• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#1
A fine 2017 ho acquistato un bilocale per vacanze in montagna, che ora inizio a ristrutturare per renderlo più gradevole e funzionale.
Quindi ho deciso di vendere il monolocale che possiedo in un'altra località turistica della stessa valle (Val di Susa, provincia di Torino). Si trova in un condominio inizio anni '70 tenuto bene, ma il monolocale necessita di ristrutturazione per vetustà ed usura.

Parlando genericamente con alcuni operatori turistici della zona (fra cui anche un paio di agenti immobiliari ai quali però non ho ancora neppure chiesto una valutazione) noto che ci sono opinioni differenti:
1) Meglio prima ristrutturare e poi vendere, magari pure già arredato, perché l'acquirente lo userà quasi sicuramente come seconda casa. Che sia un appassionato di sci (in genere famiglie giovani) o un villeggiante estivo (più probabilmente persone anziane) è probabile preferisca una casa "pronta" senza nessun lavoro da fare.
2) Meglio venderlo nelle condizioni in cui si trova, così l'acquirente lo ristruttura e lo arreda come più gli piace.

La casa è un monolocale grazioso con cucinino e bagno. L'interno era stato progettato dall'architetto della precedente proprietaria, sfruttando molto bene gli spazi, con quattro posti letto (divano letto matrimoniale comodo, e due letti a castello a scomparsa separati dalla zona giorno da armadi a muro).
Ora bisogna rifare bagno e cucinino, togliere la moquette del saloncino che è usurata, sostituire due finestre e la portafinestra del balcone, rivedere l'impianto elettrico.
Io non ho fretta e neppure necessità di vendere. Però mi manca il tempo di occuparmene: lo vendo perché è inutile pagare tasse per un immobile che noi non useremo più e non ci interessa affittarlo.

Voi cosa fareste? Ristrutturazione e poi vendita, oppure vendita nello stato in cui si trova (ovviamente ad un prezzo inferiore)?
Grazie per i vostri pareri!
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#2
Generalmente chi acquista una seconda casa tende a preferire un immobile ristrutturato, poiché le difficoltà di seguire i lavori risiedendo altrove sono tante, e si gradisce un immobile utilizzabile da subito.
Ma non c’è una regola valida per ogni situazione.

Tu, ad esempio, hai comprato da ristrutturare.
E , da venditrice, non hai tempo di seguire eventuali lavori nel monolocale.
Inoltre proprio cucina e soprattutto bagno sono le scelte più “personali” , poiché cambiare colore alle pareti di un soggiorno è facile, mentre cambiare colore delle piastrelle è più impegnativo. Si rischia di ristrutturare, e di non incontrare i gusti di possibili acquirenti.
Di contro, una ristrutturazione moderna e con colori e arredi di buon gusto , potrebbe far salire il prezzo più di quanto si spende.

Inoltre sarebbe logico considerare anche la “concorrenza” ; se in quella località tutti vendono un usato vecchiotto, ristrutturare può dare qualche possibilità in più di vendita.

Quindi è veramente difficile scegliere tra le due alternative .
Un compromesso potrebbe essere, non avendo fretta , di provare a vendere nello stato attuale fintanto che non avrai finito i lavori nella casa nuova (intanto puoi continuare a usare il monolocale), e poi, se non avrai venduto, riconsiderare la possibilità di ristrutturare.

Sarò curiosa di sapere cosa deciderai, se vorrai raccontarlo.
 
Piaciuto: uva

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#3
Se dai retta a certe becere trasmissioni di importazione Usa guadagni sempre di più ristrutturato che da sistemare.

@Franci63 ha invece espresso un parere più avveduto.
 
Piaciuto: uva

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#4
Grazie delle risposte. Apprezzo molto il parere di @Franci63!

Io ho acquistato a Bardonecchia (la località più costosa della ValSusa perché è una cittadina gradevole, con molti servizi, molte passeggiate anche in piano comode per gli anziani d'estate, è raggiungibile facilmente sia con l'autostrada che in treno) un bilocale che deriva da un frazionamento.
Il venditore non riusciva a vendere il suo trilocale, perciò l'ha diviso e ha venduto rapidamente il monolocale. Dopo alcuni mesi io ho acquistato il bilocale con un bel terrazzo vista monti e torrente, e i due box. L'ubicazione è molto comoda, l'esposizione buona, perfetto per le nostre esigenze.
In realtà non era da ristrutturare: bel condominio metà anni '80 senza barriere architettoniche, appartamento tenuto bene dall'unico proprietario che non l'ha mai affittato ai turisti (poi è deceduto e il figlio ha venduto).
Però era un po' "vecchio", con particolari in legno e arredi stile "rustico montano" che a noi non piace; quindi lui l'ha svuotato completamente e adesso noi ristrutturiamo e arrediamo con gusto moderno.

Il mio monolocale è a Sauze d'Oulx: lì i prezzi sono un po' inferiori e si trova in vendita un po' di tutto (case da ristrutturare, altre già rimodernate, anche nuove costruzioni costosissime).
I punti di forza della mia proprietà sono l'ubicazione (comoda ai servizi e locali del centro paese oltre che per raggiungere le piste da sci), balcone con vista spettacolare a 180° sulle montagne, cucinino e bagno finestrati. Inoltre costa poco come spese condominiali, riscaldamento e imposte varie. Purtroppo non ho box auto (solo posto auto scoperto non assegnato nel cortile condominiale) ed essendo esposto a nord-est prende poco sole. Inoltre, come già detto, è da ristrutturare perché ormai vecchio di 45 anni!

Devo dire che ho faticato molto per trovare la nuova casa in montagna adatta a noi (ho anche parenti anziani da sistemare): nessuna barriera architettonica, ascensore fino ai box, che sia vicino ai negozi ma con una bella vista sul verde, comodo alla stazione, bagno finestrato (può parere strano ma in montagna si trovano tanti appartamenti con bagni ciechi!)
Ora sono un po' stanca e l'idea di affrontare due ristrutturazioni mi spaventa. Anche se le località non sono molto distanti da Torino dove risiedo (circa 90 km) ho poco tempo e voglia da dedicare alla vecchia casa. Devo pensarci su e decidere con calma!
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#5
ho poco tempo e voglia da dedicare alla vecchia casa. D
Mi sembrano motivazioni più che sufficienti per vendere il monolocale così com’è , senza preoccuparsi troppo delle preferenze di chi vuole acquistare.
Mi pare dalla descrizione piuttosto obiettiva che il tuo appartamento sia comunque appetibile.
Ovviamente il prezzo deve essere ben “tarato”.
 
Piaciuto: uva

moralista

Membro Senior
Professionista
#6
Per ristrutturare un bilocale in due monolocali, si deve ben ponderare i costi che vengono raddoppiati di tale intervento, ed eventuali permessi e concessioni
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto