• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pizz

Nuovo Iscritto
#1
Buongiorno a tutti, sono proprietario di un immobile diviso in due unita' abitative delle quali sono titolare al 50% cadauna. L'altro proprietario al 50% non residente in Italia, ma favorevole alla vendita di una delle due unita', quali documenti dovrebbe produrre? Potrebbe bastare una delega ad un parente prossimo quivi residente?
Grazie, Pizz
 

Nemesis

Membro Storico
#2
Potrebbe bastare una delega ad un parente prossimo quivi residente?
Occorre una procura speciale, con sottoscrizione autenticata da un notaio, in Italia. Oppure, all'estero, da un notaio del luogo, ma solamente in Austria, Belgio, Francia, Germania e Lettonia. Se la procura fosse redatta dal notaio estero nella sola lingua estera, questa dovrà essere tradotta in italiano. La traduzione deve essere eseguita da un traduttore giurato con firma legalizzata con "Apostille" dal competente Tribunale dove il traduttore è iscritto, oppure dal Consolato italiano all'estero se il traduttore fosse inserito nella lista dei traduttori accreditati presso il Consolato.
Negli altri Stati, l'autenticazione sarà invece eseguita dal Capo dell'Ufficio consolare.
 
Ultima modifica:

pizz

Nuovo Iscritto
#3
Per cui l'altro proprietario, in questo caso residente in Costarica, andando all'ufficio consolare italiano, potrebbe farsi fare questa procura speciale? Non sai a quale costo?
Grazie che mi hai risposto immediatamente.
 

pizz

Nuovo Iscritto
#6
Interessante questa possibilita'. Allora in questo caso gli assegni della vendita, potranno essere intestati entrambi a me, uno come proprietario e l'altro come procuratore dell'altro proprietario?
 

Gianco

Membro Storico
#7
Dipende da cosa viene scritto nella procura. Se viene previsto il pagamento con assegno circolare intestato al delegante, gli dovrà essere consegnato.
 

vitt1

Membro Attivo
#8
Nella procura, genericamente, si può scrivere che tu sei delegato a svolgere tutte le pratiche, compreso l’incasso della somma derivante dalla vendita. Importante che nella procura sia ben identificato il bene l’oggetto della vendita.
 

pizz

Nuovo Iscritto
#9
Buongiorno, riprendo questa discussione dopo qualche mese, poiche' l'altro propietario del 50% dell'immobile (residente all'estero) non pare piu' intenzionato a fornirmi la procura di vendita. Tra l'altro, non ne avevo parlato nello specifico nei miei precedenti messaggi, l'altro propietario e' mia zia materna, che avendo circa 88 anni e vivendo all'estero, mi prende in giro come vuole. Sarei a chiedervi, con la vostra esperienza, se sapete ; quali diritti ho io sulla casa? potrei affittare la mia parte senza la sua approvazione? a quale figura prefessionale dovrei rivolgermi per un consiglio, notaio, avvocato? Nessuno potrebbe consigliarmi qualche studio di Milano? Sono veramente nelle peste, perche' continuo a pagare allacciamenti, tasse, assicurazione per parte di una casa che non abito da anni. Grazie per eventuali gradite risposte.
 
#10
non pare piu' intenzionato a fornirmi la procura di vendita.
Non vuole fare la procura a te, o non vuole proprio più vendere ?
quali diritti ho io sulla casa?
Tu sei proprietario al 50% di ognuna delle due unità, da quello che dici.
Puoi utilizzarle entrambe , senza impedire il pari uso dell’altro comproprietario.
Puoi affittarne una o entrambe, riconoscendo la metà dell’affitto alla zia.
Dovete pagare imposte e spese metà per uno.
Se l’immobile è già diviso ufficialmente in due unità separate,o è facilmente divisibile, forse vi conviene valutare di procedere alla divisone consensuale della comunione (se siete d’accordo), o chiedere la divisione giudiziale.
Dopo ognuno sarà proprietario di una unità, di cui potrà fare quello che vuole; vendere, affittare, abitare...
Sono veramente nelle peste, perche' continuo a pagare allacciamenti, tasse, assicurazione per parte di una casa che non abito da anni.
Perché paghi solo tu?
 

pizz

Nuovo Iscritto
#11
Sembra proprio che non voglia piu vendere, nello stesso tempo non vuole?/non ha tempo di farmi da procura?non so', ma temo che in qualche modo io debba cavarmela da solo. (o vado in Costarica a prenderla per il coppino)
L'immobile e gia' diviso in due unita' separate, per cui potrebbe essere veramente semplice definire la cosa.
Le varie tasse sono gia' divise al 50% e' che per non abitarla e pagare solo di assicurazione sulla casa all'anno circa 150 euro.......scoccia un poco.
Parlami della divisione giudiziale a cui accennavi, e' fattibile solo con l'assenso di un proprietario? Quale professionista debbo cercare?
Intanto grazie per le risposte.
 
#12
Parlami della divisione giudiziale a cui accennavi, e' fattibile solo con l'assenso di un proprietario?
La divisione è giudiziale (attraverso un provvedimento di un giudice) quando non si raggiunge un accordo per la divisione contrattuale. Quindi dovrai intraprendere la necessaria azione, che deve essere preceduta, a pena d’improcedibilità, dal tentativo di mediazione.
Quale professionista debbo cercare?
Un avvocato.
 

pizz

Nuovo Iscritto
#14
No, ci sono due suoi figli, uno che vive con lei in Costarica oramai da anni ed uno che
sta a Milano ma ha un sacro terrore di sua madre, per cui e' praticamente inaffidabile. Avrei voluto trovare una soluzione non traumatica, ma temo proprio che sara' l'inizio di una faida famigliare. Comunque dovro' contattare un avvocato per capire come muovermi.
 

Gianco

Membro Storico
#15
Allora non c'è alternativa ai consigli di @Nemesis. Certo che se fosse ragionevole potresti proporle una divisione per scrittura privata, tale che tu possa disporre di un immobile, restando invariato l'obbligo della tassazione comunale.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto