1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Salve, ho un quesito iniziale da porre a cui poi ne consegue un altro almeno:

    Un amico ha un appartamento(dove ha la residenza) e me lo vuole concedere in prestito senza volere nulla (per sue necessità va a stare altrove).
    Tra le varie ipotesi di concedere questo appartamento se si scegliesse l'usufrutto, quali sono le procedure?

    E' possibile fare un contratto di usufrutto gratuito della durata di 1 anno da registrare all' AdE (quindi le conseguenti spese di tale contratto sarebbero i 2 bolli e tassa di registro da 200 euro?)? Ci sono altre spese e obblighi burocratici?


    Se fosse possibile questa operazione quali sono le procedure da seguire per entrambi?
    Grazie,
    Dante
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Caso mai, "comodato". Usufrutto è ben altra cosa.
    Certamente sì, è possibile stipulare il contratto di comodato in forma scritta, e quindi ne è obbligatoria la registrazione.
    Se fosse stipulato verbalmente, non vi sarebbe l'obbligo di registrarlo (tranne l'ipotesi di enunciazione in altri atti).
     
  3. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Caso mai, "comodato". Usufrutto è ben altra cosa.

    Grazie per la risposta,
    ecco infatti qui arriva il secondo quesito: il fatto è che poi vorrei subaffittare l'immobile pagandoci io spese e tasse senza far ricadere sul proprietario obblighi e spese. Quali sono le procedure con usufrutto? Il proprietario è d'accordo
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se sei comodatario, e poi concedessi in locazione l'immobile (ciò richiederebbe il consenso del comodante), non sarebbe un subaffitto (o, meglio, sublocazione, che implicherebbe che tu sia titolare di un contratto di locazione).
    In ogni caso, i redditi di locazione dovrebbero essere sempre dichiarati dal proprietario-comodante (che rimarrebbe anche il soggetto passivo d'imposta per i tributi locali).
    Usufrutto per un anno? Mah. Occorre un notaio.
     
  5. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Esatto Nemesis,
    infatti ho precluso a priori il comodato proprio per tutte queste cose.
    Ti chiedi "usufrutto per un anno" quindi già mi dici che la legge non prevede di fare un usufrutto a tempo determinato giusto?
    Allora lasciando perdere di darli un tempo determinato, in sostanza come si fa un usufrutto di un'immobile tra due amici (considerando che il proprietario vuole dare questo immobile all'altro senza volere compenso e lasciando spese e tasse all'altro)
    grazie Nemesis
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. La legge consente qualsiasi durata (ma non può eccedere la vita dell'usufruttuario, e non può durare più di trent'anni se costituito a favore di una persona giuridica). Dubitavo sull'opportunità di stipularlo con quella ridotta durata.
     
    Ultima modifica: 14 Settembre 2015
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    io credo che se siete così amici potete stipulare un contratto di comodato prevedendo la possibilità di affittare a terzi e tu potrai pagare le tasse relative a nome del tuo amico proprietario. L'eventuale cessione di usufrutto a tempo determinato avrebbe un costo non conveniente
     
  8. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Grazie Griz,
    infatti anche secondo me sarebbe molto più semplice così, però il problema con il comodato è che il comodatario affitta e fa reddito ma tutto ricade comunque sul comodante che dovrà fare dichiarazione dei redditi che non ha percepito!!
    E' 2 settimane ci sto dietro ma c'e' una domanda che mi faccio:
    io comodatario affitto l'immobile (il comodante è d'accordo), ricevo i soldi dell'affitto solo ed esclusivamente per via telematica tutto tracciato! mi pago giustamente le spese. A fine anno faccio dichiarazione redditi con contratti e ricevute degli affitti (tutto alla luce del sole!!!)....ma cosa c'è che non va?? quali sono le sanzioni??

    ecco perchè siamo passati a considerare un usufrutto, solo mi chiedo:
    qualcuno sa come si fa in pratica un usufrutto? (considerando che lo si vuole fare a titolo gratuito?)

    oppure se c'e' una maniera semplice per agire in questa situazione semplice? (un amico vuole prestare un immobile a un altro il quale, con il suo consenso, affitta l'immobile dichiarando spese e compensi ricevuti)
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    l'usufrutto lo puoi istituire solo con atto pubblico, in pratica è una cessione di un diritto reale, devi andare dal notaio, capisci che così i gioco non vale la candela
    Del resto che tu percepisca un reddito da una proprietà altrui solo perchè ti vene prestata, non viene contemplato da nessuna normativa, è un problema di difficile soluzione. Tu lo chiami semplice ma è tutt'altro
     
  10. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Griz sai più o meno quali sono i costi che potrei affrontare con una costituzione di usufrutto a titolo gratuito?

    Infatti se chiedo quale è la sanzione nessuno saprebbe rispondermi, si può quasi dire che si possa fare))
    tra l'altro dichiarare in partenza cosa si vuole fare (affittare) e dichiarare cosa si è percepito andrei a semplificare la vita di chi deve controllare...mah
    e oltretutto se può risultare strano che un'amico presti un immobile a un altro anche qui non ci vedo niente di strano (ho un immobile, lo presto gratuitamente, colui che ha preso in prestito l'immobile mi ci paga spese-tasse-migliorie per non farlo andare in malora e do il consenso perchè lo affitti)
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sanzione per quale cosa?
    Che si possa fare quale cosa?
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu puoi dichiarare quello che ti pare, pagare le imposte. ma le sanzioni per non aver dichiarato il reddito da locazione e non aver pagato le imposte relative saranno a carico del tuo amico che ti presta l'alloggio. Non è che lo liberi da incombenze ma lo metti in guai molto seri. Chissà poi che elucubrazioni mentali si faranno all'Ade, cosa vuol nascondere il "prestatore dell'alloggio" ? Scusa i termini volutamente impropri.
     
  13. Diante

    Diante Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Grazie per la risposta Alberto,
    No no ma infatti figurati il comodato ormai è chiaro che per questo caso è da escludere (posso andare in ginocchio all'AdE pregandoli di farmi far pagare tutto a me comodatario ogni tipo di tasse redditi imposte fare una cedolare secca ma niente)
    poi io sono parecchio duro e non riesco a capire perchè (quale è il vantaggio per il comodante se il comodatario paga tasse imposte e tutto sull'immobile in comodato? o cosa si può pensare che ci sia sotto? grossi spostamenti di capitali?)))
    trovare una soluzione.....figuriamoci
    Benissimo il comodato...è escluso))

    Passando al usufrutto, sapresti mica dirmi quali sono più o meno i costi per la costituzione di un usufrutto a titolo gratuito?
    Grazie tanto,
    Dante
     
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Una risposta precisa te la può dare solo un notaio. In questo forum, su questo specifico aspetto, potrebbero darti un valore approssimativo, costo medio, frequentatori assidui e preparati come @Nemesis e @Ollj e altri che si occupano di materie giuridiche.
    Chiedo scusa per il coinvolgimento dei chiamati in causa e ad altri involontariamente dimenticati.
     
  15. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non saprei dare una risposta valida. Dipende dalla zona, dalla semplicità e/o complessità dell'atto in funzione della situazione giuridica del bene. Per una servitù volontaria di acquedotto (lineare di 19 mt) lo scorso mese ho visto chiedere 900,00 euro di onorario (IVA esclusa)
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  16. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    un atto pubblico è costoso, oltre all'onorario del notaio vi sono anche spese fisse di registrazione, volture e quant'altro, aspettati 1.500 - 2.000
    magari anche meno, fatti fare dei preventivi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina