1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ddosso

    ddosso Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti.
    Scusate se apro una discussione su argomenti già trattati, ma forse ogni caso ha le sue caratteristiche specifiche.
    Appartamento lasciato in eredità ad 8 eredi in quote uguali.
    La vendita sul mercato non è ancora andata a buon fine.
    1 degli 8 eredi ha deciso per la vendita giudiziaria della propria quota.
    Chi acquisirà la quota? Che conseguenze ci saranno per gli altri eredi che vogliono continuare a provare a vendere l'immobile sul mercato, mantenendo la proprio quota?
    Scusate le domande banali ma sono piuttosto all'oscuro sull'argomento.
    Grazie mille
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Il coerede, che vuole alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione» (art. 732, comma 1, c.c.). In altre parole, solo di fronte al rifiuto oppostogli da tutti gli altri coeredi, quello tra loro che intenda disporre della propria quota d’eredità è libero di farne offerta, alle stesse condizioni, a soggetti estranei alla comunione ereditaria stessa.
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. ddosso

    ddosso Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ok chiaro. e nel caso lo cedesse tramite vendita giudiziaria ad un estraneo, quello entra a far parte del "gruppo" di eredi con gli stessi titoli e diritti degli eredi originari?
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Nel caso di specie, l'erede ha diritto a chiedere la divisione dell'immobile ex art.713 del c.c., esercitando apposita azione giudiziale.
    Poiché l'immobile descritto non è facilmente divisibile, le possibili soluzioni saranno: uno dei comproprietari ne assume la titolarità per intero, con l'obbligo di versare agli altri un conguaglio in denaro; oppure, il bene dovrà essere venduto all'incanto per ripartire il ricavato tra i coeredi.
    Se un coerede riesce a vendere la sua quota ad un terzo, costui acquisirà gli stessi diritti degli altri coeredi.
     
    A possessore piace questo elemento.
  5. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non capisco perche' il coerede debba ricorrere alla vendita giudiziale quando tutti siete d'accordo a vendere. Lui vende la sua quota, ma chi la compra, un ottavo? E certamente avete voi il diritto di prelazione. Il prezzo sara' certamente bassissimo ed uno di voi o tutti insieme rileverete la sua quota, al prezzo di mercato.
     
    A possessore piace questo elemento.
  6. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Credo che ddosso stia facendo un pò di confusione...

    La vendita giudiziaria viene stabilita dal Giudice solo a seguito di una divisione giudiziale per la quale non c'è stato modo di suddividere l'immobile in parti uguali ed assegnare una parte ad ogni erede.

    Nel caso in specie non leggo di divisione giudiziale per cui non capisco cosa vuoi dire che un'erede vuol vendere la sua quota con "vendita giudiziaria".

    Come han detto Jerry ed Arciera, un coerede può fare quello che vuole della sua quota, anche vendere a terzi, che entreranno a far parte della comunione del bene.
     
    A possessore piace questo elemento.
  7. ddosso

    ddosso Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Allora scusate forse mi sono espresso male, poniamola così.
    Degli 8 eredi, 1 solo vuole fare la vendita giudiziaria dell'intero appartamento (perchè le offerte del mercato non sono soddisfacenti, e vuole chiudere). Gli altri vogliono continuare a provare a venderla sul mercato.
    Gli altri 7 eredi sono costretti ad accettare la vendita giudiziaria per la volontà di 1 solo o possono opporsi? Se si in che modo?
     
    A possessore piace questo elemento.
  8. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Come già detto, per fare la vendita giudiziaria dovrà necessariamente intentare una causa nei confronti degli altri sette coeredi e chiedere lo scioglimento della comunione tramite la divisione giudiziale.

    L'opposizione in tal caso va fatta in Tribunale mediante ricorso alla divisione giudiziale... il che vuol dire che se non c'è accordo, ci saranno otto avvocati, otto consulenti di parte ed una bella baraonda!!
     
    A possessore piace questo elemento.
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Con in più una considerevole riduzione del valore dell'immobile, in quanto verrà posto in vendita all'asta e si sa che se per esempio il valore è 100 il ricavato potrebbe arrivare persino a 60 se non di meno.
    Vi conviene dovendo affrontare (come specificato da massimo ) anche tutte le spese inerenti?
    Pagate ddosso la quota al vostro coerede e...ciccia.
     
    A possessore piace questo elemento.
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    tra otto persone, una strana ci doveva essere. Ma lo ha capito a cosa va incontro? cosa vuole che il giudice possa fare in questo frangente? mettere in vendita a prezzi fuori mercato ed in più le spese giudiziarie? boh! non ci posso credere a quali livelli di stupidità si possa arrivare. ma l'ottavo perchè non lo acquistate voi al prezzo ridotto al massimo?
     
    A possessore piace questo elemento.
  11. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    C'è anche la possibilità che l'ottavo non vuole vendere agli altri, pensa un po' :)
    Magari per vendere agli altri chiede una cifra improponibile...

    In fondo il prezzo lo decide lui...
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    perchè mi sembra di aver capito che l'immobile è già messo in vendita, ma che l'ottavo non vuole attendere il buon prezzo che gli altri sette hanno fissato e vuole svendere. A quersto punto, visto che per i sette vuol dire svendere il prezzo fissato dall'ottavo, sarebbe il caso di fare l'affare. (bisogna leggere tutto...è come mandare giù la medicina tutto d'un fiato...:risata: )
     
    A possessore e JERRY48 piace questo messaggio.
  13. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Una buona ipotesi.
    Ma percorribile solo dai "savi". Chi sono questi ? I 7 o l'uno?
     
    A rita dedè e possessore piace questo messaggio.
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    carina, moolto carina l'interlocuzione. Molto saggia. Credo che il bersaglio sia stato preso. Chi ha ragione? i 7 che resistono a voler fare un buon prezzo forse illusorio, o l'uno che potrebbe più degli altri stare sul mercato? ah! saperlo..saperlo! p.s. ma poi esiste più il mercato?
     
    A rita dedè e possessore piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina