1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Riporto un articolo che mi è molto piaciuto :
    La medaglia d'oro vinta dalla Resistenza
    In Liguria, da dove arrivo io, la pallanuoto è una roba seria. Ci sono piccoli paesi che vivono intorno alla loro piscina d'estate e d'inverno e delegazioni genovesi che si dannano l'anima per trovare i soldi e fare almeno una volta ogni tanto una stagione di alto livello. Ci sono miti, come Eraldo Pizzo, che incontri per strada e con i quali ti fermi a parlare come se fossero tuoi vecchi compagni di banco, quando invece rappresentano miti indelebili.
    La competizione tra Recco, Sori, Nervi e Bogliasco, ma anche tra Mameli e Arenzano, o Savona, è di quelle pesanti: alcuni definiscono la pallanuoto il rugby galleggiante, per la sua aggressività, per il senso della fatica, ma anche perché i colpi non si risparmiano e quelli che non vedi, sotto il pelo dell'acqua, sono quelli che fanno più male.
    Crescere in Liguria e interessarsi, almeno un pochino, alla pallanuoto è una cosa normale: ci sono emittenti locali che hanno più successo con la diretta delle trasmissioni del campionato di A1 di pallanuoto che con le repliche delle trasmissioni di Genoa e Sampdoria e i pochi soldi di un giro di sponsor che arriva più da appassionati che da persone interessate al cosiddetto ritorno di immagine, non bastano nemmeno a pagare i conti.
    Poi, per il resto, ci si arrangia. Con qualche festa di piazza, con la lotteria di Natale, con le amicizie, con uno spirito che fondamentalmente è rimasto dilettantistico.
    Uno spirito che purtroppo deve accomunare molti, troppi sport che nella cascata di milioni di euro che vengono amministrati dal Coni vengono solo sfiorati da poche gocce e rarissimi interessi.
    La medaglia d'oro del Mondiale di Shanghai avrà mille padroni: e saranno tutti lì, ordinatamente in fila, ad appoggiarci il cappello sopra e a vantarne i meriti. Ci sarà chi dirà (copio e incollo da virgolettati di allori precedenti) che 'questa è la dimostrazione del buon lavoro che è stato fatto a livello di pianificazione, della straordinaria risposta del territorio ai programmi di rilancio nati con lungimiranza anni fa', e potrei continuare...
    Io dico che questa, più di tante altre, più di quelle di Federica Pellegrini che qualche soldo lo ha visto e un po' di aiuti li ha avuti, è la medaglia di chi in quella piscina ha espresso anni di fatica, di colpi, di allenamento in palestra e in acqua e ha strappato con i denti al destino un successo strameritato non solo dalla squadra azzurra, ma da un movimento pallanuotistico che in Italia galleggia a malapena. Cosa vergognosa per la tradizione di questo sport nel nostro paese...

    Io dico che questa, più di tante altre, più di quelle di Federica Pellegrini che qualche soldo lo ha visto e un po' di aiuti li ha avuti, è la medaglia di chi in quella piscina ha espresso anni di fatica, di colpi, di allenamento in palestra e in acqua e ha strappato con i denti al destino un successo strameritato non solo dalla squadra azzurra, ma da un movimento pallanuotistico che in Italia galleggia a malapena. Cosa vergognosa per la tradizione di questo sport nel nostro paese...
    Questa medaglia d'oro è solo di Campagna e dei suoi ragazzi: di Tempesti, di Felugo e del dannato settebello che è un soprannome che detesto, perché mi fa pensare ai preservativi. Quando invece nella pallanuoto, nella ridda continua di espulsioni e sostituzioni, si vince davvero tutti insieme, in un gioco di squadra, di collettivo, di ritmo assoluto tra acqua e panchina.
    Il nostro è un paese di mare, di poeti, santi e navigatori. I poeti mi annoiano, di santi ce ne sono troppi, di navigatori mi è bastato mio padre che sul mare ha fatto collezione di infarti. Ma il mare ci ha reso abili e arruolati al nuoto: dovremo imparare prima a nuotare che a camminare, dovremmo essere pieni di piscine e di fuoriclasse del crawl su questa portaerei protesa nel Mediterraneo chiamata Italia dove abbiamo più chilometri di costa che di autostrada.... E invece ci troviamo con società che si litigano l'acqua delle corsie perché in metropoli come Milano e Roma, che chiedono le Olimpiadi senza sapere neppure organizzare un Mondiale, le uniche piscine da 50 metri che esistono sono private... E non ne costruiscono di pubbliche dal dopoguerra.
    Potrei sfogarmi per ore e mi, vi, rovinerei la gioia di una medaglia della quale si parlerà lo spazio di poche ore, giusto il tempo che la gente torni a chiedersi se Federica si è davvero messa con Magnini o se è tornata con Marin.
    Questi ragazzi meritano non una medaglia, ma un monumento, perché hanno ridato dignità a uno sport che l'Italia praticamente ha inventato e del quale avevamo dimenticato quasi tutto. Uno sport che passa nelle repliche notturne, se c'è spazio, e i cui protagonisti guadagnano meno di un impiegato nonostante sgobbino per dieci ore al giorno ad allenarsi e prendano colpi che nemmeno un pugile prenderebbe mai.
    Questa medaglia è davvero d'oro, come il cuore di questi ragazzi immersi a faticare nella piscina cinese. Come il ricordo di una partita che, magari poche persone, sicuramente io tra questi, è e resterà indelebile. Oggi la pallanuoto italiana ha di nuovo la sua dignità: ce l'hanno data questi ragazzi, impariamo la lezione e teniamocela stretta... questa si chiama ancora Resistenza, in un paese che costruisce sport tra le macerie.
    Altro che organizzare Mondiali e Olimpiadi...
    La medaglia d'oro vinta dalla Resistenza - Yahoo! Eurosport IT

    :daccordo:
     
    A Alessia Buschi, Tatiana e sarastro piace questo elemento.
  2. sarastro

    sarastro Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ti stringo la mano e mi unisco a te nella grande gioia per la vittoria dell'Italia a Shanghai. Era venuta voglia anche a me di scrivere al forum, dopo la vittoria della nazionale di pallanuoto, ma temevo di essere inopportuno: siamo così pochi, a seguirla...e invece, vedo che almeno un altro appassionato c'è.
    Quel che scrivi tu, potrei sottoscriverlo dalla prima riga all'ultima; e visto che hai già detto quel che andava detto sulla nazionale, aggiungerò solo qualche parola su una squadretta a cui sono molto affezionato, perchè ci gioca mio figlio. Vedrai che anche a questo minimo livello, si confermano tutte le cose che dici tu sulla pallanuoto nazionale.
    Mio figlio (che compie quattordici anni a settembre) gioca da cinque anni in una squadretta di pallanuoto, la "Cabassi Carpi". E' un squadra che non ha tradizioni, non ha piscina (tutte le rappresentative si devono allenare in una vasca da bagno di 25 mt dove SI TOCCA!; la squadra maggiore, che gioca in C, deve allenarsi alle 10 di sera perchè mancano gli spazi acqua; la U15, dove gioca mio figlio, si può allenare solo tre volte la settimana per la stessa ragione).
    Bene. Quest'anno, la U13 e la U15, allenate entrambe da un tecnico educatore eccezionale, Andrea Pederielli (che allenò anche Fabio Baraldi, il centroboa del Posillipo), hanno vinto entrambe per la prima volta il campionato regionale, davanti al Bologna (squadra maggiore in A) e al Ravenna (squadra maggiore in A2); e dopo la vittoria in regione, hanno avuto la soddisfazione di andare a giocare (e a perdere, va da sè) ai nazionali giovanili, al Foro Italico.
    Con tanta umiltà, tanta fatica, senza nessun fenomeno in squadra, senza montarsi mai la testa, mandando anche giù un paio di arbitraggi veramente brutti (in una partita, non dirò contro chi, due giocatori si sono presi dei brutti *****tti in faccia a freddo, con un naso rotto e uno zigomo da ricucire) questi ragazzini e il loro allenatore hanno fatto onore a uno sport che ne meriterebbe di più da tutti anche quando non si vincono i mondiali.
    Chi ragiona come si è usi ragionare adesso si chiede, "Ma chi glielo fa fare, ai pallanuotisti, di fare quella fatica? Dov'è la gloria, dove sono i soldi? Io qua vedo solo sgobbo e sberle..."
    Chi gioca (o ha giocato) a pallanuoto lo sa benissimo, chi glielo fa fare, e non cambierebbe il suo sport con nessun altro.
    :daccordo:
     
    A maidealista piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina