1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. angelo10121969

    angelo10121969 Membro Ordinario

    salve

    nei prox mesi dovrei vendere casa e mi chiedevo, dato che é una casa vecchia, e serve la certificazione energetica e la ceertificazione dell' impianto elettrico in base
    alla lege 46/90 e comunque quali altri documenti servono.

    in questo momento non ho nessuna certificazione in mano

    grazie
    angelo Moriconi
    Roma
     
  2. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    Se la casa è agibile la certificazione energetica è necessaria. Poi occorre la scheda catastale di ogni unità immobiliare da vendere (quindi verificare che la casa sia accatastata), l'atto di provenienza (compravendita, successione ecc), certificazioni di conformità degli impianti, agibilità ed eventuali titoli abilitativi se negli anni ha subito interventi (concessioni o permessi di costruire e via dicendo). In ultimo potrebbe essere necessario (dipende un po' dal notaio e dalla tua area geografica) il certificato di regolarità edilizia.
     
    A Massimiliano Lusetti piace questo elemento.
  3. valapril

    valapril Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusa gcava, ma la "certificazioni di conformità degli impianti" è necesaria? se sì, come si fa nel caso per es. l'impianto elettrico non è "a norma" , ma è reso fruibile dalla presenza del salvavita?
    Grazie e scusa l'ignoranza valapril
     
  4. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    Il solo "salvavita" costituiva un comodo escamotage per andare in deroga alla legge 46/90. Tale legge è stata superata dal DM 37/2008, molto più stringente in fatto di obbligatorietà delle certificazioni...
     
  5. akillea

    akillea Ospite

    salve...sicchè se l'impianto elettrico non è del tutto a norma non si può vendere un'appartamento?
     
  6. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    A leggere questo si direbbe di no!
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Leggi meglio.
     
    A ragiona piace questo elemento.
  8. akillea

    akillea Ospite

    già....dunque NON è obbligatorio avere l'impianto a norma previo l'accordo con la parte acquirente sullo stato effettivo dell'impianto,anche perchè chi ha provveduto a rifare l'impianto qualche anno fa può non avere la certificazione,occorre solo il certificato energetico che comunque per gli immobili datati chiaro che la clase è la G....
     
    A ragiona piace questo elemento.
  9. pasquale68

    pasquale68 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    il certificato 46/90 e un decumento che certifica l'agibilita della casa inquando va rifatto tutto l'impianto oggi la si chiama 37/08 se fitti una casa senza certificato risci che l'inquilino non ti paga e se denuncia l'impianto dai pompieri risci una multa piu al ripristino immediato del impianto non serve solo il salvavite assendo un impiando di vecchia data va sostituito avere un impianto non a regola si consuma polta piu corrente

     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    No, il certificato 46/90 è solo una parte dei documenti necessari ad ottenere l'agibilità...non è il documento che certifica l'agibilità in toto. Dato che è una compravendita di una vecchia casa, consiglio di verificare(oltre alla ex 46/90 or 37/08 e alla certificazione energetica) se lo stato di fatto della casa corrisponde con le autorizzazioni comunali (concessioni o permessi di costruire) e con il catasto. Se mancano solo uno di questi elementi tecnicamente non si è in regola per una compravendita.

    Il problema grosso nasce quando si è in presenza di totale difformità tra situazione reala e, permessi comunali tali ad esempio da causare un condono edilizio vedasi i casi di divisione di un unica unità immobiliare in più unità , non consentite dalle norme di attuazione del PRG, piuttosto che il cambio di destinazione d'uso di locali (magari adibiti ad uso cantina o garage e trasformate in stanze).

    preciso che i casi di abusivo cambio di destinazione d'uso ed abusiva divisione sono tutt'altro che rari nelle vecchie abitazioni, quasi sempre con vecchi fabbricati ho riscontrato difformità dalla situazione reale al solo permesso di costruire che nella migliore delle ipotesi prevedevano il parziale rifacimento delle tramezzature interne (non concessionate) per arrivare alla totale difformità tra concessione e stato di fatto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina