1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. VERAB

    VERAB Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti. Espongo il problema.
    Una casa di due piani, già composta da due unità abitative (A e B) distintintamente accatastate e dello stesso proprietario, è stata in parte ristrutturata distribuendo in maniera diversa i vani interni.
    Le due unità erano erroneamente accatastate come A7 (abitazione in villino); dico erroneamente perchè la categoria A7 è propria dei villini unifamiliari (confermato da un tecnico dell'Agenzia del Territorio). Per esse però non si pagava ICI perchè erano: A abitata dal proprietario; B in comodato al figlio che la abita con la moglie.
    Dal 1° maggio di quest'anno i due appartamenti hanno un sub diverso e una rendita (proposta dal tecnico che ha presentato il riaccatastamento) minore di prima, perchè la categoria è diventata A2 e la scala interna di collegamento tra i due piani come una lavanderia sono diventati beni comuni non censibili.
    Il CAF ha calcolato l'acconto IMU per ciascun appartamento come se la corrispondente vecchia unità fosse stata venduta il 30 aprile e la nuova fosse stata acquistata il 1° maggio; A come abitazione principale, B come seconda casa a disposizione.
    Fin qui penso vada tutto bene; l'acconto è già stato pagato.
    Adesso però ho letto una discussione relativa alla crocetta nella casella "immobili variati" dell'F24 e, controllando, mi sono accorta che nel mio F24 le caselle non sono state barrate.
    Penso che invece si dovrà presentare all'AdE la dichiarazione IMU entro il 30 settembre per la variazione delle rendite catastali e che quindi le caselle andassero barrate.
    Si deve e si può rimediare? Secono voi che cosa si deve fare?
    Grazie
     
  2. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    La dichiarazione IMU va presentata al Comune, non all'AGE
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Attenzione:
    nel tuo caso la dichiarazione di variazione la devi presentare entro 90 gg. La data del 30 settembre è il termine per gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012.
    Non è grave la dimenticanza, l'importante è stato il versamento.
    saluti
    jerry48
     
  4. VERAB

    VERAB Nuovo Iscritto

    La tua osservazione mi scombina.
    L'espressione "dal 1° gennaio 2012" io l'ho interpretata come "dopo il 31 dicembre 2011".
    Sul sito www.dossier.net ho trovato:
    "La dichiarazione IMU va presentata entro 90 giorni dalla data in cui sorge l'obbligo per l'adempimento (cioè, si sono verificate variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta). Il modello sarà approvato con decreto ministeriale. In assenza di modifiche che comportino un diverso ammontare dell'imposta, la dichiarazione vale anche per gli anni successivi. Il termine di scadenza per presentare la prima dichiarazione IMU, relativa ad immobili che hanno subìto modifiche dal 1° gennaio 2012, è stato fissato al 30 settembre 2012."
    La variazione che mi pbbliga alla dichiarazione è insorta il 1° maggio 2012; perchè devo rispettare il termine dei 90 giorni?
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La mia interpretazione.
    Appartamento acquistato prima del 1° gennaio 2012 con i benefici della "prima casa", devi trasferire la residenza entro 18 mesi per evitare la perdita dei benefici fiscali. Quindi c'è stata variazione dal 1° gennaio 2012 ai fini IMU, perciò necessità assoluta di cambio dimora e acquisto residenza anagrafica il più presto possibile. E così per le altre vendite e acquisti. E di conseguenza possesso pieno e requisiti certi dal 1° gennaio 2012 e dichiarazione di variazione entro il 30 settembre.
    Poichè, con l'IMU è stato stabilito che per "abitazione principale" si intende l'immobile nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono "anagraficamente" e la data del possesso ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti dopo il 1° gennaio 2012, ed essendo necessario calcolare il periodo di possesso, per il versamento dell'imposta, è stato stabilito che i soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro 90 gg.
    Ripeto questa la mia interpretazione.
    Può darsi che mi sbagli, anche perchè il cosiddetto "decreto semplificazioni" è "farraginoso e contradditorio" spesso più che mai!!!
    Ai posteri (beninteso gli altri)...l'ardua sentenza;).
    saluti
    jerry48
     
  6. VERAB

    VERAB Nuovo Iscritto

    Concordo con te sulla difficile interpretazione, infatti tutte le schede predisposte dai vari comuni alla voce "dichiarazione" riportano la frase della circolare così com'è, senza osare una minima esemplificazione.
    Però mi chiedo: se la variazione fosse insorta mettiamo il 1° febbraio, come si sarebbe potuta fare la dichiarazione entro 90 giorni, in mancanza dell'atteso decreto di cui all'art.9 comma 6....., che fornirà il modello e disciplinerà i casi in cui la dichiarazione è obbligatoria? Io ho pensato che il termine del 30 settembre fosse stato posto proprio per dare il tempo al MEF di emanare il decreto. Invece per le variazioni insorte prima del 1° gennaio 2012 si ricade ancora nella normativa sull'ICI.
    Che ne dici?
     
  7. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ancora non è stata introdotta la normantiva definitiva per le dichirazioni IMU che probabilmente avverra in questi giorni e comunque vale il termine del 30 settembre 2012, i 90 giorni non c'entrano proprio niente;)
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Potrebbe proprio essere così: che ci sia continuità fra le dichiarazioni presentate ai fini dell'imposta comunale sugli immobili e quelle ai fini dell'IMU, per cui le prime hanno effetto nei riguardi del nuovo tributo sostitutivo dell'ICI.
    saluti
    jerry48

    Eppure se ne parla ampiamente (art. 13, comma 12-ter, del Dl 201/2011).
    Boh....
    saluti jerry48
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina