• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Anna Paolino Mainent

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ho intenzione di acquistare un appartamento per mia figlia, io sono già proprietaria di una prima casa.
Avrei intenzione di chiedere un mutuo cointestato e poi fare l'atto.
A questo punto, cosa mi conviene (sarà lei ad abitarci):
intestarmi l'usufrutto e lasciare a lei la nuda proprietà?
cointestare l'appartamento ?
Il mio problema riguarda, più che le varie tasse da pagare, le successive mosse dell'Agenzia delle Entrate.
Cosa mi consiglia ?
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Per ovvie ragioni di IMU sulla seconda casa, ti conviene intestare l'appartamento a tua figlia, per la quale risulterà prima casa: senza usufrutto, le dai direttamente la proprietà piena.

Se tua figlia è d'accordo, ovviamente. Potrebbe magari non gradire perché vuole scegliersi lei la casa in un altro momento della sua vita: è da verificare.

Per quanto riguarda il mutuo, tu potrai solo essere garante, e dovrai firmare garantendo per tua figlia, e comunque non è detto che ti/vi venga concesso il mutuo.

Dovrai mettere eventuale clausola sospensiva che precisi che la proposta di acquisto è valida solo se il mutuo richiesto alla banca è stato INTERAMENTE erogato (le banche possono infatti erogare solo una parte dell'importo richiesto).
 

Anna Paolino Mainent

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
LA BANCA E' D'ACCORDO A CONCEDERE IL MUTUO, PROPRIO PERCHE' COINTESTATO, MA INTESTANDO LA CASA SOLTANTO A LEI, CON BASSO REDDITO NON POTREI AVERE PROBLEMI DALL'AGENZIA DELL'ENTRATE, CHE POTREBBE RITENERE LA MIA PARTE DI CONTRIBUTO NELL'ACQUISTO, COME UNA DONAZIONE ?gRAZIE.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
francamente a me sfugge il problema
> si tratta di imposte che verrebbero con la 2° abitazione ?
> il problema è di eredità futura......hai solo quella figlio ?

ps > il maiuscolo nei forum equivale a strillare !!!!!
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
LA BANCA E' D'ACCORDO A CONCEDERE IL MUTUO, PROPRIO PERCHE' COINTESTATO, MA INTESTANDO LA CASA SOLTANTO A LEI, CON BASSO REDDITO NON POTREI AVERE PROBLEMI DALL'AGENZIA DELL'ENTRATE, CHE POTREBBE RITENERE LA MIA PARTE DI CONTRIBUTO NELL'ACQUISTO, COME UNA DONAZIONE ?gRAZIE.
Se la ragazza è la sua unica figlia, qual è il problema?
L'importante è che Lei non faccia davvero una donazione!
Faccia una regolare compravendita.
La donazione compromette fortemente la commerciabilità di un immobile per 20 anni dalla data del rogito se il donante è in vita, oppure per 10 anni dalla data di morte del donante.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
NON POTREI AVERE PROBLEMI DALL'AGENZIA DELL'ENTRATE, CHE POTREBBE RITENERE LA MIA PARTE DI CONTRIBUTO NELL'ACQUISTO, COME UNA DONAZIONE ?
Sarebbe una donazione indiretta; quali problemi temi, se decidi di muoverti così ?
Piuttosto considera se possa essere rischioso intestare a tua figlia una casa che paghi anche tu: in pratica, è come se le regalassi la casa, e, se lei volesse venderla, potrebbe farlo senza chiederti nulla, incassando tutti i soldi della vendita.
Se va bene a voi...
 

PIPPO1964

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Se nell'atto di acquisto risulta che Lei ha fornito i fondi alla figlia (spesso i genitori forniscono i fondi senza dichiararlo nell'atto) l'agenzia delle entrate non può fare accertamenti in merito alla donazione indiretta ed al mancato pagamento dell'imposta di donazione (o consumo della franchigia).
 

griz

Membro Storico
Professionista
se tu sei garante del mutuo sarà tua figlia a pagare e tu sarai coinvolta in caso di morosità, se poi tu aiuterai tua figlia a pagare le rate sarà un problema che potrebbe sorgere in caso di altri figli che potrebbero, alla successione, sentirsi privati di quanto sarebbe loro spettato, all'Agenzia delle entrate non importa proprio
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto