• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

martina guzzi

Nuovo Iscritto
mia zia ha lasciato beni tramite testamento casa e penso soldi, indicando i nomi dei beneficiari
che sono i suoi nipoti (da parte di due sorelle )
mia zia era vedova da anni e non aveva nessuno in quanto anche l’unico figlio e’ deceduto alcuni anni fa’
mentre mia zia e’ deceduta il 13 marzo 2010
in questo caso uno dei fratelli che non e’ stato indicato nel testamento puo’ per diritto avere comunque una copia del testamento oppure non gli spetta, in caso positivo come puo’ ottenerla

NB gli e’ stato detto di recarsi in tribunale dove e’ pubblicato, ma in tribunale penso si possa solo visionare e non richiederne una copia del testamento
2 per quanto riguarda i beni una casa di proprieta’ del defunto e’ stata lasciata in eredita’ ai nipoti ma pare abbia un difetto in quanto non risultante Registrata all’ufficio catasto…
3 inoltre vorrei anche sapere se i beni e i soldi hanno la stesso trattamento, e quindi spetta tutto e solo a chi e’ stato citato nel testamento ( il fratello potrebbe reclamare una parte di qualcosa )?
4 ci sono dei termini per impugnare il testamento lo stesso ed in questo caso potrebbe essere utile








Grazie

Buona giornata

Marina Guzzi (Milano)



Cell xxx xxxxxxx







5
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
se chi muore al momento del decesso non ha eredi in linea retta, la sua quota di disponibile e' pari al 100%, in caso di esistenza di testamento. quindi temo, che avendo questa opportunita e non avendo eredi legittimi diretti ( figli, nipoti, marito equiparato), ha nominato beneficiari delle sue sostanze, in pratica chi ha voluto lei, senza alcun vincolo di legittima. diverso sarebbe stato, in mancanza di testamento. in quest'ultimo caso si sarebbe eseguita la successione legittima, ove sarebbero stati per legge nominati i parenti piu prossimi alla de cuius e per legge.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il testamento una volta pubblicato chiunque può richiederne copia dal notaio che l'ha pubblicato, se ancora in attività, altrimenti nell'archivio notarile ed infine all'Agenzia delle Entrate, Ufficio di Pubblicità Immobiliare.
La casa potrebbe non risultare ancora in catasto forse perché non è stata presentata la domanda di voltura in catasto ovvero potrebbe essere errata.
Tutti gli altri beni, se indicati nel testamento, seguono le disposizioni, altrimenti vanni suddivisi fra gli eredi legittimi.
Il testamento può essere impugnato entro 10 anni dalla sua pubblicazione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Il testamento può essere impugnato entro 10 anni dalla sua pubblicazione.
No. Nessun periodo prescrizionale decorre da quella data.
L'azione di riduzione nel caso di istituzione di erede lesiva dei diritti dei legittimari si prescrive in dieci anni decorrenti dal momento dell'accettazione da parte del chiamato. Nel caso in cui la lesione dei diritti dei legittimari sia frutto di una donazione effettuata in vita dal de cuius, il termine di prescrizione decorre dal giorno di apertura della successione.
L'azione di annullamento ex art. 591 c.c., oppure 606, secondo comma c.c. si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
sei formalmente, in quanto ascrivibile tra gli eredi legittimi potenziali ( collaterale come i tuoi cugini), in diritto di chiedere copia conforme del verbale di pubblicazione del testamento con allegato copia del testamento stesso, e dell'estratto del riassunto atto di morte. la copia, se il notaio non te la da, la chiedi in conservatoria. non aspettare oltre i dieci anni dalla aperura della successione. ribadisco che, se il de cuius non aveva eredi in linea retta ( figli, nipoti e per assimilazione il coniuge),la sua quota di disponibile (purtroppo) è pari al 100% in presenza di un testamento. comunque lo stesso testamento si puo tentare di annullarlo se contiene vizi formali o volonta contrarie alla legge. ma non ti aspettare molto.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
sei formalmente, in quanto ascrivibile tra gli eredi legittimi potenziali ( collaterale come i tuoi cugini), in diritto di chiedere copia conforme del verbale di pubblicazione del testamento con allegato copia del testamento stesso
Dal momento in cui il testamento è stato pubblicato, chiunque può ottenerne una copia, richiedendola direttamente al notaio se in attività, che la deve fornire a semplice richiesta dietro il pagamento richiesto, all'archivio notarile o in conservatoria dei RR.II..
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Alto