• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

lorenab

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno,
avrei bisogno del vostro aiuto per un caso che mi sta accadendo.
Sto accettando un'offerta di vendita di immobile, tramite agenzia, dove io e altre 9 persone siamo i proprietari ( di cui alcuni molto anziani e malati), il quesito è questo:
Come tutelarmi nel caso venga a mancare uno dei proprietari tra l'accettazione dell'offerta e il rogito
( per non pagare né penali all'agenzia né restituire il doppio dell'acconto e caparra versata?
Quali clausole inserire e dove? sul contratto con l'agenzia e/o sull'offerta di acquisto ricevuto?
Ringrazio fin d'ora delle cortesi risposte
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Chi firma l'atto è responsabile della quota che rappresenta. Se uno venisse a mancare, subentrano gli eredi legittimi o testamentari. Ovviamente essendo stato firmato il compromesso gli eredi, se accettano l'eredità, dovranno intervenire per quanto di competenza. Purtroppo l'iter per regolarizzare la successione comporterà uno slittamento dei tempi che non porteranno alcun danno agli eredi, tranne che non ostacolino il completamento dell'accordo.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Chi firma l'atto è responsabile della quota che rappresenta.
Chi firma l’atto è responsabile di quello che firma.
Se uno solo firma che venderà il tutto (cosa perfettamente lecita) , e poi i comproprietari non vogliono vendere, chi ha firmato sarà inadempiente, mentre gli altri (che non hanno firmato) , non subiranno conseguenze.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Poiché vendere firmando l'atto dichiarandosi proprietario è un illecito, non l'ho neanche preso in considerazione. E non solo se gli altri non hanno firmato possono benissimo chiedere l'annullamento dell'atto e chiedere i danni al comproprietario.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Poiché vendere firmando l'atto dichiarandosi proprietario è un illecito, non l'ho neanche preso in considerazione.
Non è quello a cui mi riferivo. Nessun falso.
Esiste una fattispecie definita “vendita di cosa altrui”.
Art. 1478 codice civile - Vendita di cosa altrui
Ovvero, nell’ipotesi di più proprietari :
1] la proposta è indirizzata a tutti; firmano tutti per accettazione , e sono tutti obbligati a vendere, per non essere inadempienti
2] la proposta è indirizzata a tutti, ma firma solo uno. Non c'è accettazione
3] la proposta è indirizzata solo a uno dei comproprietari, che accetta, obbligandosi a far acquisire l’intera proprietà al promissario acquirente. Se non riesce ( perché uno dei comproprietari non vuole vendere ), solo lui sarà inadempiente.

L’ipotesi 3 è quello a cui mi riferivo, come vendita di cosa altrui.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve ho un problema molto grave; ho affittato ad una persona la mia abitazione come ospite dato che c’erano da fare del lavori avrei scalato sul mensile tutto i lavori effettuati in più ha lasciato 1000€ di cauzione ma dato che è entrato da soli 15 giorni ed ancora non ha pagato nessun affitto non ha residenza ed ha spaccato dei mobili buttandoli fuori casa ora come posso fare per mandarlo via???
Buongiorno, chiedo aiuto per il 730 precompilato riguardo la cedolare secca. Il locatore ha lasciato l'appartamento a fine maggio. Ho variato il periodo di pagamento adeguandolo ai 5 mesi di possesso. Tutto ok per i 5 mesi di cedolare 2019 ma nell'esito dei calcoli è sparito il saldo della cedolare 2018.Qualcuno può aiutarmi.
Alto