• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

antonio pierno

Nuovo Iscritto
Salve, io per lavoro dovrò trasferirmi a Roma, attualmente vivo in un appartamento comprato nel 2006. Se vendo l'appartamento (NON RECUPERANDO NEANCHE QUANTO SPESO) prima dei 5 anni e non potendolo comprare a Roma perchè molto cari, vado incontro alle sanzioni previste? Cosa consigliate?
 

Tizio

Nuovo Iscritto
Antonio,
perché non te l'affitti?
Inoltre ti consiglio di vedere nei dintorni di Roma (castelli). Non so se sei pratico della zona.
Ciao

Aggiunto dopo 2 minuti :

Antonio,
perché non te l'affitti?
Inoltre ti consiglio di vedere nei dintorni di Roma (castelli). Non so se sei pratico della zona.
Ciao
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Se vendi nei cinque anni e non ricompri entro un anno dalla vendita devirestituire i benefici ottenuti in acquisto, maggiorati di una sanzione del 30% e degli interessi di mora.

Ti consiglio, se puoi, di aspettare la scadenza dei 5 anni che non mi sembra lontana .
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto