• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

luca53

Membro Junior
Proprietario Casa
#1
Buongiorno, sono in trattativa per la vendita di un negozie ed un appartamento ad un solo soggetto.
Gli importi di vendita dei due beni sono decisamante inferiori al valore catastale per l'immobile e di mercato per il negozio.
Faccio un esempio : immobile con valore catastale di circa 90000 E e il negozio con valore commerciale di circa 70000 E.
Ora mi trovo nella situazione di vendere i due beni per un importo totale di 50000E. Me ne voglio liberare al di la della convenienza economica.
Per non innescare contenziosi con l'Ag.Entrate come dovrei fare?
Posso dichiarare nell'atto il valore reale pattuito di 50000 E e pagare imposte ( l'acquirente naturalmente) sulla base del valore catastale per l'appartamento e commerciale per il negozio? naturalmente dovrò fare un passaggio con il notaio ma intanto vorrei avere un confronto con alcuni di voi esperti. grazie
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
#3
seguo interessante...

nel fallimento dell'italia c'è anche questo problema... hai una casa , devi svenderla... e vieni pure perseguito.

in problema però penso ricada sull'acquirente o anche sul venditore ??
 

luca53

Membro Junior
Proprietario Casa
#5
Buonasera, nel frattempo credo di avere risolto.Vi illustro.
Nell'atto dichiaro il valore reale pattuito pari a 50000E.
Per le imposte, pagherò per l'immobile residenziale in funzione del valore catastale,mentre per il negozio pagherò imposte su un valore commerciale dedotto dalle tabelle OMI applicando la media tra i valori di mercato.
Pagherò decisamente di più, va avrò meno contestazioni.
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
#6
ciao Luca, ok.... paghi più tasse.... ma avrai fatto un documento scritto dal notaio in cui si indica che dovi(per esempio...) pagare 20.000 al privato ma per figurare più tasse paghi 50.000 ....tipo ?
 

luca53

Membro Junior
Proprietario Casa
#7
ciao @fasa78 non ho capito la tua osservazione. Comunque provo a ripetere come avverrebbe il rogito.
Nell'atto di vendita indico esattamente la cifra pattuita di 50000 euro per i due immobili.Sempre nell'atto di vendita mi avvalgo della facoltà di pagare le tasse sul prezzo valore, in questo modo pagherò tasse sull'appartamemnto per il suo valore catastale, e pagherò tasse sul negozio sul suo valore commerciale dedotto dalle tabelle OMI come sopra specificato.
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
#8
ah ok... si più o meno quanto ho detto io... ovvero

se ipotizzo devo acquistare una casa per quale ci siamo accordati (esempio) per 100.000 ma il valore commerciale per A.D.E. è di 200.000, il notaio in base ai valori catastali (ipotizzo farà lui i dovuti calcoli) mi farà pagare le imposte per 200.000 euro, ma alla fine io pago la casa 100.000. Così siamo tutti contenti.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#10
il notaio in base ai valori catastali (ipotizzo farà lui i dovuti calcoli) mi farà pagare le imposte per 200.000 euro
No. Se la cessione riguarda immobili a uso abitativo e relative pertinenze, soggetta a imposta di registro (quindi esclusa la cessione soggetta a IVA) nei confronti di persona fisica che non agisca nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali, le imposte saranno calcolate sul valore catastale.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#12
Sempre nell'atto di vendita mi avvalgo della facoltà di pagare le tasse sul prezzo valore, in questo modo pagherò tasse sull'appartamemnto per il suo valore catastale,
ma tu sei il venditore, o sbaglio ?
La dichiarazione di voler usufruire del prezzo/valore per l'immobile abitativo deve farla l'acquirente.
 

luca53

Membro Junior
Proprietario Casa
#13
Io sono il venditore.Certo le tasse le paga naturalmente chi acquista.
Bene, assodato che pagando le imposte sul prezzo/valore per l'abitativo siamo a posto, per il negozio, per evitare contenziosi con AE si pagheranno imposte sul valore ricavato dalle tabelle OMI.
Le imposte alla fine saranno abbastanza alte ma salvaguarda l'acquirenti da possibili contenziosi.
 

Liederman

Membro Attivo
Proprietario Casa
#14
Io sono il venditore.Certo le tasse le paga naturalmente chi acquista.
Ho un caso simile. Le tasse sono dovute dal solo acquirente, giusto? e quindi anche le eventuali relative sanzioni?
Di conseguenza se si volesse fare una perizia per stabilire il valore dell'immobile sarebbe a carico del solo acquirente?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#15
anche le eventuali relative sanzioni?
No.
Art. 57 del TUR, approvato con D.P.R. n., 131/1986:
Oltre ai pubblici ufficiali, che hanno redatto, ricevuto o autenticato l'atto, e ai soggetti nel cui interesse fu richiesta la registrazione, sono solidalmente obbligati al pagamento dell'imposta le parti contraenti, le parti in causa, coloro che hanno sottoscritto o avrebbero dovuto sottoscrivere le denunce di cui agli articoli 12 e 19 e coloro che hanno richiesto i provvedimenti di cui agli articoli 633, 796, 800 e 825 del codice di procedura civile.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto