V.S.

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ho acquistato due immobili adiacenti con l'impegno ad unificarli entro un anno.
In uno già ci abitavo, nell'altro al momento dell'acquisto c'era un inquilino con contratto in scadenza dopo 7 mesi (con la fine locazione già comunicata dal precedente proprietario e riconfermata da me nei tempi e modi stabiliti dalla legge).
Allo scadere del contratto l'inquilino è rimasto come occupante senza titolo, il contratto di locazione è stato regolarmente cessato con comunicazione all'Agenzia delle Entrate ed è stata avviata procedura di sfratto.
Lo sfratto è stato convalidato ma il giudice ha dato una lunga scadenza per l'esecuzione e mi farà sforare l'anno entro cui avrei dovuto fare la fusione per non avere problemi con l'Agenzia delle Entrate che può fare accertamenti fino al terzo anno.
Ho provato a fare interpello chiedendo se la sentenza del giudice, in quanto causa di forza maggiore, può rappresentare una sospensione del termine di un anno, facendo spostare il termine a quando di fatto l'appartamento verrà liberato.
La risposta ricevuta è stata una non risposta, nel senso che non sono entrati nel merito, dicendo che la domanda avrei dovuto porla prima di acquistare l'immobile.
Adesso onde evitare accertamenti prima che scada l'anno dall'acquisto e rischiare di pagare la differenza come acquisto seconda casa con le relative sanzioni, posso comunque effettuare l'unione catastale, dei due immobili, (che di fatto sono uniti ed hanno una porta in comune sulle scale che da su un piccolo disimpegno in cui ci sono le due porte interne dei due appartamenti), ma che fino a quando l'occupante non lascerà l'immobile non hanno unione funzionale, in quanto ci sono due impianti elettrici, 2 gas, ecc)?
Grazie a chi potrà aiutarmi
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Poiché la fusione deve essere presentata sia al catasto che all'ufficio tecnico comunale, sei obbligato ad attendere di entrarne in possesso. Comunque se sei in grado di dimostrare che hai tentato tutte le strade per risolvere il problema, dovresti dormire sonni tranquilli. E qui il condizionale è d'obbligo, visto l'incertezza del Diritto che vige nel nostro Paese.
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
Non credo tu posso provvedere alla fusione nella situazione attuale.
Certo è stato un grosso azzardo acquistare l’immobile locato!
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma oltre al problema che si è creato, ti è convenuto o ti conviene unire gli appartamenti? quanto hai risparmiato, quanto risparmierai negli anni? se un domani li vuoi vendere o lasciarli in eredità separatamente ti costerà ancora per separarli, fai quattro conti nel tempo e vedi se lasciandoli separati non è meglio, considerando anche la salute del tuo fegato che ne gioverà immediatamente.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Discussioni simili a questa...

Le Ultime Discussioni

Alto