1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pascale

    Pascale Membro Junior

    Impresa
    Buona sera. sono proprietario di un suolo edificabile. al comune mi dicono che è possibile realizzare circa 400 mq di capannone in aderenza ad altro manufatto di mia proprietà risolvendo così il problema della distanza e, quindi, la concessione edilizia deve essere richiesta a nome mio.
    Ora, avrei intenzione di vendere il suolo in questione con possibilità di realizzare il capannone ma non con concessione già approvata (di cui dovrei accollarmi gli oneri).
    la mia domanda è questa: in quanto proprietario io mi limito a firmare la concessione edilizia che per il ritiro richiede circa 20/30 mila euro. posso gestire la vendita del suolo mettendo in atto che tutti gli oneri di concessione sono a carico dell'acquirente? un tecnico o un avvocato o direttamente il notaio possono legalizzare quest'aspetto della vendita? Un preliminare che specifica quest'aspetto è sufficiente? e, se si, lo redige l'avvocato o è pertinenza del notaio?
    grazie a quanti siano in grado di dare una risposta.
    pascual
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certo che puoi. Preliminarmente dovresti verificare se l'assegnazione è vincolata alla costruzione dell'edificio da parte tua, per cui dovresti vendere l'immobile finito. Lo posso affermare perché anch'io mi trovo nella stessa situazione e per vendere devo prima terminare il fabbricato. Per l'atto è sufficiente rivolgerti ad un notaio. Sappi che puoi vendere il lotto con progetto approvato. In tal caso la concessione edilizia dovrà essere volturata a nome dell'acquirenti il quale si sobbarcherà tutti gli oneri.
     
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    la possibilità che hai è di mettere in vendita il terreno così com'è con l'impegno di presentare il progetto ma con l'acquirente già impegnato, ovviamnete l'impegno sarà condizionato all'ottenimento del permesso, al momento dell'approvazione si voltura l apratica e la porterà a compimento ilnuovo proprietario[DOUBLEPOST=1393833831,1393833766][/DOUBLEPOST]abbiamo risposto io e Gianco in contemporanea :)
     
  4. Pascale

    Pascale Membro Junior

    Impresa
    Grazie gianco e grazie griz.
    per gianco vorrei specificare che: il lotto mi è pervenuto per atto di divisione con i fratelli nel 1990 e lo strumento urbanistico mi permette di realizzare il capannone da 400mq. sono d'accordo col vendere con progetto approvato e di volturare la concessione a nome dell'acquirente, ma, questo deve essere fatto prima o dopo il rogito definitico? vorrei essere sicuro che sia chiaro in fase di vendita che io, in quanto proprietario, vendo un suolo su cui si può realizzare quello e che tutti gli oneri di concessione, urbanizzazione ecc. sono a carico dell'acquirente.
    Volturare una concessione è prassi normale? grosso modo cosa richiede e quanto costa?

    per griz: per favore, puoi spiegare meglio le tempistiche?
    vendo il terreno così com'è, trovo l'acquirente ed ottengo la concessione (a nome mio perchè fin quì sono ancora io il proprietario). Poi? come si procede fino all'atto definitivo per non essere tenuto io al ritiro della concessione e quindi ai relativi oneri?

    grazie per l'attenzione ( e per la contemporanea )
     
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    le procedure possono essere varie, puoi anche individuare l'acquirente il quale in forza di un compromesso, presenti a nome suo la pratica edilizia, oppure che la presenti a sue spese a nome tuo per poi volturare la pratica. Volturare la pratica è una cosa normalissima: il nuovo proprietario presenta al comune una richiesta avallata dal nuovo titolo di proprietà ed il comune comunica l'accettazione, di solito il costo è la marca da bollo, non vi sono tempistiche particolari, è la semplice accoglienza di un'istanza
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se la concessione deve solo essere ritirata dopo avere versati i dovuti oneri, puoi volturarla a suo nome dopo avere stipulato l'atto. Sarà sufficiente presentare una richiesta di voltura facendo presente che chi subentra ha titolo per avere acquistato con atto pubblico del quale dovrai fornire gli estremi. A te non costerà nulla, se non una marca da bollo se ti verrà richiesta.
     
  7. Pascale

    Pascale Membro Junior

    Impresa
    Per gianco e griz,
    grazie!!
    pascale. (non nascondo che vi chiederò ancora)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina