1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Solideamg

    Solideamg Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Salve, sono nuova in questo forum e spero che qualcuno mi aiuti a risolvere questo dilemma. Sto prendendo in locazione un locale commerciale con 5 vetrine per aprire un centro estetico ma le vetrine hanno solo la serranda o meglio, le vetrine sono state eliminate dal vecchio conduttore che le ha sostituite con il cartongesso..per cui le vetrine sono da fare. Dunque il dilemma è : a chi tocca pagare le vetrine? La proprietaria dice che tocca a me ma non ne sono convinta !!! Il contratto non l'ho ancora stipulato. Grazie s chi mi darà una risposta
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se intende pretendere le vetrine dal locatore, dovrà far sottoscrivere tal obbligo.
     
  3. Solideamg

    Solideamg Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    C
    si, ovviamente, ma vorrei sapere se gli oneri sono a carico mio o a carico del prop
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Intendevo proprio ciò con la prima risposta: se lei pretende che il suo conduttore paghi l'installazione delle vetrine dovrà ottenerne il consenso (firma di specifica clausola sul contratto). Al contrario, sarà lei a dover affrontare integralmente il costo; solo se le venisse nascosto il tutto lei potrebbe eccepire il "vizio": ma come potrà esserle tenuta nascosta la mancanza delle vetrine?
     
    A pesco piace questo elemento.
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quel che intende Ollj, con linguaggio professionale, è che la questione può essere concordata senza poter pretendere in forza di una Legge.
    Tu il contratto non lo hai firmato e la mancanza di infissi (vetrine) ti è nota quindi:
    1-chiedi che della spesa si occupi il locatore...che ovviamente potrà chiedere una adeguata compensazione se non persino una "garanzia" (fidejussione) che tu non cessa l'affitto prima di X anni.
    2-curi a tue spese l'eliminazione delle chiusure in cartongesso(???) e installi i "telai" che ti aggradano detraendoli fiscalmente (ammortamento). Occhio che il locatore potrebbe pretendere (giustamente) il ripristino dello stato di fatto attuale. Meglio definire la questione.
    3-cambi progetto e cerchi altra sede.

    Potresti "pretendere" la sostituzione a carico del locatore solo se avessi firmato un contratto dove si desriveva il "negozio" dotato di vetrine e avessi rilevato la difformità dopo la firma.
    Tale ipotesi non coincide con la realtà.
     
    A pesco piace questo elemento.
  6. Solideamg

    Solideamg Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Ok , è tutto chiaro. Grazie mille ad entrambi
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Sarebbe interessante sapere se il progetto approvato prevede le cinque vetrine o se sono state eliminate con un progetto di variante in corso d'opera. Altresì bisognerebbe verificare come l'immobile è rappresentato nella planimetria catastale. Comunque è strano che un locale commerciale sia stato penalizzato con l'eliminazione delle cinque vetrine che sono l'elemento essenziale per un locale dedicato al commercio e quindi all'esposizione dei prodotti trattati.
     
  8. Solideamg

    Solideamg Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Ciao Gianco, dunque ti spiego, ero alla ricerca di un locale ed ho individuato questo angolare con cinque vetrine o meglio serrande.. Entrata nel locale per visionarlo mi sono resa conto che, tranne la porta d'ingresso ( senza vetrina quindi solo serranda) le altre quattro sono chiuse all'interno con pareti di cartogesso, lavoro che ha fatto il precedente conduttore.ora la proprietaria dice che le vetrine sono a carico mio . Ma non ne sono convinta !
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente il locale lo avrai visionato prima di firmare il contratto e ovviamente ti sarai resa conto dell'anomalia. Inoltre anche il canone d'affitto dovrebbe evidenziare la sua destinazione d'uso. Una cosa è un locale commerciale, un'altra un deposito inutilmente posto in angolo strada con cinque saracinesche e penalizzato sia sulla visibilità che sulla luminosità. Probabilmente il precedente inquilino lo utilizzava come deposito. Comunque tutto dipende dal progetto approvato e dalla categoria e classe presente sulla visura catastale, oltre che dalla rappresentazione nella relativa planimetria.
     
  10. Solideamg

    Solideamg Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Il locale è ad uso commerciale e il precedente locatore aveva una sala giochi ( per questo ha eliminato le vetrine che ha chiuso con cartogesso) che tra l'altro è sparito lasciando debiti per circa 10 mensilità. Ma questo non è un problema mio! In ogni caso cercherò di trovare un accordo o un'altro locale ! Grazie a tutti
     
  11. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ci si può anche accordare nel senso che tu paghi le vetrine e la proprietaria ti riduce l'affitto per un determinato periodo di tempo. Prova a proporlo dopo esserti fatta un'idea di quanto potrebbero costare le nuove vetrine,
     
  12. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ma se il precedente inquilino ha sistemato il cartongesso da qualche parte si troveranno le vetrine presenti in origine. Logica vorrebbe che fossero inglobate fra i pannelli amovibili. Se così fosse l'impegno non sarebbe granché gravoso.
     
  13. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Ti conviene fare tu le vetrine a tue spese che deduci dall'ires.
    Le fai a tuo gusto.
    Il locatore potrebbe piazzarti delle vetrine non adeguate alla tua attivita.
    Oggigiorno la vetrina e'elemento essenziale del layout del locale.
    Magari ci incorpori luci a led.
    Quando te ne vai le smonti e le vendi.
    Il vetro si ricicla bene.Pagano.
    Pure il ferro ormai.
    In cambio al locatore chiedi 2-3mensilita'gratuite iniziali pet compensare la spesa.
    Il licatore non e'obbligato a darti il locale con le vetrine.
    Ovviamente se il proprietario E'una societa,conviene alla societa locatrice installare le vetrine ,come piu'gli piacciono,in quanto deduce la spesa dall'ires
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Key, non sono d'accordo con te, se il locale è commerciale il locatore me lo deve consegnare in condizioni di assolvere alla sua destinazione. Evidentemente un locale commerciale che non dispone dalle vetrate previste dal progetto e accertate nell'agibilità non è regolare. Pertanto no può essere affittato con quella destinazione.
     
  15. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Previste da quale progetto?
    Il locatore al massimo deve allegare al contratto la planimetria catastale.
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Per essere agibile il locale deve essere corrispondente al progetto approvato ed alla planimetria catastale.
     
  17. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Appunto planimetria catastale che NON contempla vetrine,arredi,canne fumarie,etc
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Probabilmente uno di noi due sta commettendo un errore. Io per vetrine intendo gli infissi a vetri, poste sulle murature perimetrali sui due fronti strada, essendo l'immobile de quo ad angolo. Non credi che si tratti di vetrine interne da esposizione che sono amovibili e che non fanno parte dell'immobile locato. Le prime devono apparire nelle planimetrie catastali.
     
  19. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Ma quando,ma dove?
    La planimetria catastale 2d contempla solo le mura esterne,gli accessi,i bagni,le tamponature interne,porte e finestre,ma come punti di accesso e ventilazione.
    Poi se serve la dia sanitaria come i ristoranti,altro capitolo
     
  20. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Io non so che mestiere faccia, ma io sono figlio d'arte ed esercito con iscrizione all'albo professionale dal 1974 e qualche accatastamento l'ho fatto. Non credo che tu possa insegnarmi a redigere le planimetria catastali. esse devono rappresentare lo stato di fatto con tutti gli infissi interni ed esterni, la destinazione dei ripostigli, dei servizi igienici, oltre alle altezze e confinanti.
    Il catasto non ha nulla a che vedere con la dia sanitaria.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina