• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

biae67

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve, a tutti devo vendere/donare di un appartamento ( valore catastale 450 euro,) attualmente in locazione, visti i prezzi di mercato non non vendo a terzi, ma volevo vendere o donare a mio moglie e/o mio figlio , sapendo che ho un solo figlio che farà a breve 18 anni.
la domanda:
dal punto di vista fiscale cosa conviene la vendita o la donazione?
ho letto che la donazione sarebbe più conveniente, ma c'è il problema dei 20 anni, cosa vuol dire?
saluti
Eustachio
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Devi valutare attentamente i pro ed i contro delle 2 alternative.

Se hai/avete un unico figlio la donazione può essere una via da considerare.

Se esiste (o arrivassero) altri figli (eredi legittimari) allora i problemi eventuali aumetano.
Su un bene donato è difficile ottenere finanziamenti o pensare poi di vendere.

Solitamente con i "20 anni" si indica il tempo necessario per l'usucapione...ma è improprio farvi riferimento nel caso che citi...salvo appunto di vendita del bene ricevuto in donazione.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
ho letto che la donazione sarebbe più conveniente, ma c'è il problema dei 20 anni, cosa vuol dire?
Vuol dire che , fino a 20 anni dopo la donazione (se non opposta) o 10 dalla morte del donante, chi acquista un bene frutto di donazione corre il rischio di doverlo restituire, se la donazione ha leso la quota di eredità che è obbligatorio lasciare ad alcune categorie di eredi (coniuge, figli, ascendenti).
E questo è il motivo per cui le banche non concedono facilmente mutui su immobili donati , e quindi vendere un bene donato è decisamente più difficile.

Anche tua moglie o tuo figlio, in astratto, potrebbero opporsi alla donazione , se doni ad uno solo dei due .

Per la vendita è necessario che la somma pattuita venga effettivamente pagata e che il metodo di pagamento sia indicato in atto .

Ti suggerisco di parlarne con il notaio, analizzando i pro e i contro e la situazione famigliare complessiva, spiegando anche le motivazioni che ti spingono a volerti privare di un immobile .
Non è solo una questione fiscale.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Assolutamente vi sconsiglio la donazione.

Fate una regolare compravendita a valore di mercato, poi i soldi in qualche modo li restituite / ve li riprendete.

La donazione blocca l'immobile per 20 anni dalla data della stessa, se il donante è in vita.

Blocca invece l'immobile per 10 anni dalla data del decesso del donante, se il donante è deceduto.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Donazione fa rima con punizione, non ve lo scordate mai.

Io ho un immobile bloccato fino al 2020, e sto aspettando dal 2010.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Fate una regolare compravendita a valore di mercato, poi i soldi in qualche modo li restituite / ve li riprendete.
Non è necessario vendere al valore di mercato; per non avere problemi va bene anche vendere ad un prezzo pari o appena superiore al vapore catastale ( che solitamente è ben più basso del valore reale).
Farsi dare i soldi e poi restituirli non mi pare la soluzione giusta ( parere personale), perché è una finta vendita che nasconde una donazione .
Potrebbe anche essere annullata ( se scoperta ), perché considerata donazione , ma fatta senza testimoni.
E non è cosi facile giustificare perché i soldi non sono nelle tasche "giuste".
 

biae67

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma una volta fatta la donazione, moglie o figlio, o entrambi,,, è possibile nel momento che ci siano dei problemi ,, come un futuro acquirente,, retrocedere con la donazione richiedendo indietro l'immobile,?
o sii innesca una nuova donazione e il vincolo dei venti anni rimane sempre?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
retrocedere con la donazione richiedendo indietro l'immobile,?
In generale non è possibile revocare i beni donati ad altri, in quanto la legge considera “ingiusto” chiedere indietro ciò che è stato ceduto a titolo di liberalità.
Quindi prima di fare questo passo pensaci bene.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
è possibile nel momento che ci siano dei problemi ,, come un futuro acquirente,, retrocedere con la donazione richiedendo indietro l'immobile,?
E' possibile, è una sorta di risoluzione della donazione per mutuo dissenso, ed è un sistema ora abbastanza usato per evitare i problemi quando serve vendere un immobile donato. In pratica si ritorna alla situazione precedente.
Ma si può fare solo se il donante è ancora in vita, e comunque c'è la spesa dell'atto notarile.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma una volta fatta la donazione, moglie o figlio, o entrambi,,, è possibile nel momento che ci siano dei problemi ,, come un futuro acquirente,, retrocedere con la donazione richiedendo indietro l'immobile,?
o sii innesca una nuova donazione e il vincolo dei venti anni rimane sempre?
La donazione può essere revocata solo per gravissimi motivi: ingraditudine dimostrabile (esempio: mancata assistenza e pagamento retta residenza protetta ad un nonno che ti ha donato un appartamento), tentato omicidio, e cose gravissime del genere.

La revoca della donazione
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
La donazione può essere revocata solo per gravissimi motivi:
Questo è corretto, ma la revoca è cosa diversa dalla risoluzione per mutuo dissenso.
La possibilità di sciogliere un contratto di donazione per mutuo dissenso risolve i problemi legati alla circolazione degli immobili con provenienza donativa.
Come detto sopra, ovviamente è possibile solo se il donante è in vita.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto