1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. estate

    estate Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vorrei un vostro parere. Qui a Palermo l'Amap, l'acquedotto municipale che opera in regime di monopolio, intesta il contatore della fornitura solo al proprietario dell'immobile, civile o commerciale. Se il conduttore del locale vuole intestare a lui l'utenza, come sarebbe del tutto normale, l'Amap pretende il nullaosta del proprietario e nel modulo di concessione del nullaosta è inserita una clausola con cui il proprietario garantisce il pagamento della fornitura. Non è possibile eliminare questa clausola di solidarietà. Tanto premesso a me pare che tale pretesa sia un vero e proprio abuso a carico del contraente debole, che o accetta o niente acqua. Vorrei sapere se secondo voi, e magari se qualcuno ha avuto questa esperienza a Palermo, è una clausola vessatoria valida oppure si potrebbe contestare in sede giudiziaria. Nessuno dei fornitori di servizio pubblico pretende questo (Enel, Telecom, Azienda del gas). Io penso che sia un vero e proprio abuso a danno dei proprietari e a garanzia dell'Amap. Vorrei da qualche esperto una risposta argomentata anche -possibilmente- con riferimento ad una normativa che vieti questo abuso. A mio parere è una clausola vessatoria illegale, sopratutto se il sottoscrittore (proprietario) è un privato e non esercita attività professionale o commerciale.
    Mi sono posto questo problema perché un magazzino di mia proprietà, da anni adibito ad autolavaggio, si libera per finita locazione dopo quasi venti anni. Al momento di liquidare l'indennità di perdita di avviamento ho controllato, con la collaborazione dell'inquilino, eventuali pendenze con l'Amap ed è venuto fuori un debito di fornitura di 1.200 euro che ho detratto dalla indennità. Se non avessi fatto questo controllo la somma sarebbe rimasta a mio carico per rivalsa dell'Amap. Certamente avrei potuto poi rivalermi contro il conduttore ma senza nessuna possibilità concreta di recuperare la somma.
     
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dei fornitori che conosco, nessuno obbliga il proprietario a pagare i debiti del suo inquilino quando costui recede dal contratto di locazione. Trattasi allora di più di una pratica commerciale scorretta, secondo me: è una clausola contrattuale non vessatoria, ma illegale. Se posti il modulo con la frase incriminata (Il proprietario garantisce...) rendi pubblica la vicenda facendo un buon servizio alla collettività.
    Poni il quesito a: organismodivigilanza at amapspa.it, sono tenuti a risponderti entro 30 giorni ('at' sta per chiocciola).
    Il testo potrebbe essere il seguente:
    "Salve.
    Il mio inquilino sta per lasciare un'unità immobiliare di mia proprietà. Ha delle bollette insolute. Vi chiedo se nel sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura devo pagare il suo debito.
    Grazie."
     
    Ultima modifica: 8 Marzo 2014
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questa la mia (verosimile) lettera:

    Salve.
    Il mio inquilino sta per lasciare un'unità immobiliare di mia proprietà. Ha delle bollette insolute. Vi chiedo se nel sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura devo contestualmente pagare il suo debito.
    Grazie.
    xxxx


    e questa la risposta:
    Egr. sign. xxxx,
    sono yyyy, Responsabile del Servizio Commerciale di AMAP SpA, al fine di dare riscontro alla Sua richiesta Le chiedo di indicarmi il codice Cliente ed il contratto cui fa riferimento; abbiamo infatti la necessità di accertare l'intestatario e le eventuali clausole sottoscritte.
    Le anticipo comunque che non può essere effettuata alcuna voltura in caso di morosità insistente sul relativo contratto. Se il richiedente l'attivazione della nuova fornitura dimostra di essere estraneo a detta morosità, può essere richiesta la stipula di un nuovo contratto.
    Quanto sopra ai sensi dell'art. 7 del vigente Regolamento di Distribuzione Idrica consultabile al seguente link: http://www.amapspa.it/share/moduli/Regolamento_2.pdf
    Distinti saluti

    Nota: Cruciale, e corretta (così fan tutti), la frase da me sottolineata.
     
  4. estate

    estate Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ti ringrazio. Io sono andato all'acquedotto e, dopo attese interminabili, nessuno mi ha detto che posso stipulare un nuovo contratto ma solo che devo subentrare (voltura) in quello precedente. Io comunque non ricordo le clausole sottoscritte perché non ho più i moduli di allora ma ricordo che era prevista la solidarietà.
    Il problema è comunque stato risolto perché il debito pregresso io l'ho defalcato dalla indennità di perdita di avviamento e ho pagato, con la somma trattenuta, le bollette arretrate.
    E' curioso come il nuovo sottoscrittore del nuovo contratto debba dimostrare di essere estraneo ai debiti del precedente contraente. Penso che basi esibire il contratto di locazione e la sentenza di convalida della finita locazione per dimostrare l'estraneità al debito pregresso.
    Grazie ancora delle tue informazioni
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche l'ACEA, a Roma, fa firmare questa dichiarazione. I crediti va lei a riscuoterli dal contraente moroso, o almeno ci prova.
     
  6. tom bosley

    tom bosley Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti, mi sono registrato per dirvi che mi sta accadendo lo stesso problema dell'amico Palermitano..vi farò sapere come va a finire..(l'inquilino ha migliaia di euro da pagare!!! e l'amap pretende i soldi da me : D)
     
  7. gp73

    gp73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buondì a tutti, problema simile.
    Inquilino moroso, si trasferisce senza preavviso, 6 mesi di canone scoperto, e, ovviamente utenze insolute.
    Con Enel non ho avuto problemi.
    Con l'acqua (gestore Altocalore, Avellino) chiedono (diciamo pretendono) il saldo dei mesi insoluti dall'inquilino (centinaia di euro)... se no niente acqua.
    Vi farò sapere come andrà a finire, anche perchè, da come sto vedendo, inquilini morosi che spariscono lasciando un mare di debiti è una situazione che si sta diffondendo molto.
     
  8. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per me non è legale. I fornitori fanno firmare al proprietario una liberatoria. In essa il proprietario sottoscrive che non ha rapporti con l'inquilino se non quelli derivanti dal rapporto di locazione. Se ti rivolgi all'UPPI probabilmente te lo confermano.
     
  9. gp73

    gp73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie della dritta :) contatterò l'UPPI al più presto anche per risolvere il resto della questione "inquilino moroso".

    L'Ente gestore motiva la cosa affermando, come per il caso di cui sopra, che, "per la fornitura dell'acqua non esiste il subentro ma solo la voltura" (cit.).

    Tra l'altro ho appena saputo che un altro proprietario, in situazione analoga, ha dovuto coprire il debito dell'inquilino insolvente da anni (circa un migliaio di euro) per poter riallacciare l'acqua al nuovo inquilino.

    Anche a me la cosa sembra discutibile.
     
  10. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Embèh, che cosa cambia? Il fatto è che il contratto l'hanno fatto con il tuo inquilino, mica con te!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina