1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. GEOPI

    GEOPI Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    salve a tutti
    creo questo quesito perchè leggendo in giro su vari siti non ho trovato sufficenti chiarimenti in merito all a questione in oggetto, scrivo per conto di chi loca e di chi conduce.
    Nel decidere di dare in locazione un appartamento bilocale ad una persona in pensione che percepisce neanche il doppio di quanto richiesto per il canone, quali sono i rischi del locatore e quindi quali consigli potete dare per cautelarsi? una persona anziana gode di particolari benefici se dovesse diventare morosa e quindi diventerebbe difficile darle lo sfratto? sarebbe opportuno chiedere un garante partecipante al contratto, per esempio un figlio con un reddito tranquillo? converrebbe il contratto convenzionato o sarebbe meglio il 4+4? se la persona non risiede nella città dove si trova l'alloggio deve portarci la residenza per fare un contratto del tipo suddetto o avrà tempo per farlo dopo, e quanto tempo?
    troppe domande vero? ma so che siete grandi e molto disponibili e vi ringrazio anticipatamente per le risposte che darete!:daccordo:
    saluti
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Sono le persone per bene e corrette che si pongono molti scrupoli e problemi. Un locatore che si preoccupa, come te, è colui che intenderà essere molto corretto e preciso ma che, in contropartita, richiede altrettanta precisione. Un pensionato, con una pensione "doppia di quanto gli viene richiesto di canone" per come conosco io persone anziane, sono quelle di una volta, abituate o meglio sforzate dalle cose della vita, a vivere con nulla, ma con l'onestà che le ha sempre contraddistinte. Quindi ti direi si, ma come tu, intelligentemente, hai pensato, non è fuori luogo, conoscere i figli e richiedere un "garante" Dio non voglia, ma anche in caso di malattia, di soluzioni alternative, ricoveri, casa di riposo, avere un contatto con un figlio che decida, assieme a te sul proseguio o meno della locazione, potrà divenire la cosa migliore da fare.
     
    A giolucianipinsi e bolognaprogramme piace questo messaggio.
  3. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    io rgiono in altri termini: essendo l'affitto un contratto che poi obbliga le parti per un certo tempo, la cosa più importante è scegliere con cura la persona che entrerà nell'immobile. Quindi se è una persona a modo ragiona anche sul farle eventualmente ancora un po' di socnto, in modo che sia meno "stretta" nei margini di pagamento. Certo non guasta se un terzo si fa garante (ricorda però di specificare nel contratto non solo chi, ma per che somma si fa garante e di pagare su tale somma lo 0,5% al momento di registrare).
    A torino il comune ha delle agevolazioni per queste situazioni, verifica se a roma è lo stesso.
    Infine, la situazione di sfratto è lunga e penosa: nel caso di un anziano poi giudice e uff giudiziario sono un po' più clementi, che significa tempi ancor più lunghi (conta circa un anno). Come dicevo all'inizio, quindi, piuttosto vieni incontro a questa persona, anche perchè è meglio prenderene pochi ma sicuri e nel tempo che tanti...per tre mesi.
    In bocca al lupo
     
  4. Ricordiamoci però che c'è un blocco degli sfratti per finita locazione per gli ultrasessantacinquenni a determinate condizioni!
     
  5. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Più che benefici, io direi tutele. Una persona anziana, magari bisognosa di cure mediche, non la cacci nemmeno se imprechi in aramaico antico...

    Assolutamente sì. Ragiona in questi termini: le banche non concedono mai prestiti con rata superiore ad 1/3 dello stipendio netto. Al di sopra richiedono sempre delle garanzie. Fai altrettanto ed assicurati che siano valide e solide.

    Il contratto convenzionato potrebbe risultare molto penalizzante in termini di canone che puoi richiedere. Valuta bene.

    Gli converrà portarcela quanto prima. Prevedi nel contratto che si intesti tutte le utenze e che faccia la denuncia al Comune per la Tarsu (questa la dovrai fare anche tu). In questo modo non risponderai di eventuali morosità sulle utenze.
     
    A giolucianipinsi piace questo elemento.
  6. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'imposta è dello 0,5% con minimo di 168 Euro. In caso di adesione alla cedolare secca e se la garanzia è all'interno del contratto di locazione, l'imposta non è più dovuta.
     
  7. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    "Nel periodo di sospensione dello sfratto i canoni percepiti dai proprietari interessati non sono imponibili ai fini delle imposte dirette, limitatamente ai Comuni di Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Palermo, Messina, Catania, Cagliari e Trieste, nonché ai Comuni ad alta tensione abitativa con essi confinanti."

    Eh si ! Ci sono 2 Italie ... o forse di più ? :risata:
    Un locatore con lo sfratto bloccato a Trieste non paga le tasse sui canoni percepiti, suo cugino a Udine, con la stessa situazione di sfratto bloccatoa 70 km., invece le paga. E' comico !!! :risata:
     
    A giolucianipinsi e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  8. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Segnalo che ci sono alcuni Comuni che hanno costituito un fondo di garanzia per evitare gli sfratti delle persone svantaggiate a seguito di morosità. Questo è un esempio ....
    http://www.sicet.it/pages/news/2011/11-09-20_Accordo_Progetto_Sfratti_Brescia.pdf
     
  9. Che legislatori che abbiamo!:risata::risata::risata:
     
  10. GEOPI

    GEOPI Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    vi ringrazio tutti, ho ricevuto risposte e consigli molto esaustivi, continuo ad essere entusiasta di questo sito ed organizzazione!
    saluti:applauso:
     
  11. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    Grazie per la correzione,in effetti con cedolare si riassorbe tutto.
     
  12. giolucianipinsi

    giolucianipinsi Membro Ordinario

    Sono fuori tempo massimo per farmi leggere?
    Volevo solo ribadire il concetto di Giacomelli.
    Vero e corretto tutto quello che è stato puntualizzato da altri.
    Ma l'onestà e la correttezza sono virtù rare, a volte molto più presenti nei meno abbienti.
    E talora i meno abbienti, se educati alla correttezza, la trasmettono anche agli eredi.
    Non ci sono statistiche, ma se ci fossero, forse si scoprirebbe che gli eredi di un povero diavolo pagano più spesso,e con meno sollecitazioni, degli eredi dei miliardari.
    Non è poi detto che affittare ad un facoltoso inquilino che gira in Porsche, ti garantisca di più rispetto alla locazione ad un galantumo con pochi mezzi.
    Contratti, cauzioni, leggi, cautele, fideiussioni, garanzie sono state inventate perchè ci sono anche i NON galantuomini.
    Un mio amico ci ha messo 4 anni a tornare in possesso delle chiavi di un appartamento affittato ad un soggetto della jet society cittadina. E con le chiavi in mano, si è messo le mani nei capelli nel constatare i danni, dopo aver perso il dovuto per la locazione, e le spese per lo sfratto.
    Un altro, invece, sta riscuotendo da due studentesse, a piccole rate, i sei mesi di affitto che un defunto zio non aveva pagato, dopo essere stato ricoverato in casa di riposo, dove poi si è spento. Ha lasciato il suo modesto appartamento alle nipoti, e quelle, con candore e trasparenza, hanno spiegato che non hanno nemmeno i soldi per le "volture" notarili della proprietà... però vogliono poter girare a testa alta.
    E ogni fine mese, vanno a portare 40 - 60 €, senza nemmeno farsi rilasciare ricevuta scritta, a decurtazione dei debiti del defunto parente...
     
  13. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Era solo una precisazione, peraltro abbastanza recente.
    Infatti l'art. 2 del DL n. 79 del 20/06/2012 ha modificato l'art. 3, comma 2 del D. Lgs. n. 23/11. La norma così modificata («Sui contratti di locazione aventi a oggetto immobili ad uso abitativo, qualora assoggettati alla cedolare secca di cui al presente comma, alla fideiussione prestata per il conduttore non si applicano le imposte di registro e di bollo») è entrata in vigore il 21 giugno 2012.
     
  14. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista


    Io penso che sia soltanto tragico...:disappunto:
     
    A giolucianipinsi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina