1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. robertcan

    robertcan Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Salve,
    Chiedo un consiglio. Dovrei vendere un immobile ereditato da mio fratello. Prego leggere la parte dell'atto interessata Atto Via Vi.......jpg .
    Cosa fare nei confronti di chi ha venduto nel marzo 2007 a mio fratello e come posso risolvere il problema in caso di vendita imminente?
    Grazie
     
  2. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    ormai i termini per una eventuale richiesta per costringere il venditore a mettere in regola l'immobile a proprie spese e' scaduta : il venditore risponde di inosservanze o danni occulti solo nella durata dei due anni successivi alla vendita : puoi vendere l'immobile dichiarando che e' privo di agibilita' : se il compratore e' veramente interessato ti chiedera' uno sconto per l'anomalìa che verra' regolarmente dichiarata sul rogito ("...l'acquirente e' a conoscenza che.....")
    altrimenti puoi recarti in Comune e richiedere del "come fare " per ottenere l'agibilita' : il Comune inviera' degli addetti che valuteranno la situazione e stabiliranno "cosa" fare per ottenerla : dovrai pure fornire una "certificazione energetica"
    auguri
     
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    si tratta di un fabbricato ante 1967, per quanto ne so, per vendere un fabbricato simile non è necessario il certificato di agibilità in quanto edificato prima dell'entrata in vigore delle norme che lo prevedono
    non dovresti quindi avere problemi, comunque informati presso un notaio
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi pare che sulla base di tale documento abbia poche possibilità di reclamare qualcosa. Del resto l'acquirente ha dichiarato di accettare nello stato in cui si trova il fabbricato.

    Mia moglie un anno fa circa ha venduto, a seguito di divisione di un immobile ereditato e di costruzione ante 1967, senza alcun problema un appartameto, tra l'altro disabitato da oltre 15 anni, con impianti fuori norma etc.etc.
     
  5. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    L'acquirenta ha acquistato dichiarando di concludere il rogito in assenza del certificato di abitabilità quindi non vedo come possa fare adesso ad ottenerla da parte del venditore.

    Ciao salves
     
  6. robertcan

    robertcan Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie delle risposte. Volevo sapere se posso vendere l'immobile. Ho già informato l'acquirente dell'assenza del cert. di abitabilità.
     
  7. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    assenza del certificato di agibilita'

    Premesso che il diritto per far valere il diritto alla certificazione di agibilità nei confronti del venditore si prescrive in 10 anni dal rogito.
    Premesso che tale diritto può essere azionato solo ove nel rogito non venga fatta espressa menzione che l'acquirente è a conoscenza di detta assenza, in quanto in caso contrario assume quest'ultimo l'onere economico di dotare l'immobile di detta certificazione, ed il contratto sarà rescindibile solo nel caso in cui non sia possibile ottenerla per evidente assenza di presupposti.
    Tutto ciò premesso, è sufficiente che nel rogito venga fatta espressa menzione che l'acquirente è consapevole dell'assenza di detto requisito.
     
  8. robertcan

    robertcan Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Mi sono informato. Il certificato di abitabilità è acquisito in quanto è una costruzione antica
     
  9. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    agibilita'

    Pur essendo antica non deve aver subito nel tempo trasformazioni tali che abbiano potuto incidere sulla sicurezza, igiene e salubrità.
    Il primo regio decreto disciplinante la materia risale al 1934.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina