1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. roberto39

    roberto39 Membro Ordinario

    Buongiorno amici di propit.
    volevo formulare una domanda ho un contratto in essere a cedolare secca , intestato a due persone.
    uno dei due vuole dare disdetta e chiedere la sua parte di caparra
    come posso risolvere la questione e per il contratto devo fare una variazione , oppure basta una forma scritta.
    grazie per il vostro aiuto.
     
    A jaco67 piace questo elemento.
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per rispondere adeguatamente bisognerebbe conoscere con esattezza che cosa prevede il contratto di locazione.
     
  3. roberto39

    roberto39 Membro Ordinario

    il contratto non prevede il recesso di uno dei conduttori
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il contratto intestato a Sig A e sig B ti pone nella situazione che resta valido in quanto uno dei due resta. Se va via Sig. B non gli rendi la metà cauzione, ma Sig. A eventualmente integrerà la quota di cauzione versandole al Sig. B. Quindi sono problemi tra i due conduttori.
    Se invece hai in mano una cauzione spezzata in due e intestata a due nominativi, appena il sig A ti verserà la differenza, renderai la quota a Sig B.
     
    A AZALEA e jaco67 piace questo messaggio.
  5. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Ho avuto lo stesso problema alcuni anni or sono: da allora, quando il contratto è intestato a più di un soggetto, metto sempre la clausola di solidarietà tra i soggetti (se uno lascia gli altri subentrano in tutto e per tutto, l'entità del canone resta la stessa e il deposito cauzionale, eventualmente restituito in parte da chi resta a chi va via, resta lo stesso in capo al locatore): in questo modo il locatore non ha alcun problema e il conduttore che lascia o i conduttori che lasciano devono accordarsi con gli altri. In questo caso, mancando tale clausola ed in mancanza di un accordo bonario tra tutti i soggetti (compreso il locatore), ritengo che dovrai fare, con i conduttori restanti, una variazione di contratto o, forse, farne uno nuovo con tutte le nuove specifiche, compresa l'entità del nuovo deposito cauzionale, operando i necessari conguagli.
     
    A roberto39 e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se un inquilino ti va via, il canone rimane tale e si riduce
     
    A roberto39 piace questo elemento.
  7. Carlo27

    Carlo27 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Dalle varie esperienze di persone che conosco, i contratti intestati a più persone sono sempre fonte di spiacevoli discussioni.
    Per quante clausole e note si aggiungono in un contratto, quando uno dei due se ne va, chi resta non vuole pagare anche per l'altro.
    Trovare poi un sostituto è spesso una impresa molto difficile. Se lo trova il locatore, al conduttore non andrà mai bene.
    Se lo trova il conduttore l'appartamento diventa un albergo. Uno cerca di selezionare delle persone affidabili, poi uno se ne va e subentra un altro che non conosciamo. Poi se ne va via anche chi era rimasto, e subentra un altro. E così alla fine si hanno due (o tre)conduttori non scelti da noi, ai quali probabilmente non avremmo mai affittato il nostro appartamento.
    Quindi io consiglio di intestare il contratto a una sola persona.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quella clausola non è necessaria, dato che la solidarietà passiva è già prevista dalla legge (artt. 1292 e 1294 c.c.). Non si ha un'obbligazione unica con pluralità di soggetti, ma tante singole obbligazioni quanti sono i debitori, connesse fra loro e aventi, ciascuna, per oggetto l’identica prestazione.
    Ciò, salvo diverso accordo tra le parti.
    Conseguentemente, se manca quel diverso accordo, in caso di recesso di uno solo tra i vari conduttori, il locatore può pretendere il versamento dell’intero canone e delle spese accessorie, da parte di uno qualsiasi dei conduttori rimasti.
    È quindi necessaria una clausola contrattuale per prevedere deroghe a tale solidarietà passiva.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Interessante. Come potrebbe il canone rimanere tale e al contempo ridursi?
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    leggasi o anzichè i potevi entarci da sola, figlia di zeus
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se il contratto nulla prevede, il canone non si riduce.
     
  12. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    ...non conoscevo questi articoli del cc, ma buono a sapersi...
     
  13. roberto39

    roberto39 Membro Ordinario

    in poche parole serve comunque una forma scritta, e la caparra non devo restituirla .
    non serve una variazione di contratto in quanto permane in essere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina