a tenere una contabilità per cui potresti anche aver "sbagliato" e pagato due volte la stessa fattura in quanto non hai un sistema di controllo automatico che te lo segnali.
    Il Fornitore invece, avendo una contabilità in partita doppia, è "obbligato" ad accorgersi che ha avuto un doppio incasso per la stessa fattura-
     
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Nemesis...ma lui, essendo in contabilità con partita doppia deve o non deve giustificare l'esborso di denaro per cassa o meglio ancora con un assegno??? In difetto, pur pareggiando nella sostanza
    il dare e l'avere, lui si troverebbe con un doppio incasso a fronte di una sola fattura...Da qui la necessità di una nota credito o di uno storno fattura...Come vedi tale formalità può diventare ostativa alla risoluzione desiderata...Vi terrò (@alberto bianchi) informati. qpq.
    [DOUBLEPOST=1415120593,1415120545][/DOUBLEPOST]
    (vedi Nemesis).qpq.
     
  20. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il Fornitore non deve emettere alcuna N.C. ma deve semplicemente restituirti il secondo pagamento che ha ricevuto (riceverà) per la stessa fattura..
    Emettere una N.C. significa andare a modificare l'aspetto economico dell'operazione di vendita da parte del Fornitore, la quale operazione si è conclusa con la fatturazione, l'applicazione dell'IVA, la registrazione in contabilità senza che da parte del cliente (Tu) ci sia stata alcuna contestazione o rilievo. L'operazione per lui è conclusa correttamente. Quello che non è concluso, a causa tua, è l'aspetto finanziario, cioè il movimento di soldi duplicato.
    Tale operazione si regolarizza con un semplice rimborso, bonifico che avrà come causale "restituzione doppio ed errato pagamento" della Fatt. Nr.....
    In effetti è un riaccredito finanziario senza che venga emesso alcun documento che veda ad intaccare l'aspetto fiscale ( IVA per intenderci), ma basterà una semplice lettera esplicativa e naturalmente il bonifico.
    Cappitto mi hai ?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina