1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Buongiorno a tutti, sono Daniele (penso che molti già mi conosceranno su questo forum) ed avendo direttamente esperienza in edilizia teorica e pratica (sono sia libero professionista che titolare di una piccola impresa edile volevo dare delle indicazioni di massima su come e chi scegliere (sulla serietà degli operatori) oltre al mero costo e/o differenze che si hanno:

    Si deve controllare

    1) Iscrizione all'albo camera di Commercio= vi sono tutte le informazioni della ditta, quindi amministrazione sede legale dipendenti

    2) D.U.R.C = Documento unico di regolarità contributiva, dove vi sono i numeri d'iscrizione INPS, INAIL, Cassa edile (se è un impresa) Periodo di validità

    Per i lavori privati in edilizia, la validità del DURC è di tre mesi dalla data del rilascio ed il DURC può essere utilizzato per tutti i lavori edili privati effettuati dall'azienda durante il periodo di validità del certificato.
    Ha invece validità mensile il DURC rilasciato per i benefici normativi e contributivi, concessi da Enti/P.A. diversi da Inps e Inail e per le agevolazioni/finanziamenti/sovvenzioni pubbliche.
    Per gli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture, nonchè nel caso di servizi/attività in convenzione o in concessione, la validità è trimestrale ed è relativa allo specifico appalto ed alla fase per la quale il DURC è stato richiesto (stipula del contratto, pagamento di SAL, collaudo, etc.).
    In particolare, ha validità trimestrale il DURC rilasciato ai fini:
    della verifica della dichiarazione sostitutiva
    dell'aggiudicazione
    della stipula del contratto
    dei pagamenti degli stati di avanzamento lavori (SAL) e delle prestazioni relative a servizi e forniture (fatture)
    dell'acquisizione in economia di soli beni e servizi con il sistema dell'affidamento diretto
    dell'attestazione SOA
    dell'iscrizione all'albo fornitori
    Il DURC rilasciati ai fini della verifica della dichiarazione sostitutiva e dell'aggiudicazione possono essere utilizzati anche per la stipula del contratto, se sono ancora in corso di validità.
    Il DURC rilasciato ai fini dell'acquisizione in economia di beni e servizi con affidamento diretto, durante il periodo di validità trimestrale, può essere utilizzato nei confronti di più Stazioni Appaltanti/AP, a condizione che l'oggetto della prestazione resa nel contratto sia il medesimo (la finalità è quella di semplificare le operazioni di affidamento e pagamento di questi contratti pubblici che hanno complessità tecnica e rilevanza economica minori).
    Ha inoltre validità trimestrale il DURC rilasciato per l'attestazione SOA e per l'iscrizione all'albo fornitori.
    Un DURC richiesto per una determinata finalità, indicata sullo stesso certificato, non può essere utilizzato in un ambito applicativo diverso da quello per cui è stato emesso. Pertanto, è da ritenersi illegittimo l'uso, nei contratti pubblici, di un DURC rilasciato per altre tipologie (es. lavori privati in edilizia, agevolazioni, finanziamenti e sovvenzioni).
    Fermo restando l'obbligo di acquisire il DURC per ogni singola fase dell'appalto, qualora tra la stipula del contratto ed il primo pagamento o tra due successivi pagamenti intercorra un periodo superiore a 6 mesi, deve essere richiesto comunque un nuovo DURC allo scadere dei 180 giorni (e non allo scadere del DURC precedentemente emesso).
    Se invece tra le due fasi del contratto intercorre un periodo inferiore ai 6 mesi, il nuovo DURC dovrà essere richiesto solo in occasione della fase successiva (ancorchè é quello precedente sia già "scaduto").

    3) Gli adempimenti del decreto 81 /2008 " testo unico sicurezza"

    - Valutazione dei rischi (chimico, movimentazione manuale dei carichi, vibrazioni,rumore)
    - Formazione ed informazione dei lavoratori dipendenti
    - Presenza di un R.S.P.P (responsabile servizio prevenzione e protezione) può essere il titolare stesso per aziende con meno di 10 dipendenti
    - Medico competente (con valutazione d'idoneità per ogni lavoratore) ed un programma sanitario adeguato
    - responsabili servizio primo soccorso e antincendio con nomina e corso
    - R.l.s o R.l.s.t (rappresentanti dei lavoratori in azienda i primi,rappresentanti dei lavoratori territoiali i secondi:

    Tutti gli aspetti del punto 3 vanno a confluire nel P.O.S (piano operativo di sicurezza) che dovrebbe essere richiesto per ogni tipologia di lavoro edile sempre, che contestualmente all'inizio di qualsiasi lavoro edile andrebbe presentato.

    Questo piccolo vademecum serve non solo per informare cosa ricercare in un azienda per verificarne la serietà almeno formale (già un parametro utile) ma anche per tutelare i committenti che in caso di controllo ispezione sui cantieri di ispettori dell'ASL, della Direzone provinciale del Lavoro non incorrere in pesantissime sanzioni oltre al blocco dei cantieri.

    Naturalmente c'è anche altro ma ho cercato di riassumere per non essere prolisso oltre ogni limite, comunque se ci fossero delucidazioni o richieste particolari cercherò di essere d'aiuto, basta chiedere
     
    A Avvocato Luigi Polidoro piace questo elemento.
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Volevo fare una integrazione molto importante sulla validità del durc che non è stata indicata:
    se è richiesto da una ditta individuale o da una società senza dipendenti il durc ha scadenza trimestrale, ma in presenza di dipendenti sia società sia ditta individuale devono richiedere il durc mensile per ogni tipo di lavoro sia pubblico che privato e per ogni tipo di contratto. Saluti.
     
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Tutto rilevante come vademecum generale egregio Daniele salvo aggiungere un particolare non da poco, far redigere un buon contratto che tuteli il committente da eventuali inadempimenti del prestatore d'opera o dell'appaltatore che eseguirà i lavori.;)
     
    A alberto bianchi e Jox piace questo messaggio.
  4. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @ essezeta67, diciamo che non ho messo specificatamente un periodo di validità del D.U.R.C. perchè la legge è già cambiata. Io pur avendo 5 dipendenti e dovendo fare un lavoro pubblico, ho un D.U.R.C valido per 90 giorni, poi ho sentito che per i lavori privati vogliono portarlo a 6 mesi. Tutto questo perché prima l'impresa quando faceva lavori pubblici e la scadenza era di 30 giorni, al 15 del mese faceva domanda in cassa edile per avere nuovo Durc, peccato che per avere la rispostaci volevano minimo 15/20 GIORNI, quindi oltre la scadenza, ed il problema con i lavori pubblici sono che se hai un Durc scaduto non ti pagano i SAL (Stati avanzamento lavori).

    @StLegaleValerioRoma Nel buon contratto che devi redigere oltre ai requisiti che sopra ho elencato devi avere un contratto dove indichi:

    1) Modalità di pagamento...eventuali anticipi e stati avanzamento lavori
    2) Durata dei lavori max dei lavori (eventuali penali a carico dell'uno o dell'altro soggetto)
    3) L'oggetto del contratto con tutte le caratteristiche, quindi anche come e cosa considerare come extra
    4) Come operare in caso d'inadempienze (dell'uno o dell'altro soggetto)
    5) Chi sono i soggetti operanti cosa devono avere con se e se è possibile il subappalto
    ovviamente questo è uno schema molto generico ma già abbastanza esaustivo.
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Tra le altre cose un'azienda dovrebbe sempre avere una polizza assicurativa la CAR per eventuali danni cagionati alla committenza o a terzi.
     
  6. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Detto così sembra facile e alla portata di tutti un contratto ....
    StLegaleDeValeriRoma non ValerioRoma.:risata:
     
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il fatto è che se nei 90 giorni (o i futuri 6 mesi) salti un mese di versamento dei contributi dei dipendenti non sei in regola:
    i geometri che hanno a che fare con i comuni, alle ditte con dipendenti fanno richiedere il durc mensilmente perchè il versamento dei contributi dei dipendenti è obbligatorio tutti i mesi, se nell'arco di 3 o 6 mesi una ditta salta qualche mese di versamento come può avere una regolarità contributiva????
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  8. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non non funziona così, innanzitutto 90 giorni come ti spiegavo prima sono stati dati perchè quando richiedi un Durc, siccome devono parlarsi INAIL INPS e Cassa EDILE se tu apri un lavoro all'inizio del mese ed il durc ti scadea il 30, per ottenere il documento ci passavano e ci passano ancora dalle 3/4 settimane quindi se tu lo richiedi al 15 del mese con 15 giorni di validità...spesso finivi per ottenerlo il 15 del mese successivo, quindi comunque già a rischi scadenza per lo stato avanzamento successivo.

    La ditta comunque in caso di difficoltà a pagare ha la possibilità di chiedere la rateizzazione dei contributi, e comunque risulta regolare, anche perchè viene scritto sul Durc.

    Sul Durc (non so se li hai visti) dentro alle caselline INPS, INAIL e cassa edile vi è la scritta " "Risulta regolare con il versamento dei contributi al ........"

    Se saltassi anche solo un mese il Durc risulta non più positivo.
     
  9. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Di durc ne richiedo 20 al mese e so benissimo come sono fatti!
    so bene che ci vogliono fino a 30 giorni per il rilascio ma talvolta si riesce a tamponare il ritardo della spedizione alla ditta stampando lo stato della pratica, ma comunque resta sempre il fatto che se nell'arco dei 90 gg o 180 gg una ditta con dipendenti salta un mese di contributi, il durc puo' risultare regolare per qualche mese ma prima o dopo salterà fuori il mancato versamento e quindi il durc risulterà non regolare. Addirittura abbiamo ditte con condoni relativi ai redditi (che influiscono sull'inps artigiani) 2004 ancora in essere che finchè non pagano l'inps per intero non riescono ad ottenere un durc regolare!!
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Scusa ma se una volta scaduti i 90 giorni, (in un lavoro pubblico) ne richiedi un'altro hai risolto ogni problemi a priori, oppure in un lavoro privato ,prima di pagare lo stato di avanzamento, ne richiedi uno nuovo,; non capisco il problema.

    Se uno avesse saltato un mese o più i futuri Durc risulterebbero irregolari, quindi avresti l'arma per non pagare.

    Anch'io quando ho contratti in essere con i subappaltatori lo richiedo prima di procedere al contratto e lo richiedo al momento del pagamento, ovvio che è loro interesse essere a posto fino a quel momento anche perchè non li pagherei (visto che rischi in solido con loro) per averli fatti lavorare

    Ho sempre lavorato in questo modo, e facendo così quelli con cui lavoro, non mi hanno mai creato problemi e non ho mai trovato situazioni rischiose.

    Con il passare del tempo costituisci una tua "rete di subappaltatori" ssicuri; perchè sai che pagano i contributi, lavorano bene (non ti fanno fare le figure del piffero con i clienti), lavorano in sicurezza.

    Come ti dicevo esiste la possibilità di rateizzazione dei contributi sia INAIL che INPS, si fa è possibile farlo, (ovviamente non devi saltare nessuna rata di pagamento) ma lì finisce in negativo....ma non capisco il problema quale sia....basta non pagarli finchè non lo regolarizzano.

    Questo modo di lavorare non è solo il mio, ma ormai nella mia zona si tende a lavorare così per pararsi, le stazioni appaltanti altrettanto per cui alla fine non rischi nulla, non rischi di pagare in solido per qualcun altro.
     
    A CAFElab piace questo elemento.
  11. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa

    Io lavoro per l'altra parte della barricata...quelli che i soldi li devono ricevere perchè hanno fatto il lavoro...l'impresa committente paga a 90 - 120 gg e ormai anche oltre e i contributi dei dipendenti li devi pagare tutti i mesi oltre che gli stipendi e i fornitori di materie prime, ma se i soldi non li hai ancora incassati la vedo dura....
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Lo stesso discorso vale per me verso il cliente finale, (specie se pubblico) visto che paga (come ben tu saprai anche oltre i 200 gg fine lavori anche per i piccoli appalti (ristrutturazioni di palestre comunali, cambio pavimenti nelle scuole ecc.).

    Poi mi sta succedendo anche sul privato, visto che quasi sempre vi è sia un coordinatore della Sicurezza e un Direttore dei Lavori (che essendo pagati dalla committenza) mettono in luce le varie discrepanze, quindi anche a me fanno le pulci e tutti i miei subappaltatori (visto i rischi in solido che ci sono) devono fare lo stesso.

    Alla fine siamo tutti nella stessa barca.

    Saluti, Daniele

    http://www.ediliziaeterritorio.ilso...13-06-11/art-SemplificazioniCHIUSO-113329.php
    primo aggiornamento sui Durc, anche se non ancora definitivo, Decreto legge entro fine settimana
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  13. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dici che il Durc avrà validità semestrale anche per le imprese con dipendenti??
    O solo per i lavoratori autonomi??
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Credo entrambi, proprio perché quando parli di Pmi parli di aziende sia con dipendenti che lavoratori autonomi. Io spero inoltre che inseriscano pure delle agevolazioni in caso di rateizzazioni, nel senso che se riesci a dimostrare solidità e serietà (vedi bilanci, opere in progetto, opere già cantierate) consentano sia l'autonomo che quello meno in caso di mancato pagamento di rata, di non dover perdere il beneficio della rateizzazione (quindi il versamento immediato del dovuto) ma un più graduale recupero delle somme dovute.

    http://www.portedilo.it/sviluppo-bi...rc-e-responsabilita-solidale/2372/s/edilizia/
    Speriamo che il nuovo testo sia diverso da questo qui fatto dal Professor Monti, dove aveva mantenuto la responsabilità in solido...staremo a vedere

    http://www.italiaoggi.it/news/dettaglio_news.asp?id=201306241143521240&chkAgenzie=ITALIAOGGI

    Altre novità

    http://www.quotidianosicurezza.it/sicurezza-sul-lavoro/esperto-risponde/decreto-fare-durc.htm

    Il D.U.R.C ha validità semestrale (180 giorni), solo quello acquisito telematicamente dagli uffici pubblici. Ormai per normativa tutti i pubblici enti lo fanno e l'azienda non porta più il cartaceo.

    Purtroppo però per i lavori privati il termine è rimasto di 90 giorni

    Me l'ha confermato pure la Cassa Edile della mia zona.
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  15. Lella73

    Lella73 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Buongiorno Daniele,
    volevo chiederle se per i lavori privati che durano più di 90 giorni il direttore dei lavori ha l'obbligo di richiedere il durc all'impresa edile esecutrice.
    1)qualora sia obbligatorio e il d.l. non l'abbia fatto cosa rischia?
    2) se il dl invece ha fatto la richiesta in via ufficiosa e la ditta non ha ottemperato, può il dl emettere un ordine di servizio anche a distanza di mesi, ma con i lavori ancora in corso, affinche la ditta presenti tutti i durc non emessi fino a quel momento?
    3) se la ditta risulta non in regola per il periodo successivo ai 90 giorni ma con i lavori ancora in corso, può il committente richiedere il risarcimento degli acconti già pagati e che non spettavano per irregolarità?
    sono un professionista alle prime armi e ho bisogno di ricevere risposte in merito per un contenzioso che dovrò affrontare per un cantiere di cui sono dl e committente allo stesso tempo.
    spero di essere stata chiara e di ricevere una risposta al più presto
    grazie mille
    saluti
    Raffaella
     
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    buongiorno Raffaella, l'obbligo del DURC è necessario per qualunque lavoro pubblico o privato anche solo della durata di 1 o 2 giorni.

    1) Di solito non è la D.L (salvo accordi diversi) controllare il DURC ma è compito del Responsabile dei lavori (facente funzioni del Committente) o de Committente in persona comunicare le imprese

    2)Se la ditta non ha portato il DURC (già richiesto) il Committente o il Responsabile Lavori può non versare gli importi delle fatture (i SAL) per quei Lavori fatti nel periodo in cui il DURC risulta scaduto.
    (esempio un DURC che vale 90 gironi dalla data di emissione ad esempio 24/03/2014, vale per tutti i lavori effettuati dal 24/03/2014 al 24/06/2014) i lavori effettuati dopo se il (DURC) non fosse aggiornato risultano scoperti, per cui prima di pagare l'appaltatore occorre controllarne pena in caso di accertamento degli organi previdenziali ed assistenziali (INPS ,INAIl) il pagamento in solido con l'appaltatore.
    3) Se al ditta non risulta in regola per il periodo successivo ai 90 giorni, sarebbe anche da posticipare il pagamento del SAL, non c'entra nulla il risarcimento.

    Per l'assenza della notifica preliminare vedi link qui sotto:
    http://www.ausl.ra.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16035
    Viene sospesa la validità del titolo abilitativo dei lavori in questione (vedi Pdc, o DIA o SCIA).
     
  17. Lella73

    Lella73 Nuovo Iscritto

    Professionista
    intanto Daniele, grazie per la risposta.
    il mio problema è questo:
    i lavori di ristrutturazione sono durati più di 90giorni...essendo dl e committente allo stesso tempo e alla prima esperienza purtroppo ho tralasciato molte cose...e nell'ingenuita mi sono fidata dell'impresa.
    ad oggi , dopo 6 mesi i lavori non sono ancora terminati del tutto a causa dell'abbandono del cantiere dell'impresa...che avendo ricevuto ormai tutto il denaro, ( e per un errore di calcolo di IVA, anche di più), avanzando anche qualcosa che non gli spetta, si è data in latitanza. So per certo che dopo i 90 giorni la ditta non è stata più in regola, perché ho più volte chiesto il durc per altri lavori,e per mesi mi sono sentita dire " la settimana prossima". Non conoscendo pienamente i miei diritti ho pagato regolarmente il sal e ora mi trovo con lavori incompiuti da circa 1 mese. Cosa posso fare in qualità di dl per ottenere ciò che mi spetta?
    grazie
     
  18. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Hai redatto un contratto d'appalto scritto innanzitutto?? Perché per contestare devi avere sia l'oggetto dell'appalto madevi avere anche un contratto, altrimenti poco potrai fare per dimostrare la tua buona fede nei confronti dell'impresa.
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Aggiungo questo file dell' Avv. Serena Gargano (per conto della Cassa edile di Bergamo) riguardante tutte le connotazioni legali che ruotano attorno ad un D.U.R.C. che può dare un aiuto ulteriore nel capire il perchè è tanto importante questo documento.
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina