1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. raffaraffa

    raffaraffa Nuovo Iscritto

    due coniugi hanno acquistato in tempi separati due unità immobiliari attigue beneficiando entrambi delle agevolazionid i prima casa. ora vogliono fare dei lavori per unire le due unità. Quali sono le conseguenze in merito alle agevolazioni fiscali? premetto che a lavori ultimati la nuova unità immobiliare sarà di proprietà di entrambi, ognuno per la usa vecchia quota.
    grazieeee
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La risoluzione 142/2009 del Ministero delle finanze sancisce fra l altro che l'agevolazione spetta in tutti i seguenti casi :
    a) acquisto contemporaneo di due appartamenti (da un unico proprietario o da venditori diversi), destinati a essere accorpati;
    b) acquisto contemporaneo di un appartamento e di una porzione di un appartamento contiguo, al fine di inglobarla nel primo;
    c) acquisto di un'unità immobiliare finalizzata alla fusione con un'altra unità immobiliare già di proprietà (indipendentemente dunque dal fatto che questa sia stata oggetto di un acquisto agevolato).
    La norma và interpretata nel senso che l'abitazione preposseduta nel medesimo Comune impedisce di ottenere l'agevolazione in sede di nuovo acquisto, a meno che appunto si tratti di un'abitazione pre-posseduta destinata a essere ampliata con il nuovo acquisto.
    Infine, sia che si tratti di un ampliamento (della casa "pre-posseduta") o di un accorpamento di due unità comprate contemporaneamente, occorre procedere alla "fusione" catastale delle due porzioni: operazione che ha come ovvio presupposto il fatto che le due unità immobiliari da unire abbiano la medesima intestazione
     
    A alber, loryz e Guk piace questo elemento.
  3. raffaraffa

    raffaraffa Nuovo Iscritto

    Gentilissimo dott. Rossi,
    tutto chiaro, mi resta un solo dubbio: le due unità hanno proprietari diversi, quindi nella sostanza la moglie proprietaria del primo immobile non ha acquistato una seconda unità per accorparla alla prima, bensì il marito ha acquistato il secondo immobile e ottenuto il permesso per eseguire i lavori che porteranno all'unione del suo appartamento con quello della moglie.
    restano quindi valide le Sue risposte?
    Grazie ancora
    Raffaella
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    circolare 38E del 12 agosto 2005
    Acquisto di abitazione contigua
    L'agevolazione "prima casa" spetta anche per l'acquisto di due appartamenti contigui destinati a costituire un'unica unità abitativa purché l'abitazione conservi, anche dopo la riunione degli immobili, le caratteristiche non di lusso di cui al D.M. 2 agosto 1969.
    Per gli stessi motivi e alle stesse condizioni il regime di favore si estende all'acquisto di immobile contiguo ad altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto
    fruendo dei benefici prima casa, ad esempio nei casi di acquisto di una stanza contigua.Resta fermo che in entrambe le suddette ipotesi l'agevolazione in esame spetta se ricorrono tutte le altre condizioni previste dalla norma agevolativa, ossia l'ubicazione
    dell'immobile, l'assenza di altri diritti reali vantati su immobili ubicati nello stesso
    comune.
     
    A serlino68 e Guk piace questo messaggio.
  5. Dato che nessuno dei due coniugi vende l'appartamento acquistato con le agevolazioni, bensì lo accorpa ad un altro rimanendone comproprietario, non vedo problemi in merito alla decadenza dalle agevolazioni richieste al momento dell'acquisto. Buona serata
     
  6. raffaraffa

    raffaraffa Nuovo Iscritto

    Buonasera Dott.ssa ,
    La ringrazio per la risposta ampiamente esaustiva.
    Buona serata a Lei
     
  7. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Espongo il mio punto di vista non per confondere gli interlocutori ma per aprire una discussione che possa essere utile, credo obbiettivo primario di questo sito. .

    Obbiettivo degli istanti: " a lavori ultimati la nuova unità immobiliare vorremmo divenisse proprietà di entrambi, in proporzione alla vecchia quota "

    Dal quesito pare di capire che l 'intendimento non sia solamente di unire due unità attigue ma che queste due unità divengano una sola unità compartecipata da entrambe i coniugi "in proporzione alla vecchia quota" .Per semplicità supponiamo che la quota che rispecchia i valori delle proprietà sia equanime ( come se un immobile valesse 200.000 e l'altro anche) ; in sintesi esistono due scelte ed ipotesi conclusive:

    1.ma ipotesi: Il Marito resta unico proprietario della casa A composta dai mappali sub1-2 ; la Moglie unica proprietaria della casa B composta dei mappali sub 3-4. Tramite una picconata (metafora) nel muro divisorio le due proprietà vengono poste in comunicazione: in questo caso non ci sono problemi di alcun genere ma le due unità restano di proprietà distinta seppure collegate fra loro (divisione verticale delle proprietà)

    2.da ipotesi : dalla fusione delle due proprietà A+B , tramite lavori si perviene ad una unica unità "C" che sembrava l'oggetto del quesito (divisione orizzontale delle proprietà): se è questo l'obbiettivo come pare dalla domanda, occorre
    a)-far decorrere un quinquennio dal precendente acquisto ( diversamente ci si scontra con le problematiche relative alle sanzioni per decadenza del diritto prima casa )
    b)-procedere ad una permuta in cui A cede il 50% della sua proprietà a B e viceversa (atto notarile)
    c)-fare una pratica catastale atta all'identificazione di una unica nuova unità immobiliare risultante dalla fusione dei mappali sub.1-2-3-4 (pratica da geometra)

    Nella scelta occorre tener conto dei risvolti civilistici:
    1-La prima ipotesi è preferibile se i coniugi mettono in conto una possibile separazione futura (metafora: basterà ritirare su il muro oggetto della picconata)
    2-La seconda ipotesi è preferibile in caso di premorienza del coniuge; in tale caso all'altro spetterà il diritto di abitazione su tutta la nuova abitazione.

    Ovviamente accetto critiche e confutazioni alle mie conclusioni.
     
    A maria55 piace questo elemento.
  8. cincinnato

    cincinnato Nuovo Iscritto

    Buongiorno.
    Con questa ipotesi intende dire che è possibile aprire una porta (o estensivamente demolire una parete) tra due unità abitative con differenti proprietari?

    Grazie
     
  9. cincinnato

    cincinnato Nuovo Iscritto

    ... e per la "picconata" che mette in collegamento fisico le due distinte unità immobiliari con differenti proprietari, è sufficiente la comunicazione scritta al Comune (nuova legge 73 del 22/05/2010) oppure occorrerà ancora la DIA, ipotizzando che non si vada a toccare parti strutturali dell'edificio.
    E questa comunicazione (o DIA) va fatta da entrambi i proprietari in maniera distinta?

    Grazie
     
  10. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    A mio parere è sufficiente la comunicazione scritta al Comune (nuova legge 73 del 22/05/2010) che nell'ottica della liberalizzazione di cui alla legge citata sostitutisce la DIA
     
  11. susansnake

    susansnake Nuovo Iscritto

    Scusate se mi intrometto, è una tematica che interessa anche me. Ma la "picconata" è, di fatto, legale? Intendo, la comunicazione al comune su quale appartamento viene fatta? Perchè, di solito, è necessario specificare l'appartamento oggetto dei lavori...
     
  12. panaia21

    panaia21 Nuovo Iscritto

    scusate se mi intrometto anche io,ma la cosa interessa anche me!
    se io avessi l'Assurdo desiderio di acquisire l'appartamento sottostante a quello dove mio marito ed io abitiamo, e non unissi con una scala i due piani, ma lasciassi le unità abitative separate e le unissi solo tramite il cortile d'ingresso che attualmente è diviso. sarebbe un problema far rientrare così facendo le due unità abitative un unica abitazione ai fini dell'ICI, tasse e utenze ?oppure pensate che ci toccherebbe pagare tutto doppio? anche se mantenendo il bagno e gli scarichi al piano superiore
    grazie
     
  13. pratoverde

    pratoverde Nuovo Iscritto

    Salve la discussione mi interessa ho acquistato nel 2010 un appartamento, con mutuo, a intestato solo a me, attiguo a quello nel quale vivo, ereditato da mia moglie nel 2009. Vorremmo unire i 2 appartamenti e rendere abitabile il sottotetto. Al piano inf. nella parte da me acquistata vi è un locale comm.le C1. Per effettuare i lavori (cucina e altri servizi unici) basta una comunicazione (DIA) o dobbiamo in ogni caso passare dal notaio per permuta e/o altro e solo dopo effettuare lavori? Grazie mille.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina