1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gymmy

    gymmy Ospite

    Un atto notarile dove l'unico errore riguarda il num.del subalterno,il vecchio proprietario potrebbe approfittare dell'errore per avanzare qualche pretesa?

    Premetto che l'errore non mensiona il numero di un altro sub della stessa particella,ma è un errore dovuto ad una divisione effettuata a mia insaputa e all'insaputa del notaio dal proprietario poco tempo prima dell'atto............

    un saluto a tutti.....
     
  2. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Se è una divisione solo catastale non può pretendere nulla. Per il resto leggiti il tuo atto notarile e vedi cosa ha scritto il notaio sulla provenienza del bene.
     
  3. In ogni caso ti consiglio di procedere ad una rettifica dell'atto, perchè in caso di vendita futura avrai già gli atti di provenienza a posto. Ciao, buona giornata
     
  4. gymmy

    gymmy Ospite

    Per cautandero..

    Ho comprato un immobile allo stato rustico da un impresa individuale.....
    Il notaio sull'atto ha mensionato la provienienza del suolo su cui si è edificato e la concessione edilizia rilasciata dal comune...
    null'altro....
     
  5. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per Loretta Grazia. Ho anch'io un problema identico a gymmy. Come si fa la rettifica dell'atto?
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    devi andare dal notaio che ha redatto l'atto e farà ripresenterà una variazione del subalterno, con tutta la documentazione inerente l'immobile:daccordo:
     
  7. Confermo. E' lo stesso notaio che ha stipulato il rogito inesatto che deve provvedere alla rettifica.
     
  8. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Scusatemi mi è venuto un dubbio: Se il notaio è deceduto o trasferito ad altro distretto lontano come fare?. Grazie delle risposte.
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se è deceduto pace all'anima sua se si è trasferito idem, all'ufficio del notariato viene depositato tutto l'operato del notaio sopra citato, si chiede copia dei documenti con una semplice domanda, e si presenta una variazione del subalterno in catasto, non dovrebbe essere eccessivo il costo, per quanto mi risulta non va neanche applicato la marca. ciao adimecasa:daccordo:
     
  10. gymmy

    gymmy Ospite

    Scusate,non ho capito bene... devo fare una rettifica dell'atto? e quindi rintracciare il vecchio proprietario? o più semplicemente andare dal notaio il quale provvederà ad una variazione del sub al catasto?....
     
  11. Il notaio dovrà stipulare un atto di rettifica che deve essere sottoscritto sia da te che dal precedente proprietario. Ciao, buona giornata
     
  12. gymmy

    gymmy Ospite

    Sono stato da un geometra ed è venuto a fare un sopralluogo..,dopo alcune verifiche mi ha detto che la divisione del sub fatta dal vecchio proprietario non è valida perchè riguarda un intercapedine che a suo dire non va accatastata perchè non rientra nella particella dell'immobile....e siccome il vecchio proprietario non lo riesco a contattare(dicono che è all'estero) mi ha assicurato che può risolvere la faccenda al castasto, facendo rinominare il sub con il numero originale....

    Mi posso fidare?....
     
  13. E' molto probabile che tu ti possa fidare, ma col geometra risolvi solo il problema catastale. A te rimane un atto che un domani, in caso di ulteriore passaggio di proprietà, è gravato da un errore. Rimango convinta della necessità di una rettifica anche notarile. Ciao
     
  14. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Concordo con la Dr.ssa Grazia per la necessità di rettificare l'atto, infatti tempo fa nel gestire una trattativa di compravendita di un immobile nella provincia di Roma abbiamo perso tempo a convincere la controparte a far rettificare un atto e la vicenda rischiava di generare una causa poi scongiurata con una diffida all'alienante e trattative serrate.
    Il tutto anche perchè mi venne affidato l'incarico dopo che il contratto preliminare era stato redatto su modelli prestampati di un agenzia immobiliare senza curarsi delle opportune verifiche sul bene e le parti:disappunto::disappunto: lo avevano sottoscritto a cuor leggero come spesso accade.
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina