• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

IMontanari

Nuovo Iscritto
Sono proprietaria per successione (insieme a 4 parenti) di un terreno agricolo di 4.500 mq in provincia di Forlì, appena fuori da un centro storico e sito in prossimità di un fiume ( la zona è periurbana e denominata parco fluviale). Il terreno è pianeggiante e coltivato principalmente a frutteto. I confinanti sono altri terreni agricoli e un terreno della Curia appena reso edificabile dove stanno per costruire lotti di condomini e parcheggi di iniziativa pubblico-privata.

SITUAZIONE ATTUALE

-> Il comune ci ha chiesto la costituzione di una SERVITU' PERPETUA per il passaggio delle fognature bianche sino al fiume. La servitù dovrebbe passare lungo 2 lati del perimetro del terreno, per una lunghezza di 116m e larghezza 5m. L'indennizzo propostoci è di 15 eur al metro lineare, per un tot di 1.740 eur.

-> Il nostro terreno è compreso in una zona che il PSC del Comune ha destinato alla riqualificazione urbanistica, ovvero i proprietari, in comune tra loro, possono presentare una proposta edificatoria al Consiglio Comunale che valuta un eventuale accordo pubblico-privato in merito, per inserire il progetto nel POC quinquennale ( questo significa possibilità che il terreno da agricolo diventi edificabile, con conseguente aumento di valore..)

Ora considerando che da tutte le informazioni che sono riuscita a trovare su internet il valore attuale medio del terreno agricolo dovrebbe aggirarsi intorno ai 20.000 eur, ed ha un indice di edificabilità pari a 0,1 mq/mq.

QUESTIO

Vorrei chiedere gentilmente secondo voi quale è la soluzione migliore da adottare?

Nel caso accettassimo la servitù vorrei chiedere un indennizzo ben maggiore, considerando la svalutazione del terreno e il mancato profitto futuro, ma allo stesso tempo vorrei contrattare con il comune la proposta di edificabilità, in modo da poter rivendere il terreno in futuro ad un costruttore o alla curia stessa.



grazie per il vostro aiuto
isabella
 

maidealista

Fondatore
Membro dello Staff
Proprietario Casa
Credo che un passaggio fognario o acquedottistico realizzato da una pubblica amministrazione determini una servitù obbligatoria con indennizzo non contrattabile.
Ottima l' idea di contrattare con il comune la proposta di edificabilità, proponendo anche il comodato gratuito per il passaggio fognario.
:daccordo:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto