1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. neon

    neon Nuovo Iscritto

    Gentilissimi utenti del forum il mio quesito è il seguente:devo vendere la casa acquistata 3 anni fa con il mio ex e non credo di riacquistare entro un anno. La plusvalenza non sussiste perchè abbiamo preso la residenza il mese dopo il rogito e l'abbiamo tutt'ora.Però le sanzioni (vendita tra privati) su che valore devo calcolarle? L'imponibile è di 80.379,92 e la rendita catastale è di 695,93. Poi un'altra domanda:se il fisco non accerta la violazione entro i 3 anni il notaio mi ridà l'assegno versato al rogito?
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    discussione interessante. io non so aiutarti. ti faccio compagnia mentre aspetti news.
     
  3. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    ciao
    la legge dice che in tal caso si pagano le imposte in misura ordinaria (cioè non il 3% più 336 euro ma al 10%), più una sanzione del 30% sulla differenza tra quanto effettivamente pagato e quanto invece devi pagare (cioè 10-3=7%, quindi come sanzione paghi il 30% del 7% del valore catastale) più gli interessi di mora.
    Mi rimane un dubbio però, se andando tu all'Agenzia delle Entrate a segnalare la cosa hai diritto (come avviene in altri casi) a una riduzione della sanzione.
     
    A possessore piace questo elemento.
  4. armando arg

    armando arg Membro Junior

    7% di quanto avete dichiarato in atto + il 30 % di interessi (tot. 9,1 % del dichiarato + piccole spese non quantificabili). Il notaio se entro un anno non riacquisti è tenuto a comunicare la perdita delle agevolazione e versare le imposte che sicuramente si farà versare.
     
  5. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Si,
    cé una riduzione della sanzione, ma non so esattamente quanto.

    F.
     
  6. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    io mi sono riletto la normativa e invece non ho trovato nulla, cosa che pure mi pareva di ricordare; in pratica pare di capire che la sanzione si paga per intero, senza sconti. Non è però escluso che ci sia qualche riduzione, val sempre la pena di chiedere, al limite non c'è e pace...
     
  7. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Se non ricompri entro l'anno prendi l'imponibile-rendita catastale rivalutata calcoli il 7% che non hai pagato in fase di acquisto perchè hai avuto l'agevolazione, aggiungi un 30% di sanzione ed aggiungi gli interessi legali (dipende se e quando riceverai la notifica). Questa è la sanzione.
     
  8. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    acquirente, Questo non concorda con il fatto che lo stesso notaio che redige l'atto si occupa di trattenere
    l'eventuale imposta.
    Secondo me la discriminante sta nel fatto di dichiarare o meno al momento dello stesso se si ha intenzione di riacquistare o meno entro l'anno la prima casa ....
     
  9. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    no, perchè la perdita dell'agevolazione ha due motivi: uno la mancanza dei requisiti già all'atto, il secondo è il decadere dei requisiti nei cinque anni. Ovviamente l'avvenire del secondo motivo non può essere previsto, quindi non si può mettere in atto (fonte: direttiva ADE)
     
  10. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    cosa intendi ?
    puoi spiegarti meglio ?
     
  11. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    beh, non si può sapere a priori se si rispettarà o no questo vincolo: quindi se passano i 5 anni senza cambiamenti, tutto ok, se no dal momento in cui si vende l'immobile prima del termine parte l'anno di tempo, scaduto il quale si paga la sanzione.
    "il potere degli uffici di disconoscere i benefici, nel caso di mendacio sopraggiunto, può essere esercitato solo dall'evento stesso" circolare ADE agosto 2005 n°38
     
  12. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    MA se all'atto della vendita del immobile in mio possesso prima dei 5 anni dichiaro al notaio di non voler acquistrne un altro ??:domanda:
     
  13. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Decade dalle agevolazioni fiscali "prima casa" colui che, prima che siano decorsi cinque anni dall' acquisto dell’immobile comprato con i benefici fiscali, ceda questo immobile senza acquistare, entro l'anno successivo, un altro immobile da adibire a propria "abitazione principale" (articolo 1, comma 4, nota II-bis, della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 26 aprile 1986 n. 131). La decadenza dai benefici fiscali comporta il pagamento delle imposte di registro, catastale e ipotecaria nella misura ordinaria, oltre a una sanzione pecuniaria pari al trenta per cento delle stesse imposte, e agli interessi di mora.Tuttavia, il mancato pagamento da parte del venditore di quanto dovuto a titolo di decadenza dai benefici fiscali può riflettersi negativamente sull'acquirente a causa del privilegio speciale di cui beneficia lo Stato sull’ immobile alienato prima del decorso del quinquennio (il privilegio è una causa legittima di prelazione accordata dalla legge in considerazione della causa del credito). Ai sensi dell’articolo 56, comma 4, secondo periodo del citato Dpr n. 131/1986, infatti, «lo Stato ha privilegio secondo le norme stabilite dal Codice civile. Il privilegio si estingue con il decorso di cinque anni dalla data di registrazione». Ai sensi dell’articolo 2772, comma 1, Codice civile, hanno privilegio speciale immobiliare «i crediti dello Stato per ogni tributo indiretto».È opinione diffusa, sia presso la giurisprudenza di legittimità che l’Amministrazione finanziaria, che il credito dello Stato per imposta di registro – anche quando si tratti di imposta dovuta in misura ordinaria a seguito della decadenza da agevolazioni concesse all’atto della registrazione – sia sempre assistito da privilegio speciale sull’ immobile a cui si riferisce l’imposta di registro stessa. Il privilegio può essere esercitato anche in pregiudizio del sub-acquirente (Si veda Cassazione civile, 11 maggio 1978, n. 2294; Risoluzione del 31 marzo 1977, 251475). Di conseguenza, è opportuno – ogni volta che si cede un immobile acquistato con le agevolazioni fiscali prima dei cinque anni dall'acquisto – che l'acquirente si premuri di ottenere adeguate garanzie dal venditore in ordine al riacquisto, entro l'anno, di altra "abitazione principale" o, in alternativa, al pagamento di tutte le somme dovute. (Fonti: Il Sole 24 Ore)
    il compratore paga il prezzo pattuito interamente, il Notaio che rogita fa il conto di quanto il venditore, che non acquistasse entro l'anno altro immobile, dovrebbe pagare sia per la decadenza dei benefici fiscali goduti consistenti in imposta di registro, catastale e ipotecaria che alla sanzione pecuniaria pari al 30% delle già dette imposte; e ne trattiene tale importo dalla cifra corrisposta dal compratore.Se il venditore ottempera entro l'anno al disposto di legge bene e svincola la cifra, diversamente con quel denaro paga lo Stato che è beneficiario di un privilegio speciale. PERTANTO NULLA DEVE IL COMPRATORE.
     
  14. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io mi sono trovato a vendere prima dei 5 anni ma il notaio non mi ha trattenuto un bel niente.
    Quella che dici e' una prassi o una legge ??
    Sul rogito comunque erano richiamate le eventuali sanzioni in caso di non riacquisto ...
     
  15. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    e' una prassi................che tutela l'acquirente.;)
     
  16. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    quello che si dice è legge, ben spiegata nella circolare di cui sopra ho citato gli estremi e che ti puoi trovare facilmente in forma integrale. Comunque l'agenzia delle entrate ha tempo tre anni per notificarti la sanzione (magari son già passati e tu sei a posto...)
     
  17. neon

    neon Nuovo Iscritto

    Grazie a tutti per le risposte..ho un'altra domanda: la sanzione del 7% dell'imponibile maggiorata del 30% va poi divisa per due essendo la casa intestata al 50% giusto? Quindi all'incirca 7000 euro in totale da versare?
     
  18. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    :daccordo:
     
  19. teofilatto

    teofilatto Membro Attivo

    Professionista
    si, va versata da te e dall'altro proprietario. Occhio però che la responsabilità del pagamento è solidale, cioè allo stato non interessa chi paga, basta che i soldi arrivino (te lo dico per informazione). L'imposta a me risulta di 5.626 (il 7%) più il 30% si arriva a 7.314 più la mora che dovrebbero essere poche decine di euro.
     
  20. neon

    neon Nuovo Iscritto

    Quindi mettiamo sia per eccesso 7.500 euro..comunque questa sarebbe la cifra totale da versare?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina