1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. domenico pugliese

    domenico pugliese Nuovo Iscritto

    Salve, a tutti del forum, avrei un quesito da porre: Una usufruttuaria di un appartamento anziana può coabitare con una dei figli proprietari della nuda proprieta' escludendo gli altri, anche dal solo far visita alla madre? E a morte(spero lontana) della congiunta può pretendere di rimanere in casa col fatto che ha accudito anche il fratello, anch'esso titolare di usufrutto?
    Grazie :confuso:
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Certo
    No, é semplicemente ospite
    Ma il fratello é ancora in vita ?
    :daccordo:
     
  3. domenico pugliese

    domenico pugliese Nuovo Iscritto

    si il fratello è ancora in vita ed è mentalmente instabile.
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se il fratello usufruttuario é in vita sarà lui a disporre, in sua vece il tutore...:daccordo:
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    la madre usufruttuaria può coabitare con chi vuole, e specie se necessita di assistenza per sè e per il figlio mentalmente instabile, non ci sono mezzi per impedirlo, cosa che del resto non sarebbe utile nemmeno a Domenico che, probabilmente si troverebbe a far fronte all'assistenza della madre. la madre ovviamente può accogliere in casa sua chi vuole e la sorella non dovrebbe impedirlo. alla morte della madre resta in capo al fratello il diritto di usufrutto e pertanto sarà lo stesso a decidere con chi abitare. qualora non possa farlo deciderà il tutore che lei potrà chiedere di affiancare al fratello. Dubito che un giudice, in caso di sisponibilità della sorella convivente, a svolgere questo ruolo ed in assenza di elementi seriamente ostativi decida per un tutore diverso. e dunque la soluzione del problema è rimandata a quando, tra mille anni, venuti meno tutti gli usufruttuari, resterà solo la proprietà e si potrà vendere il bene.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina