• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Giuseppe1975

Membro Attivo
Proprietario Casa
#1
Domanda, circa la possibilità di vendere un appartamento al figlio donandogli i soldi per l’acquisto.

Mi spiego meglio, :

io ho due appartamenti che voglio intestare alle mie due figlie maggiorenni ma senza reddito.

Voglio evitare la donazione per dare più libertà alle figlie di vendita e sia eventualmente di richiedere un mutuo.

Partendo dal presupposto che non ci saranno mai litigi tra le sorelle e non mi preoccupa la collazione,ho pensato di muovermi in tal senso

1 - dono a una figlia la somma di 70.000,00 euro con atto pubblico

2 - in un secondo momento dopo sei mesi per esigenze economiche metto in vendita l'appartamento, mia figlia affezionata ai gioielli di casa decide di comprarlo con i soldi donati.


Le mie domande sono :

1 – devo necessariamente donare i soldi con atto pubblico o c’è altro sistema ? se devo fare atto pubblico devo pagare imposte e quali ?
2 - mia figli rischia un accertamento da redditometro oppure l'acquisto è giustificato visto l'utilizzo delle somme derivanti dalla donazione ?
2 – la vendita ad un prezzo inferiore al valore catastale, diciamo un prezzo di favore , può innescare un accertamento dell’ Agenzia delle Entrate anche se in atto pago le imposte sul valore catastale ?

grazie in anticipo della risposta
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#2
Se segui l'iter inizialmente descritto...ti sei già risposto.
La donazioni "ingenti" meglio siano per atto pubblico... così ti eviti i problemi che paventi.

Potresti evitarlo se tua figlia compra l'immobile da terza persona e tu paghi ill conto (donazione indiretta)...ma gli immobili sono tuoi.

Ps.
Presumo acquistino con il beneficio "prima casa"...indica il "giusto valore"
Un Notaio serio ti spiegherà esaurientemente.
 

romettor

Membro Junior
Proprietario Casa
#3
Scusa, per la donazione di cifra ingente è necessario l'atto pubblico ex art. 782 c.c. Quando fate l'atto di acquisto occorre dichiarare "almeno" il valore catastale per non incorrere in verifiche etc. dell'AE. In alternativa farsi fare una stima dell'immobile in modo da dimostrare che causa stato di manutenzione negativo alla fine vale meno del catastale. Se le cifre che le figlie ricevono sono certificate come provenienti da donazione con tanto di atto pubblico non sussistono problemi: quello che oggi l'AE vuole è che i guadagni ed introiti siano tracciati e/o tracciabili e qui ci siamo.
Alla fine dico, non conviene donare la casa direttamente?
Saluti Ettore
 

moralista

Membro Senior
Professionista
#5
ma è mai possibile che questi problemi nascono sempre per un eventuale richiesta di mutuo da parte del ricevente la donazione?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#6
Non solo in quel caso.
Personalmente non acquisterei (salvo attenta indagine e precauzioni esagerate) un bene che il venditore ha ricevuto in donazione.
Se poi vien fuori un erede sconosciuto o un legettimario rivendica una lesione hai voglia.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
#8
E'vero che prevenire è meglio che curare, ma qui si sta esagerando di veder saltar fuori eredi da tutte la parti, e sconosciuti agli interessati:)
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#9
Io ritengo che sia giusto conoscere tutte le variabili e gli imprevisti...poi ognuno è decide in base alla propria propensione al rischio.
Perché la "statistica" dice una cosa...ma poi se ti capita non ripartisci l'evento con altri.
La fortuna sarà anche cieca...ma la sfiga ci vede benissimo.
 

Giuseppe1975

Membro Attivo
Proprietario Casa
#10
Tornando al mio discorso mi sembra di capire che là soluzione giusta da seguire è la seguente :
Donazione dei soldi da padre a figlia con atto pubblico....
Vendita dell’immobile alla figlia pagando le imposte sul valore catastale, anche se il prezzo potrà essere inferiore ma non eccessivamente.
Così facendo dovrebbe andare tutto liscio.
Ma se io i soldi li regalo un po’ alla volta?
Mi spiego: libretto postale intestato a minore ogni anno gli regalo 10.000 euro in 7 anni sono 70.000 devo fare comunque l’atto pubblicato?
 

romettor

Membro Junior
Proprietario Casa
#11
Occorre vedere se per te i 10000 e sono modico valore. Alla fine chi andrà a controllare? Solo se in effetti capita il coerede che vuole tirare grane allora si. Per questo i genitori debbono cercare di non far differenze etc. perchè poi le liti fratricide esistono eccome e non nella fantasia malata.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#12
Mi spiego: libretto postale intestato a minore ogni anno gli regalo 10.000 euro in 7 anni sono 70.000 devo fare comunque l’atto pubblicato?
Se ti nascondi dietro al nickname @Giuseppe1975 ma in realtà ti chiami Berlusconi Silvio o Bill Gates o qualsivolgia altro multimilionario... 10.000 Euro non sono una donazione rilevante ...ma una mancia.

Ps
Ovviamente i "multimilionari" non vengono a chiedere lumi in un forum.
 

Giuseppe1975

Membro Attivo
Proprietario Casa
#13
Se ti nascondi dietro al nickname @Giuseppe1975 ma in realtà ti chiami Berlusconi Silvio o Bill Gates o qualsivolgia altro multimilionario... 10.000 Euro non sono una donazione rilevante ...ma una mancia.
Non è questione di essere Silvio o Bill, diciamo che il concetto di modico valore è molto soggettivo, non c’è una percentuale rispetto al patrimonio posseduto che consente di identificarlo. E in questi margini oscuri che il legislatore ha lasciato (volitamente o per incompetenza) che cerchiamo da comuni mortali di muoverci per risolvere problematiche create dai legislatori stessi. Come dicevi tu :

Non solo in quel caso.
Personalmente non acquisterei (salvo attenta indagine e precauzioni esagerate) un bene che il venditore ha ricevuto in donazione.
Se poi vien fuori un erede sconosciuto o un legettimario rivendica una lesione hai voglia.
Sto cercando per tempo visto che ancora sono minorenni,una soluzione per non lasciare alle mie due figlie due immobili poco appetibili, commercialmente parlando... vi racconto un aneddoto, andai in banca qualche anno fa circa dieci, per chiedere un mutuo per ristrutturare casa, la banca malgrado tutte le ampie garanzie, mi rispose “il mutuo non te lo diamo perché l’usufrutto dell’appartamento ti è giunto per donazione”....e con questo vi ho detto tutto.

Se qualcuno ha alitri suggerimenti sono ben accetti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto