1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Vi spiego in breve. Un mio zio vive in una villetta semi indipendente che è composta dal piano terra in cui vivono altri parenti e dal primo piano in cui vive lui. Vi sono poche parti comuni. Non vi è condominio. La proprietà dello zio è composta, oltre che dall'appartamento al primo piano, di alcuni appezzamenti di terra che confinano con quelli del piano terra delimitati da una rete. Adesso però questa striscia di terra appartenente allo zio è stata utilizzata dal parente che vive al pian terreno per mettere un cane ed è stata chiusa da un cancello molto rudimentale diciamo che è solo poggiato non ci sono serrature o altro insomma ed è accessibile. Il tutto è stato fatto perchè, con molta probabilità, quel pezzo di terra non veniva utilizzato per nulla. Mi chiedo se questo atto potrebbe in qualche modo portare ad usucapire quel pezzetto di terra appartenente alla proprietà di zio.
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nn sarà "regolarizzato" (Codice Fiscale) e magari mancano "servizi" comuni...ma il loro è comunque un Condominio.

    L'atto cui ti riferisci... decorsi 20 anni, e con determinate condizioni, potrebbe avallare l' usucapione.
    Attivatevi prima.
     
    A Avvocato Luigi Polidoro piace questo elemento.
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il parente ha preso possesso di quel terreno con l'intento di usucapirlo occorre che:
    - lo possieda ininterrottamente, senza saltare un anno, per vent'anni consecutivi;
    - il possesso non sia contestato all'interno di detto periodo;
    - sia posseduto pubblicamente, non in modo subdolo.
    Va osservato che nei terreni montani il possesso necessario per usucapire scende a 15 anni.
     
    A Avvocato Luigi Polidoro piace questo elemento.
  4. masagu

    masagu Membro Attivo

    Bene Gianco grazie per la tua chiarezza...ma che intendi con "pubblicamente"? In realtà è solo da un mese che ha messo un cancelletto ma la striscia di terra era già recintata proprio per delimitare la proprietà di zio dall'altra...mancava solo un cancello che è stato messo ma solo appoggiato diciamo nessuna chiusura o altro come dicevo prima...Ma come si fa a dimostrare che è da solo un mese così e non da più tempo? Per esempio 15 o 20 anni?:occhi_al_cielo:
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Testimonianza.
     
  6. masagu

    masagu Membro Attivo

    Quindi intendi che un pinco pallino qualsiasi potrebbe dire che quel pezzetto di terreno è suo da 20 anni anche se non è vero? :occhi_al_cielo:
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Pubblicamente vuol dire che deve possederlo alla luce del sole e che chiunque possa riscontrarne il possesso.
    L'onere della prova del possesso spetta a chi possiede se l'intervento viene promosso entro un anno dall'evento, azione possessoria. Superato l'anno cambia il tipo di causa e l'onere spetta a chi rivendica, azione petitoria.
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Premesso che chiunque puo dire ciò che gli pare...mi pare che tu abbia strano concetto del termine "testimonianza".

    Non basta, difronte ad un Giudice, la sola parola del "pinco pallino" di turno ad avvalorare le sue affermazioni.
    Testimonianza significa che il "pinco pallino" deve avere altre persone che confermano la sua storia come rispondente ai fatti.

    Tu al momento hai solo il "pensiero" che il "parente" possa esercitare l' usucapione...ma non hai prodotto "fatti" che possano avvalorarla.
    A scanso di equivoci potrai consigliare tuo zio a mandare Raccomandata RR alla francese dove rivendichi la proprietà del terreno e conceda l' uso temporaneo come recinto per il cane a titolo gratuito fino a revoca.
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E se lo zio pianta un alberello un roseto...cosi ogni tanto lo innaffia lo cura... in questo caso anche se c'è il cane e il cancelletto nessuno può rivendicare che quel pezzetto non è dello zio che è magnanimo.....cosi non fanno discussioni inutili il cane sta li come la pianta sta li in comune, come vi pare?
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se i fondi rustici sono "con annessi fabbricati" (art. 1159-bis c.c.)
     
    A Gianco piace questo elemento.
  11. masagu

    masagu Membro Attivo

    Ma gli alberi ci sono ...diciamo che è un pezzetto di terreno che non usa tantissimo ma ci sono 4 alberi circa...
     
  12. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nemesis, non conoscevo questo particolare.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Masagu, non è il problema degli alberi, occorre che il proprietario, anche se consente il ricovero del cane, faccia una manifestazione di possesso. E'sufficiente che manutenzioni saltuariamente la recinzione, curi gli alberi o lavori, anche parzialmente, il terreno. Il suo intervento deve avvenire almeno una volta ogni vent'anni, preferibilmente documentato. Altrimenti il possessore potrebbe accampare diritti.
     
  14. masagu

    masagu Membro Attivo

    Ah beh allora....posso stare tranquillo...bene grazie mille!
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ricordati che superato l'anno dal possesso senza che si siano manifestate opposizioni l'onere della prova passa a chi rivendica. Pertanto è meglio essere previdenti.
     
  16. masagu

    masagu Membro Attivo

    Intendi dire che zio deve comunque fare qualcosa o dire qualcosa?
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se tuo zio possiede, sebbene sia ospitato il cane del parente, non c'è da preoccuparsi. L'importante è che non gli permetta di goderne esclusivamente, perché potrebbe essere l'inizio del tentativo di appropriarsene. Male non faresti ad accompagnare qualche volta tuo zio dentro la sua proprietà e presenziare a qualche potatura, manutenzione della recinzione, lavorazione del terreno. Saresti un testimone.
    In alternativa tuo zio con una scrittura privata potrebbe autorizzare quella persona a custodire il cane in quel terreno. Ma a semplice richiesta di tuo zio, quest'ultimo s'impegna a sgomberare il terreno. Con questo documento, sottoscritto, non potrà mai usucapirlo.
     
  18. masagu

    masagu Membro Attivo

    Bene...grazie Gianco...diciamo che dovrebbe essere difficile in quanto 20 anni credo siano tanti!
     
  19. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Siiii! mi ritrovo una figlia di 25 anni e non mi ricordo in questi 25 anni le cose belle ma solo le brutte, ossia le cose belle pure le ricordi ma ci devi pensare mentre le brutte sono sempre li che ti tormentano, il tempo vola veloce e ci troviamo vecchi senza accorgercene.:pollice_verso:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina