1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    trattasi di locazione a canone libero + spese condominiali mensili anticipate.
    E' stato inserito in contratto un importo a forfait per le spese condominiali che non copre i costi reali, inoltre abbiamo problemi ad incassare regolarmente gli affitti etc etc.....solito tran tran
    Da gennaio 2014 vorrei proporre la diminuzione del canone, mantenendo il medesimo importo totale che percepisco, in modo da recuperare le spese, e nel contempo della variazione optare per la cedolare secca.
    Immagino di dover:
    - stilare un accordo interno fra le parti con il nuovo importo della locazione;
    -versare l'imposta di € 67,00;
    -compilare il mod. 69 dove comunuico la variazione del canone e l'opzione per la cedolare secca;
    - mentre i bolli optando per la cedolare secca sono dovuti?

    Ringrazio chi mi vorrà rispondere.

    Eleonora
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Nello specifico dovrete provvedere alla stesura e sottoscrizione di una scrittura privata di riduzione del canone nella quale andare a specificare la concessione, da parte del proprietario, della diminuzione, il valore di partenza e quello che sarà il nuovo canone d'affitto a partire da una precisa data.
    La scrittura andrà registrata presso l'agenzia delle Entrate di competenza, con marca da bollo e imposta fissa di 67 euro.
    In questo modo il proprietario potrà poi andare ad indicare nella dichiarazione dei redditi il reale guadagno percepito da quel contratto.
    Il tutto accompagnato dal mod. 69 compilato scrivendo nel campo TIPOLOGIA DELL’ATTO “riduzione canone di locazione”.
    Le imposte di registro per la cedolare secca sono dovute e persino i bolli.
     
  3. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie, faccio un incipit: l'annualità di tale contratto decorre dal 01/06 pertanto l'imposta di registro l'ho già versata fino al 31/05/2014.
    Inoltre per i contratti in regime di cedolare secca non si paga imposta di registro nè bolli.
    E' variato qualcosa in merito?
    Grazie
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La cedolare secca è un'imposta sostitutiva, infatti si tratta di un'imposta che va a sostituire quelle attualmente dovute sulle locazioni e più precisamente:

    • l’IRPEF e le relative ADDIZIONALI (regionale e comunale);
    • l’Imposta di registro (2% sul canone pattuito);
    • l’Imposta di bollo (euro 16,00 per ogni foglio);
    ed ancora:

    • l'imposta di registro sulle risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione
    • l'imposta di bollo se dovuta sulle risoluzioni e proroga del contratto
     
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Fatela più semplice con una risoluzione del contratto esistente, pagando le solite € 67,00, e fate un nuovo contratto con cedolare secca
     
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dopo l'analisi, la sintesi
     
  7. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sì, più semplice, ma da valutare. Con un nuovo contratto si riparte con i 4 anni + 4 anni. Quindi prima di un eventuale sfratto bisognerà attendere (se non vi è necessità dell'immobile per sè o per i figli) 8 anni.
     
    A arciera piace questo elemento.
  8. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Infatti sono d'accordo con meri56, per questo ho chiesto lumi sulla possibilità di variare il contratto in essere anche a livello di regime fiscale e non dover ripartire con un nuovo contratto, vista la scadenza dei primi 4 anni il prossimo 31 maggio ed avendo non pochi problemi con il conduttore.
    Grazie
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma diminuzione canone non credo possa passare come nuovo contratto. Il contratto in essere rimane quello. Questa e' una comune integrazione.
     
  10. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io ho già registrato varianti di questo tipo e non ho mai avuto problemi. L'unico problema potrebbe essere quello di dover pagare la tassa fissa di registro e due marche da bollo.
     
    A arciera piace questo elemento.
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    brava! certo. risolto Buda?
     
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :applauso::triste:Tassa fissa e 2 marche da bollo non è un nuovo contrato???? boh
     
  13. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    vedi risoluzione AdE del 28 giugno 2010
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina