1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. verdoni

    verdoni Nuovo Iscritto

    Salve: volevo sapere se esiste l'obbligo per legge di saldare eventuali utenze insolute per
    il subentro in un'utenza.
    Il problema è questo: ho affittato la casa (mai più!!) e gli inquilini oltre a non pagare l'affitto
    ed essersi volatilizzati mi hanno lasciato sul gobbo gas, acqua e quant'altro da pagare.
    Ora vorrei vendere: a parte i miei problemi con i vari gestori chiedo se i nuovi proprietari
    possono subentrare anche con insoluti.
    Grazie, spero di essere stata chiara.
     
  2. sergio 41

    sergio 41 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Gli insoluti delle utenze seguono solo gli intestatari delle stesse.
    :ok:
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    intestati a te? in caso contrario, di che ti devi preoccupare se gli inquilini non hanno pagato le utenze!!!
     
  4. verdoni

    verdoni Nuovo Iscritto

    Certo,le utenze sono intestate a me. Quindi se ho ben capito si possono fare le volture ugualmente senza saldare prima?
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    a sto punto penso proprio che abbia ragione sergio41. sei tu l'intestatario delle utenze e spetta a te pagare.
    risulta che sei tu l'insolvente e i gestori chiederanno i saldi a te.
     
    A possessore piace questo elemento.
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    i debiti sono tuoi. pagale e vendi serenamente. non vale la pena aggiungere ai problemi attuali anche quelli che potrebebro crearsi con i nuovi proprietari.
     
  7. giolucianipinsi

    giolucianipinsi Membro Ordinario

    come ti hanno già precisato, le utenze le devono pagare gli intestatari delle bollette. Se hai affittato tenendo l'intestazione a te, devi pagare tu. Per la vendita, il notaio non ti chiederà di certo se hai pagato le utenze. L'acquirente, se è furbo, ti chiederà una dichiarazione dell'amministratore condominiale che hai saldato tutte le spese, ma solo quelle condominiali, non le utenze del tuo appartamento. Puoi rogitare la vendita anche se non hai ancora pagato le bollette insolute... a meno che le ditte non ti registrino un'ipoteca sulla casa, ipotesi assai remota per l'importo delle utenze, e costosa per loro, quanto a spese legali
     
  8. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    per vendere NON debbono esistere "gravami" di nessun genere sul bene venduto : per "gravami" si intendono le spese condominiali,le fatture tutte (se ne sei la diretta o diretto intestatario) nonche' altre documentazioni come la "certificazione energetica" , la dichiarazione di impianti a norma,la liberazione da eventuali ipoteche (scusa ,non e' per te direttamente):daccordo: .
    Oggi NON e' piu' come una volta e vendere senza requisiti (iscrizione catastale )completi il notaio puo' rifiutare il rogito
    Ciao
     
  9. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Caro Verdoni, le bollette, come del resto gli affitti non pagati, rientrano nel rischio di impresa di chi loca appartamenti.
    Ci sono strumenti per essere tutelati, però rendono più difficile l'affittare, non è detto quindi che la maggior tutela sia meno onerosa della mancanza di tutela, anche perchè se perdi un paio di mesi per affittare garantito, non li recuperi più, mentre il rischio di avere degli scoperti, non è detto che si concretizzi.
    Nelle affittanze brevi, fino a 12 mesi è difficile che il conduttore si assuma l'onere della voltura dei contatori, perchè è un costo aggiuntivo.
    Se hai l'indirizzo dell'inquilino inadempiente, mandagli la lettera di un avvocato, spesso fa effetto. Ciao.
     
  10. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se le utenze non sono intestate a te nessun problema (sennò a che serve intestare le utenze) devi produrre una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà in cui dichiari quanto segue:


    Di non aver alcun rapporto di parentela con la sig. XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX ex conduttore dell'immobile di cui sopra nonché utente moroso nei confronti della Vs azienda.
    Di essere estraneo alle somme dovute dal sig. XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX intestatario dell’utenza
    N. XXXXXXXXXXXX e unico destinatario degli effetti giuridici del contratto di fornitura con Voi stipulato.
     
  11. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    ma perche' tutto questo,saranno i creditori a cercare i debitori.come scritto precedentemente.
     
    A verdoni piace questo elemento.
  12. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Perchè in italia per qualsiasi cosa ci vuole una carta scritta, tanto per snellire le procedure.
     
  13. verdoni

    verdoni Nuovo Iscritto

    Grazie dell'info!!!
     
  14. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusami, non è un'offesa, ma sei un bel fringuello.
    Le Utenze devono sempre essere intestate all'inquilino.
     
  15. verdoni

    verdoni Nuovo Iscritto

    Hai ragione!!!! Ho il difetto di fidarmi troppo .
     
  16. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    alberto bianchi:

    Se non trovi l'inquilino che si fa carico della voltura cosa fai, rinunci ad affittare?

    Il mio ultimo inquilino mi ha chiesto lui di fare la voltura, alla scadenza del contratto, pur pagando fino alla fine l'affitto se ne è andato via circa un mese prima, ho dovuto fare tutte le volture a spese mie, poi chi è subentrato si è rifatto le volture ed i gestori dei servizi hanno goduto.

    Ripeto, bollette da pagare e/o volture di utenza, sono spese impreviste da mettere nel rischio di impresa, sperando sempre che non ci siano. Ciao.
     
  17. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mai avuto problemi, anche per contratti che sono terminati dopo 6 mesi. Do incarico all'Agenzia affinchè mi trovi un inquilino che subentri contestualmente all'uscita del precedente. Firmano entrami una dichiarazione relativa al contatore o contatori alla data del subentro. L'Azienda erogatrice non fa altro che un passaggio di scritture da un soggetto ad un altro: addebita la cauzione alò subentrante e rimborsa la cauzione nella fattura di conguaglio all'uscente. Le spese reali in questa maniera sono minime. Il pagamento di una cauzione che poi ti viene restituita non è un costo ma semplicemente un'uscita finaziaria temporanea.
    buona notte.
     
  18. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    La mia realtà, in un paese di montagna, è di molto differente. Ciao.
     
  19. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Romrub continui ad equiparare l'affitto di un immobile come rischio d'impresa ma non è così, il privato non può dichiarare perdite in dichiarazione, sei costretto a dichiarare l'importo anche se non ti pagano a meno che non c'è una sentenza di sfratto entro il termine di presentazione della dichiarazione. Anch'io, come Alberto, non ho mai avuto grossi problemi con le utenze. Anche perchè contestualmente alla firma del contratto mi faccio firmare le deleghe per le volture così le faccio io stesso, ormai si fanno per telefono e sono rapidissime. Non so quale possa essere la realtà in un paese di montagna ma se un conduttore non ha intenzione di accollarsi le utenze la cosa non mi quadra e preferisco trovarne un'altro. Ed inoltre se il conduttore va via non c'è bisogno che le reintesti a te e successivamente al nuovo conduttore, si fa la cessazione dell'utenza e quando arriva il nuovo conduttore fa il subentro riallacciando le utenze (con utenze allacciate si chiama voltura contrattuale)
     
    A romrub piace questo elemento.
  20. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Casanostra:
    La mia definizione di rischio di impresa, non ha il significato tecnico che giustamente dai tu, ma vuol significare che quando uno intraprende una qualche attività deve mettere nel conto, che ci siano degli imprevisti e/o delle perdite; da ciò nasce il mio chiamare quelle possibili perdite, "rischio di impresa" in quanto sintetizza in due parole, il concetto che ho espresso in due righe.
    Ti ringrazio per l'indicazione sul come comportarsi in caso di cambio di intestazione delle utenze, visto che ho poca esperienza nel merito, perchè tranne poche eccezioni, ho sempre tenuto le utenze intestate a mio nome. Ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina